Consiglio Comunale – I Love Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv Livigno ed il suo blog Sun, 22 Dec 2019 22:15:13 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.4 https://www.ilovelivigno.com/liv/wp-content/uploads/2015/02/2-54f06972v1_site_icon-32x32.png Consiglio Comunale – I Love Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv 32 32 Consiglio Comunale il 23 dicembre 2019 https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/12/consiglio-comunale-il-23-dicembre-2019/ Mon, 23 Dec 2019 02:12:34 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=36327 Il giorno lunedì 23 dicembre 2019 si riunisce il Consiglio Comunale di Livigno alle ore 15.30 con il seguente ordine del giorno:

——————————————————————————————————————————–

]]>
Avvisi della settimana nella Parrocchia di Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/12/avvisi-della-settimana-nella-parrocchia-di-livigno-50/ Sat, 14 Dec 2019 15:40:21 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=36311 Ecco gli avvisi della settimana dal 15 al 22 dicembre 2019 nella parrocchia di Livigno:

  • Lunedì ore 21, incontro volontari di Casa San Rocco. Si attendono nuovi volontari, disponibili a collaborare
  • Martedì ore 21.0 a S. Maria, Concerto musicale, proposto dalla Biblioteca
  • Mercoledì ore 21, incontro sul Vangelo della domenica successiva
  • Giovedì Oratorio di Livigno dalle 15 alle 18, “Biscotti di S. Lucia” (€ 2)
  • Domenica ore 21 a S. Maria, Concerto corale dei bambini e ragazzi del laboratorio Corale del Coro Monteneve 

NOVENA DI NATALE
da lunedì 16 dicembre a martedì 24
ore 17.00 nella Chiesa di Santa Maria
e ore 17.30 nella Chiesa di S. Anna a Trepalle

CONFESSIONI in preparazione al S. Natale 2019
Martedì 17 ore 9.00 – 12.00 a S. Maria
ore 14.00 ragazzi/e di Prima Media a S. Maria
ore 15.00 ragazzi/e di Seconda Media a S. Maria
ore 16.00 ragazzi/e di Terza Media a S. Maria

Mercoledì 18 ore 9.00 – 12.00 a S. Maria e a S. Rocco
ore 15.00 ragazzi/e di Quinta Elementare
ore 16.30 ragazzi/e di Trepalle
ore 20.00 – 21.30 giovani e adulti a Trepalle

Venerdì 20 ore 9.00 – 12.00 a S. Maria e a S. Antonio
ore 15.00 – 17.00 a S. Maria
ore 20.30 – 22.30 giovani e adulti a S. Maria

Sabato 21 ore 9.00 – 12.00 a S. Maria
ore 15.00 – 17.00 a S. Maria

Lunedì 23 ore 9.00 – 12.00 a S. Maria e a S. Rocco
ore 15.00 – 17.00 a S. Maria

Martedì 24 ore 7.00 – 12.00 a S. Maria
dalle 9.00 – 12.00 a S. Maria
ore 15.00 – 17.00 a S. Maria

  • Nella sera di venerdì 20 saranno disponibili diversi sacerdoti: una occasione da non perdere!
    Si chiede di provvedere per tempo per le confessioni,

 

INTENZIONI DELLE SANTE MESSE

Domenica 15 dicembre – III Domenica di Avvento – A
S. Maria ore 8.00 Ann. Valente Giovanni; don Renato Mauri
S. Rocco ore 9.15 Ann. Masa Toni, Peri Costantina e
Moro Domenico
S. Maria ore 10.30 per la comunità
Trepalle ore 10.30 Suffr. Bormolini Filomena e Cristoforo
S. Rocco ore 16.00 Ann. Longa Maria e Bormetti Severino
S. Maria ore 18.00 Ann. Bormolini Guido
S. Maria ore 19.30 Ann. Leoni Emanuele

Lunedì 16 dicembre
S. Antonio ore 7.30 Suffr. dott. Mazzucchi
S. Rocco ore 18.00 Ann. Silvestri Barbara

Martedì 17 dicembre
S. Antonio ore 7.30 Suffr. Castellani Giacomo
S. Maria ore 18.00 Ann. Rodigari Elena, Marina, Bernardo e Gianluigi;Silvestri Silvano; Armida e Renzo; Bormolini Bepo, Anna e figli; Bormolini Egidio; Cusini Renato; Salvadori Anna; Alessandra; Mariuccia; Rodigari Rosa e Cantoni Vittoria; Suffr. dd. Castellani – Rocca; Pedrana Rocco; Confortola Domenica e Bormolini Enrico (Po); Confortola Candida, Domenica, Caterina e Anna Maria; Rocca Rosetta; Galli Ulisse, Galli Riccardo, Angelica e parenti defunti; intenzione particolare; Onorato Margherita e figli; Pino, Miriam e Francesco; Bormolini Battista, Angelina e figli; Galli Sebastiano; Mottini Diego; Galli Clementina, Michele e Zita; Bormolini Gualberto, Delfina (Olta) e Caterina (Bastiana); Bormolini Bepin (39); Bormolini Achille; Bormolini Luigi (Olta); Silvestri Lorenzo; Caterina, Giusefin, Cristina, Gildo e Thomas; Galli Cristoforo, Letizia e Renato;

Mercoledì 18 dicembre
S. Antonio ore 7.30 A. Galli Maria Domenica; intenzione particolare
S. Rocco ore 18.00 Ann. Baldi Paolo
Trepalle ore 20.00 Ann. Rodigari Lucia e Natale; Rodigari Luigi (Verdolin) e fratelli; Cantoni Ornella e Erica; Suffr. Bepo e Giuseppina; Bormolini Anastasio e Ancilla; Cantoni Gildo; dd. di Rodigari Natale;

Giovedì 19 dicembre
S. Antonio ore 7.30 Suffr. Galli Sabrina e Bernardino
S. Maria ore 18.00 Trigesimo Sertorio Lucrezia;
Ann. Mottini Elisa e Michele

Venerdì 20 dicembre
S. Antonio ore 7.30 Ann. Cantoni Gustavo
Trepalle ore 17.00 Suffr. Rodigari Giuseppe (Pila)
S. Rocco ore 20.00 Ann. Galli Luigi; Mottini Lea e genitori; Silvestri Gianfranco, Domenica e Giacomo; Galli Giorgio e Livio; Alessi Doris; Baldi Paolo; Galli Luigi (Bastian); Suffr. dd. Fiora e Cattaneo Alessandro; Pedrana Domenico; Rodigari marco, Baldi Renato e Pierino; intenzione particolare; intenzione particolare; Matteo e Paolo; Teresa e Suor Giacomilde; Eugenio; Dante, Ausilia, Tino, Michela, Gino, Marinella e dd. fam. Fersini; Bormolini Costante, Zini Caterina e figli; Olimpia e Giuseppino; Galli Erminio e Bormolini Caterina (Bastiana); Confortola Thomas e per coscritti 1998; Rodigari Ida; Cusini Adelaide;

Sabato 21 dicembre
S. Maria ore 18.00 Ann. Silvestri Gioanin, Battistin e Giusto
Trepalle ore 20.00 Ann. Savardi Emilia e Piera

Domenica 22 dicembre – IV Domenica di Avvento – A
Is 7,10-14; Sal 23; Rm 1,1-7; Mt 1,18-24;
S. Maria ore 8.00 Ann. Galli Domenico
S. Rocco ore 9.15 Suffr. Filippo e Giuseppina
S. Maria ore 10.30 per la comunità
Trepalle ore 10.30 Ann. Cantoni Nepomuceno e Palmina
S. Rocco ore 16.00 Suffr. Guana Luigi, Galli Marietta e fam.
S. Maria ore 18.00 Ann. Galli Giorgio e Livio
S. Maria ore 19.30 Ann. Bormolini Toni;
dd. coscritti 1957

don Giuseppe Longhini:
Ufficio in CASA PARROCCHIALE: giovedì ore 9.00 – 10.30
Ufficio a Trepalle: venerdì ore 16.45 – 17.00

don Stefano Ferrari:

don Stefano Bianchi:
Ufficio a Casa san Rocco: venerdì ore 18.00 – 19.00

Entro venerdì dovrebbe arrivare il nuovo numero del Bollettino Parrocchiale. Gli incaricati sono pregati di passare in sala Cendrè per ritirarli e poi distribuirli.

————————————————————————————-

]]>
Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/11/consiglio-comunale-a-livigno-2/ Tue, 26 Nov 2019 03:00:28 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=36214 Ecco l’ordine del giorno del Consiglio Comunale di Livigno convocato per il giorno 29.11.2019 alle ore 09.00:

——————————————————————————————————————————————

]]>
Consiglio Comunale lunedi 30 settembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/09/consiglio-comunale-lunedi-30-settembre-2/ Mon, 30 Sep 2019 03:00:04 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=35912 Oggi, lunedì 30 settembre 2019, si riunisce il Consiglio Comunale di Livigno alle ore 9.30 per deliberare sui seguenti punti all’ordine del giorno:


————————————————————————————————————————————————-

]]>
Lunedì 29 luglio Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/07/lunedi-29-luglio-consiglio-comunale/ Thu, 25 Jul 2019 23:16:08 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=35455 Ecco l’ordine del giorno del Consiglio Comunale convocato per il giorno 29/07/2019 alle ore 9.00 a Livigno:

———————————————————————————————————————-

]]>
Consiglio Comunale del 30 aprile https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/04/consiglio-comunale-del-30-aprile/ Mon, 29 Apr 2019 05:32:30 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=34797 Eccovi l’ordine del giorno del Consiglio Comunale convocato per il giorno 30/04/2019 alle ore 9.30 nella sala consigliare di Livigno:

]]>
Consiglio Comunale per mercoledì 27 marzo 2019 https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/03/consiglio-comunale-per-mercoledi-27-marzo-2019/ Tue, 26 Mar 2019 06:26:09 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=34600 Ecco l’ordine del giorno del Consiglio Comunale di Livigno convocato per il giorno 27/03/2019 alle ore 16.00

]]>
Nuovo Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2019/02/nuovo-consiglio-comunale/ Wed, 27 Feb 2019 03:36:01 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=34474 Nella data di martedì 27 febbraio 2019 si riunirà alle ore 11.30 presso la sala consigliare di Livigno il Consiglio Comunale con i seguenti punti all’ordine del giorno:


]]>
Consiglio Comunale il 27 dicembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/12/consiglio-comunale-il-27-dicembre/ Sat, 22 Dec 2018 03:00:59 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=34102 Si svolgerà a Livigno il 27 dicembre 2018 alle ore 16 un nuovo consiglio comunale.
Ecco l’ordine del giorno:

]]>
26.11.2018 nuovo Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/11/26-11-2018-nuovo-consiglio-comunale/ Wed, 21 Nov 2018 06:21:03 +0000 https://www.ilovelivigno.com/liv/?p=33906 Vi presentiamo l’ordine del giorno del Consiglio Comunale di Livigno convocato per il giorno 26.11.2018 alle ore 20.30.

]]>
Livigno, nuovo Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/10/livigno-nuovo-consiglio-comunale/ Sun, 30 Sep 2018 22:03:31 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=33209 Vi riportiamo l’ordine del giorno del Consiglio Comunale convocato per il giorno 01/10/2018 alle ore 20.30 a Livigno presso la Sala Consigliare.

]]>
Consiglio Comunale 5 settembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/08/consiglio-comunale-5-settembre/ Fri, 31 Aug 2018 06:06:58 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=33069 Il giorno 5 settembre 2018 si riunirà in Consiglio Comunale di Livigno alle ore 20.30 presso la sala consigliare del Comune per deliberare sul seguente ordine del giorno:

]]>
Lunedì 30 luglio Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/07/lunedi-30-luglio-consiglio-comunale-a-livigno/ Wed, 25 Jul 2018 07:06:29 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=32850 Lunedì 30 luglio 2018 si terrà a Livigno il Consiglio Comunale alle ore 18 nella sala consigliare con i seguenti punti all’ordine del giorno:

]]>
Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/05/consiglio-comunale-a-livigno/ Mon, 14 May 2018 04:19:02 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=32247 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato in sezione straordinaria ed in seduta pubblica in prima convocazione mercoledì 16 maggio alle ore 11 ed in seconda convocazione il 18 maggio alle ore 11 presso la sala consigliare del municipio.
Nel file allegato l’ordine del giorno, clicca qui.

]]>
Nuovo consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/04/nuovo-consiglio-comunale-a-livigno-2/ Wed, 18 Apr 2018 01:00:54 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=32068 Si comunica che il Consiglio Comunale di Livigno è convocato per il giorno 18 aprile alle ore 20.30 in prima convocazione e per il giorno 20 aprile alle ore 20.45 in seconda convocazione per discutere i 23 punti all’ordine del giorno:
 
.

]]>
Venerdì 16 febbraio Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/02/venerdi-16-febbraio-consiglio-comunale/ Wed, 14 Feb 2018 02:00:45 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=31619 E’ previsto un nuovo Consiglio Comunale a Livigno per venerdì 16 febbraio 2018 alle ore 17 presso la Sala Consigliare del comune con il seguente ordine del giorno:

.

]]>
Variazione piano industriale Apt per il 2017 https://www.ilovelivigno.com/liv/2018/01/variazione-piano-industriale-apt-per-il-2017/ Fri, 12 Jan 2018 07:34:13 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=31303 Variazione nel Consiglio Comunale di fine dicembre 2017:
Deliberazione del Consiglio Comunale n. 88 del 27/12/2017
OGGETTO: PIANO INDUSTRIALE A.P.T. LIVIGNO S.R.L. PER L’ANNO 2017. VARIAZIONE /
INTEGRAZIONE.
IL CONSIGLIO COMUNALE
PREMESSO che con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 31.03.2017 avente ad oggetto: “Esame ed approvazione Piano Industriale APT Livigno per l’anno 2017” è stato approvato, ai sensi dell’art. 4, comma 2, lettera b) del Contratto di Servizio Quadro tra Comune di Livigno e Società APT Livigno srl, il Piano Industriale per l’anno 2017 dell’Azienda di Promozione e Sviluppo Turistico di Livigno;
CONSIDERATO che il Piano Industriale per l’anno 2017 prevede un impegno economico da parte del Comune di Livigno pari a complessivi € 6.575.000,00 ed un introito complessivo di € 1.695.790;
VISTA la nota pervenuta dall’Azienda di Promozione e Sviluppo Turistico di Livigno in data 14.12.2017 ed acclarata al protocollo dell’Ente al n. 28988 del 15.12.2017, con la quale la stessa comunica che a causa di urgenti e improrogabili opere di manutenzione del centro Aqua Granda risulta necessario effettuare una variazione e integrazione al Piano Industriale 2017 come sopra approvato;
VALUTATA la proposta di Variazione integrazione al Piano Industriale 2017 allegata alla summenzionata comunicazione;
RITENUTO necessario provvedere in quanto l’esecuzione di tali lavori di manutenzione presso il centro Aqua Granda consentirebbe di migliorare e rendere maggiormente fruibile il centro stesso soprattutto in considerazione delle imminenti festività e del conseguente notevole aumento degli utilizzatori;
ACQUISITI i pareri favorevoli di regolarità:
 tecnica del Responsabile del Servizio Segreteria, ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs. 267/200 e dell’art. 9
della L. 102/2009;
 contabile del Responsabile del Servizio Finanziario e Personale, ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs.
267/2000
quali riportati in allegato;
L’Assessore Galli Alessia: “Nell’ambito della gestione ordinaria del complesso di Aquagranda sono emerse delle esigenze, relative a degli interventi da effettuare in diversi ambiti che vi illustro a breve, interventi che richiedono € 80.000, per i quali abbiamo deciso di intervenire in quanto li abbiamo reputati necessari. I macro ambiti riguardano il completamento dell’ingresso principale, rivestimento e isolazione di torri e scivoli, interventi di sistemazione degli impianti tecnologici, dotazione di cucina, completamento di stanze nell’area wellness e degli altri strumenti che servono per la gestione della struttura. Questo in maniera abbastanza non spiccia e veloce però riassume in maniera abbastanza soddisfacente l’intervento che dobbiamo fare. All’atto di questo, vorrei aggiungere visto che abbiamo l’occasione di illustrare alla popolazione quello che è l’andamento delle attività in questo caso specifico di Aquagranda, che a fronte di interventi che stiamo mettendo in campo come Amministrazione con APT, il Centro Aquagranda sta dando risultati e performance al di sopra di quello che era stata la previsione, soprattutto adesso che possiamo tirare
un Bilancio quasi esaustivo di un anno quasi completo di attività perché poi non lo è ancora, però oltre a dare un risultato positivo in termini di performance economica, Aquagranda sta dando risultati positivi anche in termini di attrattività legata agli sponsor che decidono di intervenire nella struttura, sia economicamente, quindi foraggiando un pochettino quelle che sono le risorse a disposizione della struttura, ma anche, diciamo che si è posta come uno strumento, un veicolo della comunicazione della destinazione, pertanto, oltre ad attrarre sponsor è anche uno strumento attraverso il quale Livigno a promuoversi e a posizionarsi in maniera abbastanza innovativa, soprattutto nelle stagioni che hanno un andamento storico classico come può essere la stagione invernale, perciò direi che a fronte degli impegni economici che il Comune, l’Amministrazione insieme con APT sta prendendo verso la struttura, i risultati sono abbastanza amplificati.”

Con voti favorevoli 8 e contrari 0, espressi in forma palese, essendo 8 i presenti dei quali 8 i votanti e 0 gli astenuti;
DELIBERA
APPROVARE l’allegata proposta dell’Azienda di Promozione e Sviluppo Turistico di Livigno s.r.l. con ciò variando/integrando il Piano Industriale 2017 quale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 31.03.2017, dando atto che il nuovo impegno economico da parte del Comune di Livigno ammonta a complessivi € 6.655.000;
INCARICARE il Responsabile del Servizio Segreteria per tutti gli adempimenti conseguenti alla presente deliberazione;
DARE ATTO che il presente provvedimento deve essere pubblicato nel sito internet del Comune ai sensi e per gli effetti del D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33;
DICHIARARE la deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134, quarto comma, del d.Lgs. n.267 del 18.08.2000 con voti favorevoli 8 e contrari 0, espressi in forma palese, essendo 8 i presenti dei quali 8 i votanti e 0 gli astenuti stante l’urgenza di provvedere.

Letto confermato e sottoscritto
Il Sindaco
Damiano Bormolini

Il Segretario Generale
Stefania Dott.ssa Besseghini

]]>
Mercoledì 27 dicembre Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/12/mercoledi-27-dicembre-consiglio-comunale/ Fri, 22 Dec 2017 08:31:54 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=31153 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato in sessione ORDINARIA ed in seduta PUBBLICA per il giorno mercoledì 27 dicembre 2017 ore 17:30 presso la SALA CONSIGLIARE del Municipio per deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO:
Punto Oggetto della Delibera
1 LETTURA E APPROVAZIONE VERBALI DELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 25.10.2017
2 TASSA SUI RIFIUTI (TARI) – APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO – ANNO 2018
3 APPROVAZIONE DELLE TARIFFE PER LA TASSA RIFIUTI (TARI) – ANNO 2018
4 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) – COMPONENTE IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) – ALIQUOTE ANNO 2018
5 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) – COMPONENTE TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) – ALIQUOTE ANNO 2018
6 APPROVAZIONE DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) 2018-2019-2020. AGGIORNAMENTO.
7 APPROVAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2018-2019-2020
8 ESAME E APPROVAZIONE PIANO DEGLI INTERVENTI IN CAMPO SOCIO – ASSISTENZIALE PER L’ANNO 2018.
9 ESAME E APPROVAZIONE PIANO DELLE ATTIVITA’ DELLA BIBLIOTECA CIVICA ANNO 2018
10 PIANO INDUSTRIALE A.P.T. LIVIGNO S.R.L. PER L’ANNO 2017. VARIAZIONE / INTEGRAZIONE.
11 DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 77 DEL 27.12.2012 “REALIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA DA DESTINARE A
NUOVA SEDE DELLA R.S.A. SITA IN COMUNE DI BORMIO. ESAME E APPROVAZIONE CONVENZIONE”. ULTERIORI
PROVVEDIMENTI
12 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE. MODIFICHE
13 COMUNICAZIONE VARIAZIONI AGLI STANZIAMENTI DI CASSA DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2017/2019 ART. 175, COMMA 5-
TER DEL D.LGS. 267/2000.
14 COMUNICAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI CONCERNENTI SPESE PER ESERCIZI NON CONSIDERATI NEL BILANCIO DI
PREVISIONE AI SENSI DEL PUNTO 5.1 DEL PRINCIPIO CONTABILE RELATIVO ALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA.
15 COMUNICAZIONE PRELEVAMENTO DAL FONDO DI RISERVA ART. 166 COMMA 2 DEL D.LGS. 267/2000

]]>
Nuovo Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/10/nuovo-consiglio-comunale-a-livigno/ Mon, 23 Oct 2017 07:19:47 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=30566 Il Consiglio Comunale di Livigno si riunisce mercoledì 25 ottobre 2017 alle ore 17.30 presso la Sala Consigliare per approvare i seguenti punti all’ordine del giorno:

]]>
Mercoledì 27 settembre Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/09/mercoledi-27-settembre-consiglio-comunale/ Tue, 26 Sep 2017 03:39:59 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=30377 Si terrà a Livigno mercoledì 27 settembre 2017 il Consiglio Comunale alle ore 20.00 per discutere i seguenti punti all’ordine del giorno:

]]>
Martedì 29 agosto Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/08/martedi-29-agosto-consiglio-comunale/ Fri, 25 Aug 2017 03:00:55 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=30066 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato per martedì 29 agosto 2017 alle ore 20.30 presso la sala Consigliare del comune per deliberare sul seguente ordine del giorno:

]]>
Giovedì 3 agosto consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/07/giovedi-3-agosto-consiglio-comunale-a-livigno/ Thu, 27 Jul 2017 03:00:29 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=29810 Il Consiglio Comunale di Livigno si riunirà giovedì 3 agosto 2017 alle ore 20.30 presso la sala consigliare del comune per discutere i seguenti punti all’ordine del giorno:



]]>
Consiglio Comunale a Livigno il 4 luglio https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/06/consiglio-comunale-a-livigno-il-4-luglio/ Thu, 29 Jun 2017 03:00:59 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=29556 Il Consiglio comunale di Livigno è convocato per martedì 4 luglio 2017 alle ore 20.30 nella sala consigliare del municipio per deliberare sui seguenti punti all’ordine del giorno:

]]>
Martedì 30 maggio Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/05/martedi-30-maggio-consiglio-comunale-a-livigno/ Tue, 23 May 2017 07:16:15 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=29363 Martedì 30 maggio 2017 si riunirà alle ore 15 il Consiglio Comunale di Livigno per discutere dei seguenti punti all’ordine del giorno:

]]>
Venerdì 31 marzo Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/03/venerdi-31-marzo-consiglio-comunale-a-livigno/ Tue, 28 Mar 2017 07:07:23 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=29009 Si riunirà venerdì 31 marzo 2017 a Livigno alle ore 14 presso la sala consigliare il consiglio comunale chiamato a deliberare su 22 punti all’ordine del giorno.
Fra i più interessanti segnaliamo:
– modifiche alle regole sulle tasse dei rifiuti,
– approvazione documento unico di programmazione, piano industriale apt, piano degli interventi in campo socio assistenziale, attività della biblioteca
– approvazione progetti definitivi per la riqualificazione di Via Pemont e Via Rasia.

]]>
Venerdì 3 febbraio il Consiglio Comunale di Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2017/01/venerdi-3-febbraio-il-consiglio-comunale-di-livigno/ Mon, 30 Jan 2017 07:32:32 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=28653 Venerdì 3 febbraio 2017 alle ore 20.30 si riunirà il Consiglio Comunale di Livigno per deliberare sui seguenti punti all’ordine del giorno:

]]>
Consiglio Comunale venerdì 4 novembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/11/consiglio-comunale-venerdi-4-novembre/ Thu, 03 Nov 2016 01:00:36 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=28013 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato per venerdì 4 novembre 2016 alle ore 15.30 presso la Sala Consigliare per discutere dei seguenti punti all’ordine del giorno:
1 LETTURA E APPROVAZIONE VERBALI DELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30.09.2016
2 ESAME RICHIESTA ACQUISTO TERRENO DI PROPRIETA’ COMUNALE DA PARTE DEL SIG. RODIGARI SERGIO
3 ESAME RICHIESTA DI ACQUISTO TERRENO DI PROPRIETA’ COMUNALE DA PARTE DELLA SIG.RA RODIGARI MARIA CRISTINA
4 AMPLIAMENTO, AMMODERNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE FUNZIONALE MEDIANTE SOSTITUZIONE EDILIZIA DEL FABBRICATO ESISTENTE ADIBITO AD
ATTIVITA’ TURISTICO-RICETTIVA SOTTO L’INSEGNA DI “NUOVA VILLA”, CENSITO AL FG.40 MAPP. N°3-1721-1725, DA REALIZZARE IN DEROGA ALLO STRUMENTO URBANISTICO GENERALE VIGENTE (PGT) AI SENSI DELL’ART.40 DELLA L.R. 12/2005 E S.M.I., IN APPLICAZIONE DELLA DELIBERA DI C.C. N.78 DEL 14.11.2014. RICHIEDENTE: SIG. GIACOMELLI ANDREA P.C. SOC. “LUNGOLIVIGNO S.P.A.” CON SEDE A LIVIGNO.
5 VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016/2018 (ART. 175, COMMA 2, D.LGS. 267/2000)
6 ESAME ED APPROVAZIONE PIANO INDUSTRIALE A.P.T. LIVIGNO PER L’ANNO 2016 – ADDENDUM INTEGRATIVO.
7 REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SAGRE AI SENSI DELL’ART. 18 TER, , COMMA 1 DELLA L.R. N. 6/2010. APPROVAZIONE
8 PIANO COMUNALE DELLE CESSIONI AI FINI SOLIDARISTICI AI SENSI ART. 29 BIS E TER LEGGE REGIONALE N. 6/2010. APPROVAZIONE
9 COMUNICAZIONE PRELEVAMENTO DAL FONDO DI RISERVA ART. 166 COMMA 2 DEL D.LGS. 267/2000
10 COMUNICAZIONE NOMINA DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI.
livigno consiglio comunale 29 agosto 2016 (1)

]]>
Consiglio Comunale a Livigno il 30 settembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/09/consiglio-comunale-a-livigno-il-30-settembre/ Thu, 29 Sep 2016 05:00:57 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=27711 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato per venerdì 30 settembre alle ore 16 presso la sala consigliare del Municipio per deliberare sui seguenti punti all’ordine del giorno:
consiglio

]]>
Linee programmatiche Amministrazione Comunale 2016-2021 https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/09/linee-programmatiche-amministrazione-comunale-2016-2021/ Wed, 21 Sep 2016 03:00:11 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=27616 Vi presentiamo oggi le linee programmatiche dell’Amministrazione Comunale di Livigno per il periodo 2016-2021, linee che sono state presentate durante il consiglio comunale del 29 agosto 2016 (vedi notizia sul consiglio comunale).
livigno consiglio comunale 29 agosto 2016 (1)

OGGETTO: PRESENTAZIONE DA PARTE DEL SINDACO DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DELL’AZIONE DI GOVERNO DELL’ENTE 2016 -2021.

IL CONSIGLIO COMUNALE

PREMESSO CHE il 5 giugno 2016 si sono svolte le consultazioni elettorali per l’elezione diretta del Sindaco e del Consiglio Comunale;

VISTO il terzo comma dell’art. 46 del D.Lgs 18.08.2000 n. 267 per effetto del quale, entro il termine fissato dallo Statuto, il Sindaco, sentita la Giunta, presenta al Consiglio le linee programmatiche di governo;

VISTO al riguardo il primo comma dell’art. 31 del vigente Statuto per effetto del quale il Sindaco, sentita la Giunta, deve presentare al Consiglio Comunale le linee programmatiche entro tre mesi dall’insediamento del medesimo;

VISTO altresì il secondo comma del citato art. 31 del vigente Statuto il quale prevede che il documento programmatico venga depositato presso la Segreteria Generale, a disposizione dei Consiglieri, almeno 15 giorni prima della data di convocazione dell’apposita seduta consiliare di esame;

ATTESO che in merito è stata sentita la Giunta Comunale nella seduta del 03.08.2016 e che le stesse linee programmatiche sono state messe a disposizione dei Consiglieri in data 10.08.2016;

ACQUISITO il parere di regolarità tecnica espresso dal Segretario Generale, quale riportato in allegato ai sensi dell’art. 49, comma 1 del D. Lgs. 267/2000;

Il Sindaco Bormolini Damiano: “Queste sono le linee programmatiche che rispecchiano sostanzialmente quello che era il nostro programma elettorale e diciamo che alcune attività di quelle che sono state elencate di fatto sono già state avviate, molte andranno avviate nei prossimi anni, è un programma dei cinque anni e non è un programma che dobbiamo realizzare nei primi mesi di attività ma l’impegno è quello di riuscire a portare a termine un programma concreto, senza tante promesse ma, un programma che può essere perseguibile e sostenibile. Lascerei la parola agli assessori e ai consiglieri che hanno condiviso queste linee programmatiche e che hanno da dire per quello che riguarda le loro competenze.”

Il Vice Sindaco Galli Remo: “Grazie al Sindaco, diciamo che l’inizio di questi mesi sono stati approntati dal mio Assessorato su due livelli: dal punto di vista dei Lavori Pubblici stiamo finendo di progettare quelle vie che avevamo detto anche in campagna elettorale, se pensiamo alla Via Rasia, alla Via Pemont o alla Piazza del Comune, stiamo finendo di approntarle e credo nelle prossime due settimane organizzeremo un incontro pubblico con la gente di Livigno e, vista anche la mancanza della minoranza, riteniamo importante confrontarci con la cittadinanza e quindi credo che nei prossimi giorni riusciremo a fissare una data per vedere anche questi progetti e perché no, avere delle idee nuove. Dal punto di vista invece, sempre di opere pubbliche, con Samantha ci siamo concentrati anche sulla frazione di Trepalle, poi lei ci darà sicuramente qualche novità su quella località. Per quanto riguarda invece Turismo e Sport, diciamo che la nostra volontà è comunque quella di continuare a supportare lo Sporting, e quindi la volontà è quella di supportare quelle famiglie che fanno fare sport ai nostri ragazzi e fanno dei sacrifici, quindi abbiamo già confermato le risorse pressoché dell’anno scorso, quindi, speriamo che tanti ragazzi facciano sport e allo stesso tempo vadano avanti a scuola. Dal punto di vista turistico diciamo che stiamo continuando nel rilancio della struttura Aquagranda anche qui credo che nelle prossime due settimane, magari nell’incontro pubblico, faremo vedere il nuovo sviluppo di Aquagranda, le nuove idee che ci sono per completare quella riorganizzazione che abbiamo portato avanti nell’ultimo anno e quindi rimandiamo alle prossime settimane per confrontarci con la cittadinanza.

L’Assessore Galli Romina: “Per quanto riguarda i Servizi Sociali, in genere, la priorità è stata data alla scuola per cui sono stati concordati alcuni interventi sia di attrezzatura e arredi importanti. Per quanto riguarda lo Sportello Help è già stato condiviso nel gruppo di Comunità Educante, una modalità per cui attivare questo servizio a partire proprio dalle risorse presenti sul territorio opportunamente formate e che possano poi erogare questo servizio in maniera continuativa. Sono stati avviati numerosi incontri di

confronto anche con l’equipe educativa del Centro Diurno Disabili con cui sono state concordate alcune nuove iniziative. È previsto l’inserimento di un supervisore che possa collaborare con l’equipe per definire la programmazione del Centro e apportare quelle modifiche necessarie alla luce di quei nuovi bisogni legato all’inserimento di nuovi utenti. L’ottica è quella di continuare a incontrare i diretti interessati dei vari ambiti, proprio per capire con loro quali sono le esigenze e di conseguenza muoverci. Per quanto riguarda l’ambito della cultura, il museo si è mosso nell’ambito di un programma provinciale di promozione del volontariato per cui sono stati portati in Provincia nei giorni scorsi diversi progetti, per promuovere l’inserimento di nuovi volontari, giovani anche in collaborazione con altri enti del territorio che si occupano di attività con i giovani.”

L’Assessore Pedrana Christian: “Per quel che mi riguarda, i compiti che mi sono preso a cuore per i prossimi cinque anni, l’ambiente, territorio e agricoltura, un campo fondamentale per il nostro territorio essendo una zona di montagna richiede veramente delle singole attenzioni in singoli punti del nostro territorio. Infatti basta guarda l’evento che ha avuto questa notte in Val Federia, dove ci sono stati dei movimenti terra nella parte alta del versante dove è giunto a valle e ha creato dei problemi. Ci siamo subito attivati anche lì, da domani cominceranno i lavori per ripristinare il tutto e riportare la situazione del territorio che sia vivibile e in sicurezza. Sicuramente nei prossimi anni, una cosa che mi sono già attivato a portare avanti e che arriveremo magari nella prossima annata, è il discorso di sensibilizzare i nostri cittadini anche all’utilizzo e alla pulizia dei nostri boschi, adesso si stanno facendo le valutazioni per capire in quale modo potrebbe essere per riuscire a dare questa possibilità, e riuscire a sensibilizzare tutti a questa cosa. Una cosa molto importante è quella che sicuramente ci attiveremo anche come Amministrazione, all’interno delle opere pubbliche sono i discorsi della Eco-sostenibilità, i nostri impianti di risaldamento sicuramente richiederanno degli interventi e si ripartirà ad intervenire all’interno delle strutture che abbiamo in essere. Per quello che riguarda l’Agricoltura, anche lì è un aspetto importantissimo perché essendo una località di montagna, le aziende agricole fanno da tutela per il nostro territorio perché intervengono sulle zone private a falciare e a tenere così il nostro territorio pulito e intervengono anche nelle zone di alto pendio con il bestiame a fare il pascolamento e sicuramente questo è fondamentale e le strategie che si porteranno avanti in questi anni sicuramente è la valorizzazione dei nostri prodotti legati al nostro territorio. Di conseguenza una sensibilizzazione ai nostri cittadini all’utilizzo dei nostri prodotti, prodotti genuini, prodotti locali che sicuramente d’altra parte non se ne possono trovare. Altre cose che si prenderanno in considerazione nelle prossime annate, sono gli interventi in alta quota nei terreni privati, nei livellamenti, e di realizzazione di strade agricole per dare la possibilità alle aziende di accedere in queste zone difficoltose, infatti di questo c’è già una strada che a breve verrà fatta una gara e verrà realizzata questa strada nella zona di Trepalle, dalla zona di Gembre fino ad arrivare alle zone delle baite e questo permetterà alle aziende di intervenire in queste zone e migliorare le condizioni del territorio di Trepalle. Altre cose, lo sviluppo del settore caprino, sarà anche questo argomento dei prossimi giorni, come diceva Remo, negli incontri pubblici che si terranno il 15 di settembre, se ci saranno abbastanza aziende che parteciperanno agli incontri, si parlerà proprio di questo e vedremo di affrontare la cosa e di vedere una strada per dar sì che queste aziende nuove o aziende in essere, abbiano lo sbocco e lo sviluppo di questo prodotto importante.”

Il consigliere comunale Todeschi Samantha: “Per quel che riguarda la zona di Trepalle abbiamo iniziato ad asfaltare, abbiamo fatto e la Via Cappella e la Via Stefan, in più la pista ciclabile a fine mese giungerà al termine. I progetti che abbiamo in mente sono il parco giochi, il cimitero e il trasporto, dove abbiamo un occhio di riguardo per gli anziani e abbiamo voluto prolungare il viaggio nella zona dell’ASL in modo da agevolare gli anziani ad andare dal medico, in più poco tempo fa abbiamo incontrato i giovani di Trepalle per cercare di capire cosa vogliono, e poter realizzare qualcosa per loro. A grandi linee per Trepalle è questo. “

Il consigliere comunale Zini Lucio: “Ha già detto tutto Remo, io posso parlare del biathlon, del poligono, come abbiamo detto in campagna elettorale, sono già state acquistate e sagome da tempo, è già stato fatto uno studio nella zona attuale dove è situato il poligono, dove verrà studiata una piccola pista di skiroll di alcuni chilometri, con i vari servizi connessi e nel frattempo abbiamo valutato anche l’ipotesi di spostare il poligono e di portarlo in una zona più centrale, più vicina all’anello della pista da fondo. Si sta valutando il tutto, dopodiché si tireranno le conclusioni e si deciderà.”

Il consigliere comunale Galli Federico: “Anche qui, direi che Christian, l’Assessore di riferimento ha detto praticamente tutto, andrebbe forse aggiunto che in questi giorni, vorremmo affrontare, per la creazione di alcune aree di mitigazione per le aree più degradate, per ridurre gli impatti visivi. In questi giorni è partita l’attività per la pulizia di alcune parti del bosco, si cercherà di monitorare la situazione, monitorando che il lavoro sia fatto nel migliore dei modi. Per quello che riguarda il deflusso vitale minimo dei fiumi, che abbiamo già affrontato con un Tavolo di lavoro, come Amministrazione credo di poter dire che quelli che saranno i risultati finali li valuteremo solo a fine sperimentazione.

Con voti 7 favorevoli e 0 contrario, espressi in forma palese, essendo 7 i presenti dei quali 7 votanti e 0 astenuti;

]]>
Il report del Consiglio Comunale di lunedì 29 agosto https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/08/il-report-del-consiglio-comunale-di-lunedi-29-agosto/ Tue, 30 Aug 2016 05:00:46 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=27375 E’ durato un’ora il consiglio comunale di lunedì 29 agosto 2016 a Livigno.
Ultima opportunità questa sera per la minoranza di avere un suo candidato nel consiglio comunale. Questa sera l’ultimo candidato rimasto, Castellani Daniele, che però come i suoi colleghi le volte precedenti, non si è presentato ed ha rassegnato le dimissioni.
livigno consiglio comunale 29 agosto 2016 (2)
Al punto 3 all’ordine del giorno il sindaco Damiano Bormolini ha letto il documento con le linee programmatiche della prossima tornata amministrativa 2016-2021.
In pratica una presentazione di tutti gli argomenti, idee, progetti presentati che rispecchiano il programma elettorale di Punto Livigno, alcune attività sono di fatto già state avviate.
“L’impegno e quello di riuscire a portare a termine tutto quanto, è un programma concreto senza tante promesse”
Quando verrà emesso pubblicamente il documento ve lo presenteremo integralmente, fra le varie cose elencate segnaliamo:
– sistema di monitoraggio inquinamento continua
– l’area Collini verrà riqualificata come zona verde
– creazione di laghetti per l’innevamento
– completamento di opere pubbliche a Trepalle, in primis l’edilizia convenzionata per le giovani famiglie
– progetto adotta una rotonda
– sportello help che farà interagire scuola e famiglia
– programma multiarte
– snellire le pratiche edilizie
– espansione dell’area sciabile
– strade agricole a mezza costa
livigno consiglio comunale 29 agosto 2016 (3)
Il sindaco ha quindi lasciato la parola agli assessori, qui sotto vi illustriamo in breve quello che hanno segnalato:
Remo Galli
Per i lavori pubblici stiamo finendo di progettare quelle vie, la via RasiA, via Piemonte e la  piazza del comune,  nelle prossime due settimane organizzeremo un incontro pubblico, visto anche la mancanza della minoranza, con Samantha ci siamo concentrati sulla frazione di Trepalle.
Per il turismo e sport c’è la volontà di continuare a supportare lo Sporting, abbiamo riconfermato le risorse dello scorso anno,

Dal punto di vista turistico continuiamo nel rilancio della struttura aquagranda, faremo vedere e conoscere il nuovo sviluppo e le idee per completare il rinnovamento.

Romina Galli
Per i servizi sociali la priorità e stata data alla scuola, con interventi strutturali, nuove attrezzature e arredi.
Lo sportello help e già stato condiviso nella comunità educante e speriamo diventi presto operativo
Sono stati avviati numerosi incontri di confronto, anche con l’equipe educativa disabili con e quali sono stati avviate nuove iniziative, c’è un nuovo supervisore per collaborare e definire la programmazione del centro, alla luce di nuovi bisogni.
L’ottica generale è quella di incontrare i diretti interessati dei vari ambiti per capire con loro quali sono le esigenze e di conseguenza come muoversi.

Per il  museo ci si è mossi in ambito di un programma provinciale dove sono stati presentati nuovi progetti, abbiamo inserito nuovi volontari e da segnalare al collaborazione di altri entii che già lavorano con i giovani.

Pedrana Christian

Agricoltura
Dobbiamo sensibilizzare i cittadini all’utilizzo e la pulizia dei nostri boschi, ci attiveremo come amministrazione sui discorsi di ecosostenibilità delle nostre strutture da incentivare
Importante la Valorizzazione dei nostri prodotti legati al territorio, sensibilizziamo la popolazione ad utilizzare i nostri prodotti.
Previsti interventi in alta quota di livellamenti e strade agricole per rendere l’accesso meno difficoltoso
A breve in zona di Trepalle, dalla zona di Gembrè fino alla zona delle baite, faremo la prima strada agricola in modo da permettere alle aziende di arrivarci e di migliorarla.
Queste cose verranno presentate nell‘incontro pubblico che faremo martedì 13 settembre 2016.
Samantha Todeschi
A Trepalle aAbbiamo iniziato ad asfatare via Capella e via Stefan, la pista ciclabile dovrebbe finire a settembre.
Lavoriamo anche sul parco giochi e sul cimitero ed il trasporto degli anziani nell’abitato di Livigno anche in zona Casa della sanità.

Abbiamo incontrato i giovani di Trepalle per capire cosa vogliono.

Lucio Zini
Biathlon poligono ,sono state acquistate le sagome da tempo e fatto uno studio sulla zona dove verrà realizzato e dove metteremmo anche una pista di ski roll con i vari servizi connessi.
C’è ora l’idea di portare il poligono in una zona più centrale, più vicino alla pista da fondo, stiamo valutando il tutto e fra un po’ tireremo le conclusioni.
Federico Galli
In questi giorni stiamo parlando di aree di mitigazione che riducano gli impatti visivi di certe zone poco decorose e degradate del paese.
Abbiamo iniziato le prime attività per pulire alcune parti del bosco.
Abbiamo affrontato il problema del minimo deflusso vitale dei nostri fiumi con un tavolo di lavoro, i risultati, le conclusioni saranno fatti solo a fine sperimentazione quindi a fine settembre.
livigno consiglio comunale 29 agosto 2016 (1)
Al punto 4 Remo Galli  ha presentato il documento unico di programmazione (DUP) 2017-2019, Documento che si forma in due parti, una più strategica e una più operativa legata al bilancio di previsione
Remo ha elencato alcuni passaggi del piano:
– acquisto e installazione delle telecamere di servizio di controllo
– cablaggio delle scuole per 25.000 euro, abbiamo messo delle risorse per riuscire a dare una base informatica utile ai nostri ragazzi
– Trasferimenti alla provincia di Sondrio non ne vengono più elargiti, abbiamo però ora da pensare ad altre opere di viabilità come la tangenzialina di Oga, stiamo aspettando il collaudo della galleria, oltre a questo la Provincia sta cercando di riqualificare la strada che va allargata,
– Continuiamo ad investire nella biblioteca, abbiamo investito 8.000, speriamo di sbloccare a breve altri 15.000 euro destinati all’acquisto di libri
– Su Trepalle non dimentichiamo il completamento della via Corta con l’illuminazione , abbiamo messo in budget 300.000 euro per sistemare illuminazione di Livigno e Trepalle
– destinati 25.000 euro strada di Gembrè
– abbiamo ancora una pensilina piazzole autobus da concludere e poi avanti con quelle nuove
– 15.000 euro destinati alla via Canton per completare l’interramento dei cavi elettrici
– Intervento statale 301 a Trepalle per riqualificare i lampioni
– Manutenzione strade c’erano in budget 260.000 euro e ne abbiamo aggiunto altri 120.000
– Miglioramento dei marciapiedi
– Strada del Gallo faremo quasi 2 kilometri di asfalto per dare un accoglienza più dignitosa ai turisti
– Versante Valandrea- Federia, progetto di riqualificazione per evitare spiacevoli situazioni in primavera in zona ostaria di allagamenti
– Vedremo nascere le prime 8 piazzole Molov, dobbiamo riqualificare la nostra raccolta rifiuti, ne abbiamo messe due di prova questa primavera, ora riusciamo a metterne altre 8
– Abbiamo dato un contributo per la sede dei pescatori
– Completata l’autorimessa in zona Apt
– Pista d’atletica, da mesi abbiamo completato l’iter, siamo poi stati fermi per la riforma del codice di appalti, ora sembra che riusciamo a vedere la luce, la situazione si è risolta e riusciamo a fare un bando per la realizzazione, nei prossimi mesi ( in primavera) partirà questa opera
Infine all’ultimo punto all’ordine del giorno è stato comunicato il rinserimento di Sharon Zini all’interno del Consiglio di Apt, che torna quindi ad essere composto da 3 persone.
]]>
Linee programmatiche 2016-2021questa sera in consiglio comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/08/linee-programmatiche-2016-2021questa-sera-in-consiglio-comunale-a-livigno/ Mon, 29 Aug 2016 07:52:01 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=27350 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato questa sera, lunedì 29 agosto 2016 alle ore 20.30 presso la sala consigliare del municipio per deliberare sul seguente ordine del giorno:
consiglio comunale 29 agosto livigno

]]>
Interventi di somma urgenza Strada Passo del Gallo https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/08/interventi-di-somma-urgenza-strada-passo-del-gallo/ Wed, 10 Aug 2016 05:00:04 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=27174 Nel Consiglio Comunale del 29 luglio 2016 a Livigno si è parlato della frana di materiale che ha interessato la strada del Gallo nella giornata del 24 giugno 2016 ( vedi notizia).
Sono state presentate le spese per mettere in sicurezza la zona che ammontano a  € 137.274,50.
La frana è scesa nella serata del 24 giugno, i lavori di sgombero sono iniziati il 25 giugno e la strada è stata riaperta il 28 giugno alle ore 12.
livigno frana strada del gallo (2)

Riportiamo sotto la delibera di giunta comunale n° 81 del 6 luglio 2016 e la sua discussione all’interno del Consiglio Comunale del 29 luglio:
OGGETTO: INTERVENTI DI SOMMA URGENZA MESSA IN SICUREZZA STRADA PASSO DEL GALLO A CAUSA DELLA COLATA DETRITICA DELLA NOTTE DEL 24 GIUGNO 2016. ART.191 COMMA 3, D.LGS 276/2000. RICONOSCIMENTO DELLA SPESA AI SENSI ART. 194, COMMA 1 LETT.E D.LGS 267/2000
IL CONSIGLIO COMUNALE
PREMESSO CHE:
 Nella serata del 24 giugno alle ore 22:00 circa, a seguito delle copiose ed eccezionali precipitazioni piovose che hanno caratterizzato non solo il giorno stesso ma tutta la primavera, il territorio circostante la strada di collegamento con il confine Svizzero del Passo del Gallo è stata interessata da varie colate detritiche provenienti dagli innumerevoli corsi d’acqua che defluiscono nel lago del Gallo;
 Tali colate hanno depositato sopra e in alcuni casi anche all’interno delle gallerie, materiale detritico, fango e acqua in quantità consistenti aumentando considerevolmente i carichi sovrastanti le strutture;
 Tutto ciò ha causato situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica e la conseguente chiusura temporanea del tratto di strada interessato;
 Si sono quindi resi necessari importanti lavori per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità;
PRESO ATTO CHE:
l’art. 163 del D.Lgs 50/2016 concernente ”Procedure in caso di somma urgenza e Protezione Civile” stabilisce:
– al comma 1: “In circostanze di somma urgenza che non consentono alcun indugio, il soggetto fra il responsabile del procedimento e il tecnico che si reca prima sul luogo, può disporre, contemporaneamente alla redazione del verbale , in cui sono elencati i motivi dello stato d’urgenza , le cause che lo hanno provocato e i lavori necessari per rimuoverlo, la immediata esecuzione dei lavori entro il limite di 200.000 euro o comunque di quanto indispensabile per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità”;
– al comma 2: “l’esecuzione dei lavori di somma urgenza può essere affidata in forma diretta ad uno o più operatori economici individuati dal responsabile del Procedimento o dal tecnico dell’amministrazione competente”;
– al comma 4:”il Responsabile del Procedimento o il tecnico dell’amministrazione competente compila entro dieci giorni dall’ordine di esecuzione dei lavori una perizia giustificativa degli stessi e la trasmette, unitamente al verbale di somma urgenza, alla stazione appaltante che provvede alla copertura della spesa e alla approvazione dei lavori. Qualora l’amministrazione competente sia un ente locale, la copertura delle spese viene assicurata con le modalità previste dall’articolo 191, comma 3, e 194 comma 1, lettera e), del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni;
VISTI:
– il verbale di somma urgenza e la relazione di pronto intervento redatti rispettivamente in data 25/06/2016 e 27/06/2016 a firma del Responsabile dell’Ufficio Gestione & Manutenzione ai sensi dell’art. 163 del D.Lgs. n. 50/2016 citato, con il quale verbale sono stati affidati i lavori in esso indicati all’impresa elencata e a tecnici esterni, al fine di rimuovere i pericoli e lo stato di pregiudizio;
– La perizia giustificativa degli stessi lavori redatta in data 01/07/2016 a firma del medesimo responsabile, che prevede una stima presunta della spesa pari ad € 137.274,50 relativamente ai suddetti interventi ordinati alle imprese e ai tecnici indicati nel verbale;
– La nota del 05/07/2016 acquisita al protocollo al. N. 13433 con la quale sono stati trasmessi alla Giunta i citati documenti;
TENUTO CONTO CHE non sono presenti in bilancio fondi per fare fronte a tali necessità;
PRESO ATTO che tali spese si sono rese necessarie per la rimozione dello stato di pregiudizio alla pubblica incolumità;
ATTESA la necessità di regolarizzare i lavori ordinati sulla base dei verbali di somma urgenza sopra indicati per l’importo complessivi di € 137.274,50 provvedendo alla copertura della spesa e all’approvazione dei lavori, come prescritto dal comma 4 del richiamato art. 163 del D.Lgs. 50/2016;
RICHIAMATO l’art. 191, comma 3, del D. lgs. n. 267/2000 il quale dispone che: “Per i lavori pubblici di
somma urgenza, cagionati dal verificarsi di un evento eccezionale o imprevedibile, la Giunta, qualora
i fondi specificamente previsti in bilancio si dimostrino insufficienti, entro venti giorni dall’ordinazione fatta a terzi, su proposta del responsabile del procedimento, sottopone al Consiglio il provvedimento di riconoscimento della spesa con le modalità previste dall’articolo 194, comma 1, lettera e), prevedendo la relativa copertura finanziaria nei limiti delle accertate necessità per la rimozione dello stato di pregiudizio alla pubblica incolumità. Il provvedimento di riconoscimento è adottato entro 30 giorni dalla data di deliberazione della proposta da parte della Giunta, e comunque entro il 31 dicembre dell’anno in corso se a tale data non sia scaduto il predetto termine. La comunicazione al terzo interessato è data contestualmente all’adozione della deliberazione consiliare.”;
PRECISATO quanto all’inderogabile necessità di eseguire i lavori che;
– tutti i lavori commissionati sono conseguenti ad un evento di carattere indubbiamente eccezionale e imprevedibile per il quale il Sindaco ha emesso ordinanza n. 44-2016 di Chiusura Via Dala Val al Km. 6,5 – da località Fopel a Dogana Gallo e richiesto alla regione Lombardia apposito contributo ai sensi del D.D.U.O. n. 12775/2013;
– l’importo di ogni lavoro è stato contenuto entro il limite di quanto indispensabile per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica incolumità e per ripristinale la normale viabilità sulla strada di collegamento con il confine Svizzero del Passo del Gallo;
CONSIDERATO, quanto alla copertura della spesa, che:
– nell’immediato non vi erano in bilancio fondi sufficienti, per cui l’affidamento è stato effettuato senza copertura finanziaria;
– tuttavia al termine delle procedure in corso molto probabilmente la Regione provvederà a stanziare una quota di fondi per far fronte alle spese che si sono rese necessarie in tale circostanza;
RITENUTO in virtù delle disposizioni sopra citate, di dover provvedere a regolarizzare la procedura di
somma urgenza, poichè sussistono le condizioni previste per ricondurre la spesa nell’alveo della contabilità pubblica in quanto i lavori affidati rientrano nell’ambito dell’espletamento di pubbliche funzioni e di servizi di competenza dell’Ente;
RITENUTO altresì, necessario sottoporre al Consiglio Comunale il provvedimento di riconoscimento
della spesa derivante dall’ordinazione degli interventi sopra descritti, pari a complessivi € 137.274,50, ai sensi del combinato disposto degli artt. 191, comma 3, e 194, comma 1, lett.e) del D.lgs. n. 267/00, individuando le modalità di copertura della spesa;
RICHIAMATI gli artt. 193 e 194 del D.Lgs. n. 267/2000;
ESAMINATE le risorse finanziarie e patrimoniali dell’Ente nonché l’andamento della gestione corrente;
EVIDENZIATO che i lavori oggetto della presente proposta sono esclusivamente quelli che, nell’imminenza, è stato possibile e prioritario effettuare per rimuovere i pericoli più evidenti;
VISTI
 Il D.Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016;
 Il D.Lgs. n. 267 del 18 agosto 2000 e ss.mm.ii.;
ACQUISITI i pareri favorevoli di regolarità:
– tecnica del Responsabile Supplente del Servizio Gestione & Manutenzione, ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs. 267/2000 e dell’art. 9 della l. 102/2009
– contabile del Responsabile del Servizio Finanziario e Personale ai sensi dell’art. 49 D.Lgs. 267/00 quali riportati in allegato
ad unanimità di voti espressi nelle forme di legge;

 

VISTO altresì, il parere favorevole espresso dall’organo di revisione contabile ai sensi di quanto disposto dall’art. 239, comma 1 lett. B, punto 6 del D.L.G.S. 267/2000;

Questa la discussione in Consiglio Comunale, Il Sindaco Bormolini Damiano: “Quindi in sintesi è il riconoscimento dell’intervento che è stato fatto e che è ancora in corso di esecuzione di rimozione di tutto il materiale sopra le gallerie partendo dal Foppel fino al passo del Gallo e la rimozione di tutto il materiale nel Rio Foppel, in quanto a seguito della colata a riempito tutto l’invaso e deve essere rimosso perché avrebbe potuto pregiudicare la viabilità della strada del Gallo e perché per la stagione invernale metterebbe a rischio su eventuali precipitazioni, valanghe in quanto in quella è molto prevedibile in quanto nella zona dove è stato scaricato il materiale è una zona dove solitamente si deposita anche la valanga, quindi per motivi anche di sicurezza è stato fatto il lavoro, come già anticipato nel bilancio 57.000 euro li ha pagati la Regione Lombardia come primo intervento, 15.000 euro la Comunità Montana e per il resto incide sul nostro bilancio per un totale di circa 137.00 euro, siamo appunto al riconoscimento di questo debito fuori bilancio.

” Con voti 7 favorevoli e 0 contrari espressi in forma palese, essendo 7 presenti dei quali 7 votanti e 0 astenuti;
DELIBERA
1. RECEPIRE la premessa quale parte integrante e sostanziale del presente atto;
2. RICONOSCERE, ai sensi degli artt.191, comma 3, e 194, comma 1, lett. e) del D. lgs. n. 267/00, la legittimità della spesa derivante dai lavori di somma urgenza affidati in conseguenza delle colate detritiche della notte del 24/06/2016, dal Responsabile dell’Ufficio Gestione & Manutenzione, giusto verbale di somma urgenza redatto in data 25/06/2016 e relazione di pronto intervento redatta in data 27/06/2016, ai sensi dell’art. 163 del D.Lgs. 50/2016, alle Ditte e ai Professionisti indicati nei predetti atti, per un importo complessivo pari ad € 137.274,50, come quantificato nella perizia giustificativa depositata agli atti dell’ufficio tecnico;
3. DARE ATTO, sulla scorta della perizia giustificativa, trasmessa all’Ente con nota prot. 13433 del 5/07/2016, che le spese in essa previste sono state sostenute nei limiti delle accertate necessità per la rimozione dello stato di pregiudizio alla pubblica incolumità;
4. DARE ALTRESÌ ATTO:  che l’importo complessivo di € 137.274,50 trova copertura al cod.10.05.2.02.67625 P.Fin 2.02.01.09.012 del bilancio di previsione 2016/2018;  che i lavori somma urgenza in parola sono finanziati in parte tramite contributo della Regione Lombardia (cod. 4.0200.01.2930, P.Fin 4.02.01.02.001) ed in parte tramite contributo della Comunità Montana AltaValtellina (cod. 4.0200.01.3127, P.Fin 4.02.01.02.006) del bilancio di previsione 2016/2018;
5. DEMANDARE i successivi adempimenti al Responsabile del Servizio LL.PP. e Gestione & Manutenzione;
6. TRASMETTERE la presente deliberazione alla competente Procura regionale della Corte dei Conti in applicazione di quanto previsto dalla legge 289/2002 (art.23, comma 5, finanziaria 2003);
7. DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134, comma 4, del D.Lgs. n. 267/2000 a seguito dell’esito di separata votazione espressa nelle forme di legge, con voti 7 favorevoli e 0 contrari espressi in forma palese, essendo 7 presenti dei quali 7 votanti e 0 astenuti;

]]>
Consiglio Comunale per il 29 luglio 2016 https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/07/consiglio-comunale-per-il-29-luglio-2016/ Fri, 22 Jul 2016 16:12:44 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=26828 E’ convocato il Consiglio Comunale di Livigno per il giorno venerdì 29 luglio 2016 alle ore 14 presso la sala consigliare per deliberare sul seguente ordine del giorno:

livigno consiglio comunale luglio

consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (5)

Fra i punti in esame c’è il numero 9 che presenta: interventi di somma urgenza messa in sicurezza strada Passo del Gallo a causa colata detritica della notte del 24 giugno 2016, riconoscimento della spesa.
Sarà interessante capire che lavori sono stati svolti in quei giorni appena successivi alla frana e come sono stati spesi euro 137.274,50 deliberati dalla delibera della giunta comunale n° 81 che riportiamo qui sotto:
delibera di giunta

]]>
Consiglio Comunale mercoledì 6 luglio https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/07/consiglio-comunale-mercoledi-6-luglio/ Fri, 01 Jul 2016 13:45:56 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=26526 Il consiglio comunale di Livigno è convocato per mercoledì 6 luglio 2016 alle ore 20.30 presso la sala consigliare per deliberare sul seguente ordine del giorno:

ordine del giorno livigno

]]>
Al primo Consiglio Comunale del nuovo mandato di Bormolini la minoranza ha presentato le dimissioni https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/06/al-primo-consiglio-comunale-del-nuovo-mandato-di-bormolini-la-minoranza-ha-presentato-le-dimissioni/ Tue, 14 Jun 2016 15:55:57 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=26279 Oggi, martedì 14 giugno 2016, si è tenuto il primo Consiglio Comunale con la convalida dei nuovi consiglieri ed il sindaco che amministreranno Livigno per i prossimi 5 anni, 2016-2021.
Al primo punto all’ordine del giorno Damiano Bormolini ha provveduto a convalidare il sindaco ed i nuovi consiglieri comunali, che sono per Punto Livigno Remo Galli, Romina Galli, Alessia Galli, Samantha Todeschi, Marco Zini, Christian Pedrana, Lucio Zini, Federico Galli, per il gruppo di minoranza Progetto Livigno sono invece Maria Barbara Silvestri, Matteo Galli, Prisca Confortola e Lorenzo Zini.
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (1)

Successivamente è intervenuta Barbara Silvestri del gruppo di minoranza Progetto Livigno che ha annunciato di volere leggere una lettera, “la leggiamo ora siccome dopo lasceremo l’aula”.
Vi riportiamo sotto la lettera di oggetto: dimissioni del gruppo Progetto Livigno.

Al Consiglio Comunale
al Sindaco del Comune di Livigno
sig. Damiano Bormolini
e al Segretario Comunale
dott.ssa Stefania Besseghini
Livigno, 14 giugno 2016
Oggetto: dimissioni del gruppo Progetto Livigno
In seguito al risultato delle elezioni comunali, Progetto Livigno si è interrogato sull’opportunità o meno di proseguire l’impegno in Amministrazione come minoranza.
La vittoria di Punto Livigno ci ha lasciato senza parole. Ci aspettavamo più consensi viste le tante lamentele che in questi cinque anni abbiamo raccolto.
Ricoprire il ruolo di minoranza non è un compito facile perchè si passa necessariamente da bastian contrari; perchè si insinua un dubbio; ci si oppone ad alcune decisioni, si verifica l’errore, lo si riporta; si propongono soluzioni che possono essere prese in considerazione oppure no.
In questi anni abbiamo ricoperto questo ruolo, impegnativo e scomodo e lo abbiamo fatto sempre pensando al bene del paese, cercando di difendere gli interessi di tutti in nome del rispetto per il bene comune che tanto ci sta a cuore. Non ci abbiamo guadagnato niente.
Sicuramente abbiamo commesso degli errori: quando si perde la responsabilità va ricercata all’interno. Forse nei modi: qualcuno ci ha definiti “criticoni”, qualcun altro “poco propositivi”, altri ancora “incoerenti” o “poco chiari”. Forse nel non essere riusciti a convincere del nostro progetto.
Bene, non possiamo fare altro che accettare questa situazione.
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (3)

Certo paghiamo l’immagine di noi che in questi anni è stata data alla gente e che in questa campagna, in modo capillare, sotterraneo e diffuso, è stata ulteriormente ampliata e pompata: “Con loro si blocca tutto!”, “rischiate di essere licenziati“, “loro sono i colpevoli di scelte fallite”!
La vicenda Red Bull ne è l’esempio: noi additati, anche con il supporto della tv locale, come i nemici del paese che non meritano di vivere in questo paese! Una tv locale che in questi anni poco ha rappresentato la pluralità del paese e le diverse opinioni presenti nella vita politica e civica, pur ricevendo copsicui contributi comunali (oltre 2 milioni di euro nei tre mandati amministrativi!)
Sono molto significativi anche i messaggi inviati nell’ultima sera dai presidenti o referenti della latteria, dei pescatori, dei motociclisti per influenzare il voto a favore di Punto Livigno, altrimenti non sarebbero proseguite le iniziative del settore..,.
Anche quanto accaduto domenica notte presso gli studi di Telemonteneve diventa emblematico di questo atteggiamento arrogante e irrispettoso della maggioranza nei nostri confronti e di quanti la pensano diversamente. Durante l’ultima pausa della diretta sono stata aggredita gratuitamente dall’assessore uscente Rudi Galli -in rientro dal seggio di Trepalle – con insulti e gravi offese personali.
Poi saremmo noi quelli che “lanciano la merda in aria” , come decantato da un nuovo rappresentante di Punto Livigno, che ha postato questa provocazione su Facebook.
Cari elettori e care elettrici di Livigno e di Trepalle che ci avete votato: vi diciamo il nostro grazie per la fiducia dataci, e ci ricuora che comunque in molti crediamo in un paese diverso. Ci siamo profondamente domandati come rispondere al nostro dovere di rappreventarvi e di portare avanti le idee comuni. Ma a questa domanda ne è seguita subito un’altra su cui vi chiediamo di riflettere attentamente: quale ruolo potremmo avere come minoranza in questo contesto e dopo tanti anni in cui ci siamo fatti portavoce delle lamentele, abbiamo dato voce alle ingiustizie e cercato, per quanto possibile, di indirizzare le scelte verso il bene comune, con il risultato di essere diventati più dei nemici che degli avversari, nemici da attaccare, disprezzare o da utilizzare come capri
espiatori quando le cose non sono andate come volevano oppure dei parafulmini per giustificare delle scelte scomode o dei dovuti no. Questo è successo con soli 24 voti di differenza, figuriamoci con 1146!
Oggi però nei fatti, la maggioranza delle persone ha scelto Punto Livigno, dimostrando di voler proseguire in questa direzione, accettandone i modi, addirittura elogiandoli, in qualche caso.
Noi ci sentiamo ingabbiati in questo gioco e in questo sistema nel quale la nostra funzione di critica ed opposizione appare seriamente compromessa e privata dello spirito democratico, che dovrebbe contraddistinguere la vita politica.
Non solo, ma il clima che si è creato nei nostri confronti ricade anche su quanti hanne ed esprimono opinioni diverse, spesso additati per essre dalla nostra parte.
Da adesso in poi, qualunque scelta, iniziativa, progetto, verrà pensato e realizzato dalla nuova amministrazione, se ne assumerà i meriti o se ne addosserà le colpe. Non saremo più il capro espiatorio di nessuno.
Gli Amministratori potranno lavorare in santa pace, hanno molto lavoro da fare e molte promesse da mantenere!
Ci auguriamo che i nuovi componenti della maggioranza sappiano far valere il loro pensiero, mettano a disposizione le loro capacità per il bene comune, non si adeguino passivamente alle decisioni degli oligarchi del gruppo ed agli interessi dei gruppi che rappresentano.
Alle persone che ci hanno votato vogliamo dire che la scelta maturata con sofferenza e lucidità in questi giorni è quella che pensiamo migliore per il bene del paese, per stimolare una riflessione, per scuotere le coscienze, suscitare un maggiore impegno e responsabilità di ogni cittadino verso il paese.
Il nostro non sarà uno scappare, non ci chiuderemo in un nascondiglio: torniamo cittadini comuni che certo non rinunciano a quanto credono, né rinunceranno a dirlo. Desideriamo sempre con voi che ci avete eletto una Livigno diversa che pensa all’avvenire delle nuove generazioni, senza secondi fini e interessi di parte, credendo che il rinnovamento deve ripartire dal basso.
E’ stata comunque un’esperienza importante, un’avventura ricca e intensa. Un’emozione forte.
Oggi Progetto Livigno chiude la sua esperienza e noi tutti eletti/e e candidati/e della lista Progetto Livigno, rassegniamo le nostre dimissioni e rinunciamo alla carica di Consiglieri comunali del Comune di Livigno.
Grazie a tutti per l’attenzione e buon lavoro!
Gruppo Progetto Livigno

A questo punto la minoranza, dichiarato di volere rassegnare le dimissioni dal Consiglio Comunale, ha abbandonato l’aula. Presenti in sala consigliare tutti i candidati della lista di Progetto Livigno e qualche suo sostenitore.
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (2)
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (8)

Il sindaco ne ha preso atto, ha detto “mi dispiace perchè rappresentano 1000 elettori e andava data loro la possibilità di esprimerte le loro opinioni ed ai nuovi entrati di fare esperienza comunale”.
Bormolini ha quindi ringraziato tutti i cittadini di Livigno che hanno riconfermato il gruppo che danno la possibilità di proseguire con il lavoro portato avanti in questi anni: “Lavoreremo con impegno e onestà per tutti gli abitanti di Livigno”.
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (5)
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (6)

Quindi il sindaco è stato chiamato a prestare giuramento, sono stati poi ufficializzati i nuovi assessori:
Remo Galli ai lavori pubblici,
Christian Pedrana all’agricoltura,
Alessia Galli turismo e sanità,
Romina Galli al sociale, istruzione e cultura,
Il sindaco seguirà l’edilizia privata,
Vicesindaco è stato nominato Remo Galli.
consiglio comunale 14 giugno 2016 livigno (4)

Si è quindi proceduto alla nomina della commissione elettorale comunale:
Christian Pedrana, Federico Galli, Samantha Todeschi,
i supplenti saranno invece Remo Galli, Marco Zini e Lucio Zini.

]]>
Martedì 14 giugno Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/06/martedi-14-giugno-consiglio-comunale-a-livigno/ Thu, 09 Jun 2016 07:25:25 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=26230 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato in sessione straordinaria ed in seduta pubblica per il giorno martedì 14 giugno 2016 alle ore 14.30 presso la sala consigliare del municipio
Ordine del giorno:
1. Esame della condizione del Sindaco e dei Consiglieri eletti e convalida dei componenti del nuovo Consiglio Comunale. Eventuali surroghe.
2. Giuramento del Sindaco.
3. Comunicazione da parte del Sindaco della nomina del Vicesindaco e dei componenti della Giunta Comunale.
4. lezione della Commissione Elettorale.
5. Definizione degli indirizzi per la nomina, designazione e revoca dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni (art. 42, comma 2, lett. M. del D. Lgs. 267/2000.
comune

ProclamazionedeicandidatialConsiglioComunale

]]>
Approvati il bilancio di previsione 2016/2018 del comune di Livigno ed il piano industriale Apt https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/06/approvati-il-bilancio-di-previsione-20162018-del-comune-di-livigno-ed-il-piano-industriale-apt/ Wed, 01 Jun 2016 08:40:01 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=26143 Si è tenuto oggi, martedì 31 maggio 2016 l’ultimo Consiglio Comunale di questa amministrazione guidata da Damiano Bormolini, saranno poi le urne di domenica 5 giugno a decidere i nuovi consiglieri che amministreranno Livigno per i prossimi 5 anni.
Assenti giustificati Rudy Galli e Davide Rodigari per la maggioranza, Matteo Galli, Christian Molinari e Valentino Galli per la minoranza.
Al punto 1 il sindaco ha discusso la lettura e approvazione dei verbali della seduta precedente.
Nella discussione Barbara Silvestri ha chiesto di vedere una lettera con i nominativi per l’assegnazione degli alloggi costruiti di recente dalla curia “come avevi promesso”.
Il sindaco ha risposto che in questa fase ha per ora mandato una mail personale alla curia, non è un atto pubblico e quindi non da condividere, per ora ho dato delle idee di massima al clero che mi ha chiesto di controllare gli assegnatari, ovvero ho controllato la residenza effettiva, ad oggi gli alloggi non sono stati assegnati a nessuno.
Baby dice che gli assegnatari vogliono essere sicuri di prendere l’appartamento che gli spetta e non per il favore del sindaco.
Damiano ha risposto che per ora queste persone non devono chiedere niente a nessuno, quel giorno che la curia presenterà la lista di chi ambisce a diventare assegnatario di uno degli appartamenti lì interverrà il comune, che verificherà i requisiti, stà agli uffici comunali verificare meglio se hanno i requisiti, questo dice la convenzione.
Baby ha ricordato che se dobbiamo rispettare la convenzione gli anni di residenza richiesti sono diversi da quelli effettivamente utilizzati (nella convenzione sarebbero 10 ma il metro chiesto dalla curia è in realtà 5).
Per spiegare meglio questo fatto nel consiglio comunale precedente, al quale non eravamo presenti ma abbiamo rivisto su Tele Monte Neve, c’era stata una interpellanza della minoranza riguardo l’assegnazione degli appartamenti negli alloggi costruiti dalla curia, dove il comune deve controllare che i requisiti di chi ha presentato domanda siano idonei alla convenzione per diventare poi successivamente assegnatari degli appartamenti.
livigno maggio consiglio 2016 (5)
Al punto 2 il sindaco ha introdotto un atto propedeutico riferito al patrimonio immobiliare per andare poi ad approvare il bilancio preventivo.
Baby ha ricordato che è del tutto anormale che 5 giorni prima delle elezioni si faccia un consiglio comunale, questa scelta è stata concordata da maggioranza e minoranza insieme, per non bloccare il comune e mettere in condizione chi verrà ad amministrare di poter lavorare, l’obbligo era di fare consiglio entro il 30 aprile già prorogato perchè era stabilito un mese prima, accettiamo comunque questo consiglio per permettere di proseguire con l’amministrazione del paese.
Tutti hanno votato a favore
Al punto 3  approvazione del documento unico di programmazione 2016-2017-2018, un atto nuovo rispetto agli anni passati, obbligatorio per la stesura del bilancio.
Baby si è astenuta sul punto perchè la documentazione ci è stata fornita solo l’altro giorno, non c’è stato tempo per approfondire l’argomento.
Al punto 4 si è discusso e provveduto all’approvazione del bilancio di previsione 2016/2018 del comune.
Silvestri Lionello, attraverso delle slide ha illustrato il bilancio di previsione.
In fondo all’articolo trovate delle foto con le voci più siglificative del bilancio di previsione.
La discussione è stata breve, Baby ha chiesto informazioni sull’acquisto di una parte del fabbricato della latteria.
Damiano ha ricordato come era stato approvata la dismissione alla partecipazione delle quote della latteria da parte del comune, la forma individuata per sistemare la questione e quella di una cessione di una parte di immobile della latteria al comune, di fatto è una partita a zero, è un modo per uscire e non mettere in difficoltà la società della latteria.
Baby si è astenuta per le stesse motivazioni del punto precedente.

Punto 5 Esame ed approvazione piano industriale Apt Livigno per l’anno 2016
ad esporre il piano Marco Cola, sicuramente il punto più lungo sia in fase di esplicazione che di dibattito
Cola ha raccontato tutte le fasi di lavoro e di programmazione in atto e previste per il proseguo del 2016,
abbiamo avuto le dimissioni di due consiglieri in carica sostituito da due figure nuove,  Sharon Zini e Valeria Bormolini.
Un grosso lavoro è stato fatto sull’avviamento delle strutture e la gestione di Aquagranda con diversi interventi di manutenzione ordinaria e di consolidazione, sistemazione funzionale.
Apt è composta da una nuova struttura organizzativa composta da 4 aree fondamentali gestite come centri di costo e di responsabilità:area prodotto, booking, marketing, amministrativa e stuff e la realizzazione  della nuova struttura organizzativa di Aquagranda.
Interventi:
interventi stutturali quali campo da golf, innevamento artificiale, pista da fondo, gestione in proprio della pista da fondo e la pista ciclopedonale e non da ultimo Aquagranda.
sponsor di località e partner importanti, patrocinio con realtà importanti.
progetto freeride all’avanguardia, Livigno per questo è nominata una delle migliori in Europa.
comunicazione e promozione, l’impiego di canali  e sistemi informativi digitali i quali hanno permesso, grazie anche ad agenzie di comunicazione di settore, di ambire nel titolo di 1° resort nell’utilizzo di sistemi informativi sull’arco alpino.
potenziamento del servizio di prenotazione online grazie al sistema di Inntopia, ora prevediamo di cambiarlo e di provvedere con una nuova piattaforma a vendere anche i servizi oltre alle camere.
Apt ha puntato alla qualità degli eventi.
Obbiettivi e strategie:
Potenziamento della stagione estiva,
collaboreremo alle classiche gare di bici (transalp e nationalpark marathon) e due fiere
Livigno proseguirà la partnership con Vittorio Brumotti che anche nel 2016 indosserà il nostro nome
oltre a Stralivigno saremo promotori co-organizzatori di due nuovi eventi  Skyrunner World Series  e l’Icon Livigno Xtreme Triathlon
apertura area navigabile del lago
apertura del campo pratica golf
Natura card
Campagne promozionali ad hoc previste per le famiglie e in particolare dei bambini
consolidamento della stagione invernale
eventi organizzati e sostenuti, Sgambeda, European Freeride Festival, Skieda, World Rookie Fest, Gran Premio Giovanissimi dei maestri di sci, lo show sulla neve della Ferrari
organizzazione di workshop
rafforzamento della promozione Skipass free
Potenziamento attraverso uffici stampa della promozione nei mercati stranieri
Servizio booking potenziamento, con sostituzione con un nuovo strumento analogo ma più performante
Rafforzare i rapporti con i tour operator
Rinnovamento dell’immagine di livigno, a proseguimento del discorso nuovo logo si va avanti con tutto il resto che c’è intorno ad un marchio
aumento entrate:
Ricerca di partnership ed enti pubblici, consulenza specializzata per i bandi provenienti dalla svizzera
Nuove strutture acquistate in funzioni di rendere Plaza placheda interessante per iniziare a fare diversi eventi fra i quali anche feste e matrimoni
Si prevede un aumento considerevole rispetto al 2015 delle entrate di Aquagranda grazie alle nuove aree aperte, anche per le sublocazioni aiuteranno a migliorare le entrate, affitto del bar, affitto all’ufficio postale presumibilmente da giugno
Entro fine estate verranno realizzati 3 nuovi scivoli in Aquagranda ed entro fine anno il thermarium sarà rivisitato e migliorato
Tutta l’attività di Apt ha l’obbiettivo della qualità, abbiamo iniziato dal mese di settembre 2014 a monitorare anche i prezzi degli albergatori per fare delle analisi approfondite per un miglioramento nel futuro dei prezzi e dell’indotto degli alberghi, lavoro molto importante per qualificare il settore.
Apt e comune hanno identificato  7 obbiettivi da raggiungere
Il Numero di presenze deve aumentare dell’ 1% in inverno
La stagione estiva deve aumentare del 3 % rispetto all’anno precedente
Potenziamento del booking. deve essere superiore di almeno l’1% rispetto al 2015
Rinnovamento dell’immagine di Livigno l’incremento richiesto è del 2 per cento
Aumento delle entrare a favore dell’ente socio con un aumento almeno di 1.385.000 euro
Aquagranda ingressi pari o superiori al valore di 50.000
l’aumento dell’indotto del comparto ricettivo, questo è un obbiettivo nuovo introdotto questo anno, ci tenevamo molto inserire questo dato che da poco riusciamo a monitorare, dato molto interessante per capire che strada sta prendendo il nostro ricettivo ed il nostro turismo.
Cola ha poi ricordato che andrà aggiornato il consiglio di amminstrazione di Apt, Sharon Zini ha rassegnato infatti le dimissioni visto che è un candidato per le attuali elezioni comunali.

Aquagranda, le sue aree e le spese
Area prodotto tariffe e reception. 737.000 euro
Area marketing  1.902.000 euro
Area booking 62.439 euro
Area manutenzioni 358.000 euro
Area strutture e immobili 576.000 euro
area staff    481.000 euro
organi direzionali e personale amministrativo 93.000 euro
ricavi di esercizio Apt 6.366.000  euro
costi di esercizio 3.741.000 euro
cespiti 648.000 euro
personale dipendente 1.900.00 euro
personale amministrativo 77.500 euro
totale  attività di Apt
6.150.00 euro contributo del comune
215.000 euro ricavi di Apt
1385.000 euro che Apt genera attraverso i servizi affidati dal comune
648.000 euro ammortamenti

Aquagranda nuovi investimenti previsti per 2.666.000 euro (180.000 la quota di ammortamento)
Nello specifico ci saranno nuovi lavori per 2.500.000 euro: ampliamento e riqualificazione dell’area wellness e relax ampliamento, nuova area massaggi, conversione della vasca centrale in una vasca relax migliorie varie, nuova area umida con bagni turchi e docce, l’area sarà caratterizzata dall’inserimento di sasso legno vetro con un effetto più montano.
specifico dei nuovi lavori:
Slide e fun verranno realizzati nuovi scivoli, applicazione con materiale antiscivolo, apertura di nuove finestre, opere edili per un tunnel che collega l’area sport e fitness alla reception
impermeabilizzazioni varie  350.000 euro
adeguamento impianti, cartongesso 477.000 euro
adeguamento per edificio postale 175.000 euro
sistemazione esterna  65.000 euro
3 nuovi scivoli 591.000 euro
installazione scivoli e adeguamento struttura 70.500 euro
posa controsoffitti, luci e musica, nuovo pavimento 150.000 euro
aperture perimetrali, aperture esterne, nuovi divisori 90.000 euro
modifica della hall 420.000 euro
collegamento interno 117.000 euro
La società prevede di finanziare queste opere attraverso una linea di credito a medio lungo termine, è stato ipotizzato un piano di rientro su un muto di 12 anni ad una rata semestrale di 141.000 euro
Terminato il lungo intervento di Cola è il turno degli interventi della minoranza con Barbara Silvestri.
Baby ha detto noi facciamo solo delle considerazioni generali per la stessa regione di prima, certamente la relazione da conto di un grande lavoro con anche cose innovative, le considerazioni generali riguardano l’entità degli investimenti che noi stiamo mettendo su Apt e Aquagranda.
Nel 2011 quando si partiva con questo mandato le risorse che il comune passava ad Apt erano di 2.450.000 euro.
Oggi siamo a 4.400.000 sull’ordinario, tolta aquagranda, quasi 2 volte.
Aquagranda l’anno scorso ho visto lavori di ristrutturazione riconosciuti alla società per oltre un milione che doveva fare e avevamo conteggiato nella transazione e molti dei quali sono stati poi rifatti,
Apt ne ha fatti ora lavori per 1.700.000 euro, vogliamo anche aprire una parentesi sulla modalità con cui sono stati fatti questi lavori non un bando non un preventivo di spesa, tutti in economia diretta. Ho visto le relazioni della commissione di controllo che sottolineano questa cosa, va bene l’urgenza dei tempi ecc°, non abbiamo neanche detto niente.
Questo anno prevediamo un investimento come ha descritto ora Marco, un mese fa avevamo chiesto questo piano, non è neanche stato inserito nel piano programma, c’era solo la voce di 2.600.000 euro di lavori.
Abbiamo fatto 4 mesi di gestione, Moretti ribadisce 5 mesi, 5 mesi riferita alla nuova area aperta , 5 mesi di esperienza non ci dicono il trend, non ci danno tutti i dati per capire cosa dobbiamo fare, se dobbiamo ingrandirla, abbellirla, dal nostro punto di vista è bene fare l’indispensabile, andare avanti e poi fare dei ragionamenti sulle opportunità o meno di fare dei lavori, questa ristrutturazione così radicale, perchè dopo 5 mesi rifare tutto?
Su questo non siamo d’accordo passiamo i 6.000.000 di euro, a quelle quote si aggiungono  i 2.600.000 di lavori e le quote di ammortamento che ancora per qualche anno andremo a pagare e parliamo di circa 2.000.000 l’anno, poi non abbiamo i soldi per il resto in paese,
Su questa impostazione non ci trova d’accordo, riteniamo che le scelte debbano essere più ponderate, la gestione deve essere più lunga per fare scelte più ponderate per vedere e valutare come operare.
Baby ha ricordato il numero delle 360.000 presenze annuali che veniva dato nel business plan anni fa per Aquagranda, ora sfioriamo i 50.000 ingressi annuali, si sono stati dei buoni numeri questo inverno
e più veritieri rispetto a qui 360.000.
Damiano ha ricordato che l’anno precedente i numeri erano stati 37.000 quindi un bel aumento di presenze.
Baby ha ricordato che la parte albergo è ancora chiusa e potrebbe essere redditizia.
Nel bilancio globale del comune di Livigno di 40.000.000 di euro 10.000.000 sono per Aquagranda, siamo contrari a queste cifre e questi lavori, abbiamo bisogno di interventi in altre situazioni.
Baby ha quindi votato contraria al punto in discussione.
Al punto 6  approvazione degli interventi in campo socio assistenziale nel 2016
E’ intervenuto Narciso Zini
Popolazione è composta da 2310 famiglie
i cittadini sono così suddivisi
279 asilo
874 studenti
4489 popolazione attiva
500 oltre i 65 anni
Narciso ha poi spiegato le varie iniziative e voci di spesa per il Centro aggregazione giovanile, i progetti per i giovani e adolescenti, il centro diurno per disabili, il servizio di assistenza domiciliare.
Baby ha ricordato che questo è l’ultimo consiglio di Narciso, confermiamo le voci elencate ora da Zini, votiamo favorevoli al piano approvazione degli interventi in campo socio assistenziale.
Stessa cosa per il punto 7 dove si approvavano le attività di Biblioteca nel 2016
Il comune spende 224.000 euro per la cultura, da questo anno c’è anche il nuovo Museo di Livigno.
Baby ha detto che ha sempre visto bene quello fatto nel sociale e biblioteca, il museo va bene, siamo favorevoli.
Il punto 8 è stata solo una presa atto della consegna dei documenti da Apt, tutti ne hanno preso atto.
Il sindaco Damiano Bormolini ha quindi concluso i lavori ringraziando tutti i consiglieri di maggioranza e minoranza che nel bene e nel male siamo riusciti a portare a termine questo mandato, grazie al segretario comunale che si è impegnato molto e a volte più di quello che gli compete, grazie a Galli Valentino che è assente oggi, perchè ha partecipato per un attività profiqua del consiglio comunale.
Anche Barbara Silvestri ha ringraziato la segretaria per l’impegno di questi anni.
livigno maggio consiglio 2016 (1)
livigno maggio consiglio 2016 (2)
livigno maggio consiglio 2016 (3)
livigno maggio consiglio 2016 (4)
livigno maggio consiglio 2016 (6)
livigno maggio consiglio 2016 (7)
livigno maggio consiglio 2016 (8)
livigno maggio consiglio 2016 (9)
]]>
Ultimo consiglio comunale di questa amministrazione https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/05/ultimo-consiglio-comunale-di-questa-amministrazione/ Thu, 26 May 2016 07:09:37 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=26068 Il consiglio comunale di Livigno è invitato a riunirsi martedì 31 maggio 2016 alle ore 14.30 presso la sala consigliare in comune.
Sarà l’ultimo di questa amministrazione, poi il 5 giugno il paese è chiamato alle nuove elezioni comunali che definiranno chi andrà ad amministrare il paese nei prossimi 5 anni.
All’ordine del giorno:
-approvazione del documento unico di programmazione 2016-2017-2018
-approvazione del bilancio di previsione 2016/2018
-approvazione del piano industriale di Apt Livigno per il 2016
– approvazione degli interventi in campo socio assistenziale nel 2016
– approvazione delle attività di Biblioteca nel 2016
ultimo consiglio comunale di bormolini a livigno

]]>
Giovedì 3 marzo Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/02/giovedi-3-marzo-consiglio-comunale-a-livigno/ Wed, 24 Feb 2016 08:20:45 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=25430 Il Consiglio Comunale di Livigno è stato convocato in sessione straordinaria ed in seduta pubblica per giovedì 3 marzo alle ore 10 in sala consigliare del municipio, qui sotto trovate l’ordine del giorno:
livigno consiglio comunale ordine del giorno

Scarica l’ordine del giorno qui.

]]>
Livigno, Approvato il nuovo impianto che sostituirà il Carosello 3000 https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/02/livigno-approvato-il-nuovo-impianto-che-sostituira-il-carosello-3000/ Tue, 09 Feb 2016 09:00:03 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=25333 Lunedì 8 febbraio 2016 alle ore 20.30 si è tenuto il Consigio Comunale di Livigno.
Il punto focale è stato il secondo che andava ad esaminare la realizzazione di una nuova cabonovia decaposto denominata  San Rocco Baite Pel Lago Salin e relative strutture complementari, stazioni e piste, in sostituzione dell’impianto esistente, esame richiesta della società Carosello 3000 srl, provvedimenti.
Dall’aula è uscito Valentino Galli, membro dell’Associazione Skipass del paese.
livigno consiglio comunale 8 febbraio 2016 (4)

Il sindaco ha letto la delibera preparata per andare ad approvare questo nuovo impianto, con tutto l’iter burocratico, prima l’impianto funitel, poi sostituito da questo nuovo progetto di cabinovia e ed i vari passaggi susseguitisi fino al consiglio comunale di fine luglio 2015 quando il consiglio comunale rigettò il punto presentato per il nuovo impianto legandolo a dei problemi legali di capitolato su altri impianti di risalita dove il tar chiedeva alle parti (comune e società degli impianti Carosello 3000 e Sitas spa) di mettersi d’accordo onde evitare conseguenze peggiori.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia  si è poi pronunciato il 16 dicembre 2015 ( depositato l’atto in segreteria il 16.01.2016) per l’annullamento della deliberazione del Consiglio comunale di Livigno n. 24 del 30.5.2014, pubblicata all’albo pretorio comunale per 15 giorni a partire dal 6.6.2014, avente ad oggetto “Concessione per la costruzione e per l’esercizio degli impianti a fune di servizio pubblico nel territorio comunale. Approvazione Capitolato”;
il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione I) definitivamente pronunciando sui ricorsi riuniti, come in epigrafe proposti:
– accoglie parzialmente la domanda di annullamento della deliberazione del Consiglio comunale di Livigno 30.5.2014, n. 24 e della comunicazione inviata dal Comune alla ricorrente con lettera 16 giugno 2014, prot. 11387, cat. VI/8, nei limiti e nei sensi di cui in motivazione;
– dichiara in parte cessata la materia del contendere;
– respinge per il resto le domande contenute nel ricorso n. R.G. 2235/2014;
– dichiara la nullità parziale dei provvedimenti impugnati con il ricorso n. R.G. 10/2015, limitatamente ai profili evidenziati in parte motiva;
– dichiara per il resto l’improcedibilità delle domande contenute nel suddetto ricorso.
livigno consiglio comunale 8 febbraio 2016 (2)
A questo punto il punto è stato ripresentato nel primo consiglio comunale disponibile che è stato quello di ieri sera.
Il sindaco Damiano Bormolini ha detto come il progetto sia stato esaminato molto attentamente, valutando che la sostituzione dell’esistente funivia  avrà positivi riscontri sulla clientela turistica invernale supportando quei processi di potenziamento di un settore che risulta assolutamente trainante per la realtà economica locale con effetti favorevoli anche dal punto di vista occupazionale.
Ha ricordato poi come il piano delle regole non permette di avere un rifugio con tavola calda o ristorante in una stazione intermedia, il comune chiede quindi alla società Carosello 3000 di modificare il progetto in sede esecutiva provvedendo la zona ristorante nella stazione a monte, come prevedere il regolamento.
livigno consiglio comunale 8 febbraio 2016 (1)
Si è quindi aperta la discussione e Barbara Silvestri della minoranza ha fatto un’osservazione “sull’omissione di questa delibera, avete citato tutte la varie sentenze del tar ma non quella di ottobre in cui il tar invitava il comune a tornare in consiglio comunale per tornare a valutare il progetto.
Questa sentenza sostanzialmente smentisce quello che voi avete voluto sostenere a luglio quando avete rinviato dicendo che l’approvazione dipendeva sostanzialmente dai ricorsi sul capitolato.
Questa sentenza dice che sono invece due cose diverse, procedete ora a riportare in consiglio il progetto ma le cose sono separate.
La mancata approvazione a luglio ha compromesso, compromette la possibilità che questo impianto venga rinnovato entro il prossimo anno, ci auguriamo che si riesca correndo, grazie all’approvazione di oggi, a realizzarlo, ma chiaramente si sono persi 7 mesi”.  Baby ha chiesto che venga messo agli atti anche la sentenza del tar di ottobre: “avete citato tutte le delibere e sentenze, mi sembra giusto doveroso ricordare e inserire che c’è anche questa sentenza di ottobre che non avete menzionato”.
livigno consiglio comunale 8 febbraio 2016 (3)
Il sindaco a ribattuto ” Baby ti stai formalizzando e basta, non è che non c’era l’obbligo di non portarlo, è stata una scelta dove prevedeva dopo il parere del tar il rinvio di merito al 16 dicembre, in secondo luogo ci dava indicazioni chiare, 1) ci dava tempo 30 giorni per trovare un accordo, e 2) nel caso fosse stato accolto il ricorso le concessioni che avevamo già rilasciato per il valandrea-vetta e blesaccia 2, nel caso fosse stato fatto il ricorso, sarebbero state dichiarate nulle.
quindi per logica, se io rilascio una concessione, quando poi il tar mi dice guarda che se diamo ragione al contendente che l’atto di concessione viene dichiarato nullo, cosa facciamo, percorriamo una strada senza ritorno con il rischio di mettere in crisi lo stesso concessionario perchè a seguito della delibera poteva fare i suoi passi e iniziare a ragionare per l’acquisto dell’impianto e fare quello che serve per arrivare alla realizzazione.
e poi a dicembre nel merito che comunque il tar ha anche detto che voi dovevate rilasciare la concessione perchè il comune ha la possibilità di fare atti consequenziali, nell’eventualità come un atto di autotutela con la revoca della concessione, ma ti sembra logico  che mandiamo allo sbaraglio anche lo stesso concessionario per questo?
la scelta è stata quella del rinvio del punto, se non ci fosse stata quell’ordinanza era chiaro che si sarebbe proceduto ad approvare l’impianto allora a luglio.
Adesso sul capitolato c’è stato il pronunciamento dove, di fatto 2 punti sono stati ritirati dalle società contendenti, e solo su uno è andato avanti il ricorso e c’è stato il pronunciamento”
Il sindaco ha proposto di approvare un emendamento dove il progetto dovrà essere modificato in sede esecutiva prevedendo la rimozione totale delle superfici fuori terra della stazione a valle e intermedia  dell’impianto esistente, la previsioni di nuove superfici destinate a ristoro nel rispetto del piano delle regole, dovrà essere eventualmente collocata nella stazione a monte.
La delibera della concessione del nuovo impianto è stata quindi voltata all’unanimità con parere favorevole.
]]>
Lunedì 8 febbraio consiglio comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2016/02/lunedi-8-febbraio-consiglio-comunale-a-livigno/ Tue, 02 Feb 2016 08:09:43 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=25289 Il Consiglio Comunale di Livigno è stato convocato in sessione straordinaria e seduta pubblica  per il giorno lunedì 8 febbraio 2016 alle ore 20.30 presso la sala consigliare.
Il punto più interessante all’ordine del giorno sarà sicuramente il 2° riguardante la realizzazione di una nuova cabinovia decaposto denominata “San Rocco-Baite Pel, Lago Salin”.
Si tratta del rifacimento del Carosello 3000, la cabinovia a sei posti che porta fino in cima all’area.
Il punto era in discussione anche in un consiglio comunale del 30 luglio 2015, trattazione che a sorpresa venne ritirata dalla discussione.Ecco le parole pronunciate del sindaco quando ritirò il punto in consiglio comunale:
“Passiamo al punto successivo 14, realizzazione di una nuova cabonovia decaposto denominata  San Rocco Baite Pel Lago Salin e relative strutture complementari, stazioni e piste, in sostituzione dell’impianto esistente, esame richiesta della società Carosello 3000 srl, provvedimenti.
Su questo punto, mio malgrado, perchè lo faccio abbastanza malvolentieri, perchè ritengo che l’impianto debba essere, l’impianto Carosello necessita la sostituzione, propongo il ritiro del punto in quanto successivamente alla convocazione del consiglio comunale quindi la volontà dell’amministrazione di inserire l’approvazione per il rilascio, appunto, della concessione della sostituzione del Carosello 3000, è arrivata l’ordinanza del tar a seguito dei ricorsi sul capitolato della concessione degli impianti, la quale da la possibilità alle parti entro 30 giorni di trovare, diciamo così, degli accordi.
Nell’eventualità viene rifissata, vengono riuniti i vari ricorsi proposti dalla società Sitas e la società Carosello, e viene fissato la discussione al 16, posticipata la discussione al 16 dicembre.
Ma il tar però fa delle precisazioni molto importanti che sono quelle legate ai successivi ricorsi fatti a seguito del rilascio della concessione del Valandrea-Vetta e del Blesaccia 2 che, a seguito appunto dell’approvazione della nuova concessione per questi impianti, è stato proposto ricorso, e su questi sostanzialmente sono state mosse delle riserve, delle motivazioni da parte della società su alcuni articoli del capitolato. In merito a quello invece il tar si pronuncia esprimendo molto chiaramente che nel caso avesse a pronunciarsi su queste autorizzazioni dovrebbe procedere all’annullamento, alla nullità dell’atto di concessione, quindi vorrebbe dire il ritiro della concessione.
A seguito di questo cosa succede, considerato che per procedere al rilascio della concessione per portare in consiglio comunale il punto, la società anzi l’amministratore della società doveva firmare il nuovo capitolato di concessione degli impianti, il nuovo capitolato è stato firmato ma in realtà è stato firmato con riserva di giudizio dei ricorsi in essere appunto al tar del capitolato. Questo, a seguito delle ordinanze del tar, su indicazione anche del legale, si ritiene che non si debba procedere al rilascio di autorizzazioni in attesa appunto della definizione di questi ricorsi. Quindi propongo il ritiro del punto e poi a data da destinarsi, anche per vedere come andrà a finire il pronunciamento sostanzialmente del tar.
Quindi propongo la votazione per il ritiro del punto”.
In gennaio 2016 il Tar si è pronunciato ed ha depositato in segreteria la decisione del consiglio del Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia del 16 dicembre 2015 ed ecco ricomparire la discussione sul nuovo impianto in consiglio comunale di Livigno.

Qui sotto l’ordine del giorno di lunedì 8 febbraio.
livigno consiglio comunale febbraio 2016

]]>
Il Consiglio Comunale di Livigno torna a riunirsi il 30.11.2015 https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/11/il-consiglio-comunale-di-livigno-torna-a-riunirsi-il-30-11-2015/ Tue, 24 Nov 2015 06:49:24 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=24594 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato in sessione straordinaria ed in seduta pubblica il giorno lunedì 30 novembre 2015 in sala Consigliare alle ore 20.30
ecco qui sotto l’ordine del giorno:
consiglio comunale livigno novembre 2015

]]>
Livigno, In Consiglio Comunale il museo e gli interventi in campo agricolo 2015-16 https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/10/livigno-in-consiglio-comunale-il-museo-e-gli-interventi-in-campo-agricolo-2015-16/ Wed, 07 Oct 2015 09:56:30 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=23860 Al Consiglio Comunale di Livigno del 30 settembre al punto 4 all’ordine del giorno si è parlato di esame ed approvazione programma interventi in campo agricolo 2015-2016.
Il consigliere Christian Pedrana ha illustrato il piano dove sostanzialmente si riconferma il budget dello scorso anno per i vari interventi, la novità più interessante è la volontà di modificare e migliorare la qualità del latte di Livigno, “serve una svolta nella produzione del latte, abbiamo steso un progetto in fase di partenza che utilizza in prevalenza foraggio locale, stiamo facendo gli incontri con le aziende e cerchiamo di coinvolgere e andare in questa direzione molto interessante per il territorio”.
Il disciplinare di produzione prevede oltre all’alta percentuale di foraggio locale con al massimo il 10% di mangimi, sui quali si sta cercando di mettere delle indicazioni e criteri per indirizzare tutti a usare mangini senza sottoprodotti, c’è anche da sottolineare l’orientamento voluto ad utilizzare in prevalenza bovini di razza bruna.
Barbara Silvestri, della minoranza, si è detta molto felice del piano, la minoranza sposa fortemente questa strada che si sta definendo maggiormente, ha chiesto che ci siano dei criteri idonei per le varie zone per quanto riguarda il cambio del manto erboso, perchè ogni zona ha le sue tipicità e caratteristiche ed è quindi più adatta ad un manto piuttosto che l’altro. Baby si è anche detta felice che si vadano ad ipotizzare manti più consoni alle nostre zone, rispetto ad idee di un anno fa che parlavano dell’introduzione di manti provenienti dalla Nuova Zelanda, Australia o chissà dove.
Baby ha concluso il suo discorso dando il voto positivo al punto in questione e facendo i complimenti a Crhistian per l’entusiamo, la passione ed il lavoro svolto molto positivamente nel comparto agricolo.
E’ quindi intervenuto Valentino Galli che ha parlato di una visione che va a penalizzare altre tipologie di bovini, “perchè c’è questo accanimento sulla mucca scozzese” chiede.
Ha poi trattato l’argomento degli sfalci sottolineando che alcuni tagliano il prato solo per prendere i soldi, contributi dello sfalcio, senza avere questo interesse nella cura del proprio terreno e del territorio. E’ scandaloso vedere alcuni prati a settembre ancora da tagliare, anche a livello turistico non è un bel vedere, “sono pochi casi, forse andrebbe gestita meglio la faccenda e fissare un termine per lo sfalcio, che ne so a fine agosto”. Galli ha poi chiesto ragguagli su un problema che era successo all’alpe forcola con il caso di qualche decesso di animali.
Pedrana ha risposto che potrebbe essere un’idea quella di un termine dello sfalcio, bisogna sottolineare che ogni stagione però ha le sue condizioni meteo che vanno a favorire o no il procedimento dei lavori, fondamentale comunque è che tutti i prati vengano tagliati per mantenere bello il nostro territorio. Ha poi parlato dell’unico proprietario di mucche scozzesi, dicendo che ok non produce latte però comunque è un produttore di carne bovina e sul fatto di sfalcio prati sta facendo un ottimo lavoro andando a tagliare e mantere, sistemare dei pascoli in zona alta anche difficili da sistemare e di poca redditività.
Sulla faccenda dell’alpe Forcola è semplicemente successo che alcuni bovini hanno bevuto dell’acqua proveniente da una pozza di acqua stagnante inquinata dalla presenza di un animale selvatico morto. Non c’è nessun dolo, sono cose che purtroppo possono succedere, scoperti i decessi si è provveduto subito ad eliminare l’animale selvatico e rendere la zona sicura.
Su questo punto Valentino ha dato voto contrario, il gruppo di Barbara Silvestri voto favorevole.
44. Mostra zootecnica 03576
Al punto 6 dell’ordine del giorno si è parlato di istituzione raccolta museale Livigno Trepalle.
Ha preso la parola Remo Galli, ” c’è la volontà dell’amministrazione di portare avanti il museo che serve e rappresenta l’anima del paese. Abbiamo fatto un incontro pubblico dove chi ha deciso di aderire ha proposto le sue idee. La prima cosa che abbiamo fatto è quella di trovargli un nome, la commissione dopo varie proposte ha ritenuto di utilizzare il nome Museo Etnografico Mus.
E’ stato elaborato un regolamento su come verrà istituito il museo per permettere ai cittadini di donare oppure di depositare alcuni dei propri oggetti antichi nel museo.
Un plauso poi a due ragazze giovani, Denise Castellani e Alice Martinelli che hanno preso l’incarico di seguire diversi aspetti del museo e ci stanno mettendo i cuore.
L’idea è di aprire per l’inverno un paio di stanze per poi proseguire il discorso e sviluppare il futuro di questo progetto”.
E’ quindi intervenuta Baby Silvestri, ” dopo 14 anni viene riesumato il progetto ci fa molto piacere, questo a 7 mesi dalle elezioni, c’è uno stato di deterioramento della struttura e dei diversi oggetti contenuti, la responsabilità dello stato delle cose è della maggioranza attuale e di quelle precedenti, per questo la minoranza nella votazione si asterrà”.
Narciso Zini ha ricordato come sulla questione che si porta avanti da tanti anni c’erano all’inizio diverse correnti di pensiero su quale casa utilizzare che meglio rappresentasse le tipicità del Piccolo Tibet, a tanti la scelta del museo nella posizione attuale non piaceva, sono stati fatti i lavori ma mancavano dei requisiti per aprirlo al pubblico, Narciso ha ribadito a Baby che non c’è nessun mea culpa, purtroppo l’andamento delle cose è stato influenzato da tanti fattori e solo ora si arriva ad una conclusione, ha terminato il suo intervento facendo i complimenti a Remo per avere ripreso in mano la questione.
consiglio comunale livigno

Riportiamo qui sotto l’intervento completo:
Il Consigliere Remo Galli: “Il pensiero dell’Amministrazione è che il museo serva, rappresenta l’anima della nostra gente e oggi penso che sia una giornata importante perché facciamo l’istituzione vera e propria del museo cosa che non era stata mai fatta. Diciamo che la storia del museo nasce nella metà degli anni 80 con acquisizione dello stabile in Via Domenion, c’è stato un passaggio di ristrutturazione nella meta degli anni 90, nel 98 il Comune riceve la prima donazione di Galli Luigi e Cola Olimpia di vari oggetti per partire con  il museo. In questi mesi diciamo abbiamo fatto un incontro pubblico, abbiamo chiesto chi fosse sensibile al tema di venire e proporre delle idee, tutti avevano la volontà di andare avanti di riuscire ad aprire il museo ed il primo problema che avevamo era quello ti trovare il nome, abbiamo quindi fatto una commissione dove sono usciti varie temi ed idee e poi la commissione ha sostenuto che il miglior nome fosse Mus, e magari leggo il motivo del perché ci chiama così, “Museo etonografico Mus” in quanto è un’ espressione comune  del dialetto di Livigno, un termine che racchiude più significati: come imperativo indica un obbligo, senza alternativa, di agire; è sinonimo di volto umano o animale; nel suono richiama “museo”, termine ovviamente inesistente nel dialetto del posto.
Questa parola rispecchia alla perfezione lo scopo e gli intenti del progetto Museo di Livigno:
vuole testimoniare lo spirito di adattamento e dell’arte di arrangiarsi sviluppati per sopravvivere in un ambiente isolato e avaro di risorse;
vuole rappresentare il “volto” di una comunità che ha le sue origini nell’allevamento e nell’agricoltura, ma che si è stravolta in un breve lasso di tempo con l’arrivo del progresso e del turismo;
racchiude il concetto di “museo”, luogo fisico dove conservare, esporre e studiare le memorie di un passato non troppo lontano.
Un luogo che non esiste ancora nel paese di Livigno, ma di cui si sente l’urgenza, la necessità, per poter ricordare, raccogliere e capire quello che è stato e mostrarlo a chi ne è curioso.
Quindi questo è stato un primo passo a questo punto poi abbiamo elaborato anche un regolamento che disciplina come viene istituito il museo, quindi le finalità sono quelle di non perdere sicuramente la nostra storia e tradizione che saranno sicuramente di esempio per il futuro, viene istituita una commissione culturale formata da un delegato del Sindaco e due persone che saranno il motore insieme agli amici del museo dell’iniziativa, perché crediamo che se il museo ci sarà, sarà di tutto e vorremmo aprirlo il più possibile e quindi abbiamo istituito la figura degli amici del museo. Altra cosa importante la possibilità dei cittadini o donare al Comune quindi la donazione diretta, oppure anche la possibilità di depositare per qualche periodo degli oggetti importanti. Il Comune avrà la facoltà di accettare o meno questi oggetti. La nostra volontà e devo dire grazie sicuramente a tutti i volontari che in questi mesi sono venuti, abbiamo fatto riunioni anche alla sera e si sono resi a cercare oggetti, a pulirli e a sistemarli, in particolare a due ragazze Denise Castellani e Alice Martinelli che veramente ci stanno mettendo il cuore per portare avanti questa iniziativa e speriamo,  e noi ci siamo dati come data sicuramente l’inverno di aprire almeno una parte del museo per questo inverno perché rappresenterebbe un punto di partenza importante per poi svilupparlo per il futuro.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Ci fa molto piacere che dopo 14 anni diciamo venga riesumato il progetto che avevamo fatto allora con la Commissione e coinvolgendo persone appassionate e
che oggi venga riproposto, ma cosa è successo in 14 anni, perché non nascondiamoci siamo a 7 mesi dalle elezioni e questo rendo meno bella l’azione che viene fatta. Abbiamo fatto un sopralluogo alla struttura, i materiali documentali che sono presenti, oggettistica che erano stati donati allora lo stato di deterioramento e davvero grave, sia della struttura, sia di parte degli oggetti, non possiamo non dirlo e non possiamo entrare nel merito, perché c’è una responsabilità di questa Amministrazione e di quelle precedenti di aver abbandonato quell’edificio a se stesso, rispetto e mi fa piacere che Remo hai ripreso il progetto, l’hai apprezzato credo che comunque dopo 15 anni anche le concezioni di museo le idee richiedono anche delle variazioni, perché chiunque di noi famiglie, imprenditore abbia nel cassetto un progetto che ha 15 anni pur bello che sia con l’evoluzione che ci sono richiede anche un cambiamento, ecco io non so quanto o come che modifiche prevediate, certo capisco che vi siete dati in timing molto stretto naturalmente per arrivare ad una inaugurazione che arriva con le scadenze elettorali, questo svilisce un po’ questo impegno, fa piacere che abbiate coinvolto delle giovani che hanno fatto studi sui beni, mi auguro anche che a queste ragazze venga anche riconosciuto, non dico uno stipendio, ma certamente un contributo dato che i neolaureati sono quelli che girano un po’ a spasso e se non vogliamo perderli bisogna anche dargli un riconoscimento economico.
Rispetto il regolamento diciamo è stata scelta la strada della raccolta museale perché questo permette di partire senza avere personale dedicato, direttore e quant’altro, va bene condivido le scelte circa le modalità di acquisizione del materiale e documentale, degli oggetti, ripeto peccato che siamo qui a discutere di questa cosa dopo 14 anni, anche con una necessità di spesa enorme per rimettere apposto la struttura delle parte e degli oggetti, ma molto della struttura perché questa mattina ho preso atto di questa cosa, questa è una responsabilità non tua Remo perché non c’era ma di questa Amministrazione e questo mi fa astenere dall’approvazione di questo regolamento.
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “ Vorrei intervenire anche perché direttamente chiamato in causa in quanto con responsabilità alla cultura. Per la verità non ci è stato consegnato un museo o qualcosa che andasse in quella direzione era una struttura piantata li anche dal suo tempo. Naturalmente col tempo noi abbiamo ragionato con le diverse associazioni, abbiamo tentato a più riprese di rilanciare e di dare concretezza a questo museo, c’erano diverse correnti di pensiero, per la verità, la casa dove era stato immaginata la collocazione del  museo non risponde sicuramente a quelle che sono le caratteristiche delle case di Livigno di una volta ed infatti si era calcolato e valutato la possibile collocazione in altre strutture che fossero più rappresentative di quella che era la caratteristica di Livigno e anche per questo si è così temporeggiato in attesa di poterlo portare avanti. Comunque la cosa era già arenata  prima che la si prendesse in mano.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Non diciamo stupidaggini, in 4 anni si sono fatti i lavori,  si è fatto il progetto di allestimento e le ricerche, non dire che si è arenata, abbiamo consegnato un progetto  di allestimento e da quello che mi dice Remo è stato ripreso tale e quale, se tu ci hai messo 14 anni per realizzare certe cose, almeno la manutenzione dello stabile, perché caro Narciso se tu dovessi pagare di tasca tua il deterioramento di quella struttura li ti assicuro che dovresti tirare fuori tanti soldi.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “Quella struttura è rimasta soltanto chiusa, sappiamo benissimo anche il pressapochismo con la quale è stata recuperata anche perché c’erano delle notevole falle in quegli interventi che erano stati fatti e che non rispondevano esattamente a quelle che potevano essere i requisiti necessari per un’apertura la pubblico. Torno a dire si è ragionato spesso con associazioni per potergli dare un avvio per poterlo aprire, c’erano appunto queste correnti di pensiero che ciascuno diceva, ma esattamente, manca, la stalla, manca il fienile, la caratteristica è più di una casa engadinese piuttosto che di una casa livignasca. Sono state tutte valutazioni che hanno fatto temporeggiare però venire a dire che avete consegnata una cosa che andava solo aperta, non è assolutamente vero perché non c’era assolutamente niente e fra l’altro non era neppure completo. Sono felicissimo che Remo abbia ripreso in mano quello che era il ragionamento del museo, resto comunque della mia idea che la caratteristica è temporanea perché secondo me la collocazione doveva essere in una struttura più caratteristica del paese.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “In 14 anni potevi trovare molte alternative caro Narciso, perché sono d’accordo pure io che quella non è la casa ideale, però da qualche parte si deve partire. 14 anni vorrei conoscere tutte queste associazioni che hai coinvolto per dirimere e la questione e non dirimerla e intanto lasciarlo andare a male questo francamente è molto grave.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “Be la struttura è comunque li e sicuramente come l’abbiamo rilevata è rimasta tale quale, ci possono essere state delle infiltrazioni.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Ad oggi c’era giù in fondo ancora acqua, abbiamo delle stanze che si sono.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “Be allora vuol dire che i lavori erano stati fatti.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Vuol dire, Narciso stai dicendo menzogne stai meglio a stare zitto.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “E’ la realtà che è li da poter constatare da quelle che erano le situazioni già allora, tanto è che abbiamo trovato delle situazioni disperate sia per quanto riguarda l’ascensore che la parte interrata, abbiamo dovuto intervenire per regimare le acqua all’esterno perché c’erano gravi problemi di infiltrazione, quello che era possibile fare chiaramente non era all’ordine del giorno l’apertura e non si proceduto al recupero totale o parziale di quello che era la struttura però l’intervento fatto non era assolutamente risolutivo e necessitava ancora di notevoli interventi. Complimenti comunque a Remo che a preso in mano la situazione e se riusciamo a partire di quello che può essere le nostre appartenenze per quanto riguarda attrezzature, ecc. ben felice di esserci riusciti.”
Il Consigliere Comunale Remo Galli: “Sicuramente quello che vorrei sottolineare che la ripartenza è diciamo merito di tutta l’Amministrazione che abbiamo deciso visto che era difficile coinvolgere le Associazione, c’era il problema della gestione abbiamo trovato una strada insieme e abbiamo deciso di ripartire. L’unico appunto leggero che faccio è sul fatto che tempi, è vero uno potrebbe dire è fatto un anno prima delle elezioni, però secondo me un amministratori, almeno io non ragiono così, un amministratore deve amministrare fino all’ultimo giorno e poi se a maggio, a giugno ci sarà qualcun altro spero che lo porti avanti con la stessa passione che hanno le due ragazze giù, e secondo me l’anno o anno e mezzo prima non incide, un amministratore deve cercare di lavorare per il proprio paese fino all’ultimo giorno, poi chi arriverà deciderà.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Non c’è dubbio ma siamo a sei mesi e prospettare  diciamo l’apertura di uno o due locali, ritengo prendiamo in mano un progetto e non so chi fa una casa se inizia a fare due cose e poi vediamo, le cose devo essere fatte in modo globale, quindi le ragioni non è che ci vuole uno studio per capire quali sono, non giustifico per niente Narciso i 14 anni perché ripeto se tu dovessi tirarli fuori di tasca tua perché il deterioramento.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “Sono stati fatti numerosissimi altri interventi ad altre opere che hanno richiesto l’urgenza.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Allora lasciamo andare in malora.” Il Sindaco Damiano Bormolini: “Ma Baby non dire stupidaggini andare in malora.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “Voglio ricordati per quanto importante non era una cosa che era stata avviata, ci sono state altre urgenze ed emergenza a cui si è provveduto, sono felicissimo che sia ripartito, sicuramente non dimentichiamoci che si dovrà dare una gestione, che in periodo spending review ci saranno anche seri problemi nella sua gestione perché non è così automatico, dobbiamo poter pagare, è giustissimo e sacrosanto ma sappiamo benissimo che non è così automatico.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Devo ricordarti.”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “Stai esponendo quello che può essere la possibilità di avviare nuove collaborazione e immaginare nuove gestioni.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Devo ricordarti quanto abbiamo speso per Aqua  Granda?:”
Il Vice Sindaco Narciso Zini: “E secondo me sono ben spesi.”
Il Sindaco Damiano Bormolini: “Baby nel 2001 quando siamo stati eletti allora, siamo arrivati il museo veniva riscaldato regolarmente e non veniva utilizzato già allora, te lo dico perché personalmente sono  andato li con l’operaio del Comune e gli ho detto scuola l’impianto di riscaldamento, svuotiamo la caldaia, ma almeno non spendiamo, erano ben 5 anni che si pagava il riscaldamento senza usare, e ci sono li i dati e  se proprio vuoi anche saperlo si spendevano 2.400.000 delle vecchie lire per riscaldarlo. Al di là di quello nessuno discute su quello che possono essere i ritardi è però altrettanto vero e lo dico perchè l’ho fatto personalmente di incontrare il gruppo Anziani, il gruppo folk il gruppo della gioventù, le varie associazioni che avevano l’attinenza con quello che poteva essere il museo, purtroppo nessuno di questi se le sentita di  fare il passo e da lì il tempo chiaramente è passato, ed ecco perché si è detto noi ripartiamo perché altrimenti se ne perdono altri anni, il fatto chiaramente di aprirne solo una parte, fa parte addirittura del progetto, si si inizia se si apre poi avrà anche un futuro, la logica che ci ha portato ad aprire una parte, perché se i cittadini di Livigno vedono che di fatto il museo di Livigno è partito con molta più disponibilità metteranno a disposizione se hanno delle attrezzature vecchie o delle attrezzature che possono servire all’interno del museo, chiaramente farlo come era successo nel lontano 1996/97/98, quando c’era stato quel lascito che sono stati buttati giù nella cantina della museo e abbandonati li , molto gente che è andata a visitare anche prima di adesso la parte prima del museo, io non ve li do perché di fatto non erano custoditi nel modo adeguato, deve partire e sono convinto che nel giro di poco tempo prenderà piede e appunto si creerà quell’associazione di
persone che si daranno anche da fare per la questione della custodia e della gestione, che non è solo aprire chiudere ma delle attività all’interno del museo.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Dissento e non dici il vero che sono stati presi e buttati li, io da Presidente della biblioteca, l’ho recuperata da una casa privato, l’ho fatta lavare e manutentare ed è  stata trasferita e non buttata lì, dopo di che con le vostra Amministrazioni è stata lasciata usare dal gruppo folk.”
Il Sindaco Damiano Bormolini: “Baby assolutamente non hanno le loro attrezzature.”
Il Consigliere Comunale Maria Barbara Silvestri: “Allora perché non sono tutte giù, qualcuno ha detto la roba non è tutta qua è da un’altra parte, è stata lasciata dentro li 15 anni da voi e mi auguro perché caro Narciso tu lascia dentro 15 un attrezza, un letto in un locale che non viene aperto quello viene mangiato dalla muffa, dobbiamo dare la garanzia ai cittadini che se donano qualcosa, chiede a Remo cosa è successo nella stanza chiusa, certamente Narciso tu sai dare la colpa agli altri questo è lo sport, dobbiamo dare certezza ai cittadini che se offrano qualcosa la roba non viene lasciata giù a fare la muffa.”

Con voti 8 favorevoli e 0 contrari, espressi in forma palese, essendo 10 i presenti dei quali 8 i votanti e 2 gli astenuti (Silvestri Maria Barbara e Galli Valentino);

]]>
Lettera della minoranza In merito a Vallaccia al consiglio comunale di Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/10/lettera-della-minoranza-in-merito-a-vallaccia-al-consiglio-comunale-di-livigno/ Thu, 01 Oct 2015 05:34:06 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=23786 Su richiesta del gruppo di minoranza il consiglio comunale di mercoledì 30 settembre 2015 è iniziato con una lettera di Progetto Livigno che Barbara Silvestri ha letto in aula.
Silvestri ha detto che la lettera era rivolta al consiglio conunale ma anche ad altri, ecco il testo:
“Al Consiglio Comunale di Livigno
OGGETTO: In merito a Vallaccia
A seguito della sospensiva disposta dal Tar per l’impianto di Vallaccia, sono noti gli attacchi personali alla sottoscritta e al gruppo che rappresento da parte dell’amministratore delegato di Mottolino, usciti sulla stampa e sulla Tv locale.
Sono indicata come la “questione Barbara” , causa dei problemi giudiziari della Società e soggetto pericoloso che blocca tutto… Grande falsità! Progetto Livigno da più anni sostiene la necessità di un nuovo impianto a Trepalle che colleghi l’abitato all’aerea sciabile, ritiene fondamentale gli ammodernamenti degli impianti esistenti e considera una priorità per l’offerta turistica il collegamento tra i due versanti.
La denigrazione personale di questi giorni ha l’evidente finalità di orientare le prossime elezioni amministrative (denigrazione che affronterò nelle opportune sedi), ma più di tutto evidenzia l’intolleranza e l’intimidazione verso chi osa avere ed esprimere opinioni e vedute diverse su scelte che riguardano il paese – come quelle ambientali , e che non sono coincidenti con le scelte e vedute della Mottolino.
Ciò è avvenuto e avviene a livello pubblico attraverso azioni mediatiche e comunicazioni precise da parte del sig. Marco Rocca mirate a far coincidere e a attribuire sue problematiche e possibili responsabilità giudiziarie con chi non ha condiviso le sue scelte di opere o eventi.
Vorrei avere tutto il potere che mi viene attribuito, come disporre di ricorsi, orientare i pronunciamenti del Tar e non so quali altri…se così fosse non saremmo qui…
Il risultato è chi la pensa diversamente e lo dice, sia in un ruolo pubblico che in privato, diventa il responsabile dei guai giudiziari, delle conseguenze economiche, ecc…
Il tutto con la solidarietà i questa Amministrazione Comunale che non sa, come dovrebbe, mantenersi neutra e sopra le parti e attendere con cautela le valutazione ed esiti giudiziari.
Il sig. Rocca si autocelebra come il paladino del vero sviluppo del paese e del turismo a Livigno: abbia il coraggio di scendere in campo, di confrontarsi con la comunità e la smetta di voler farci credere che i traguardi della sua società sono il massimo bene per il paese!
Al di là delle diverse opinioni e concezioni che ci sono, l’esito grave è il venir meno di un confronto civico tra i cittadini e tra le parti, consegnando supinamente le scelte di fondo e strategiche del nostro futuro ai poteri forti.
Io non abbasso la testa! Il paese è di tutti! E invito i cittadini a fare lo stesso!
Livigno, 30 settembre 2015 Gruppo Progetto Livigno
Barbara Silvestri”
consiglio comunale livigno
Il sindaco Damiano Bormolini ha risposto che visto che la lettera tirava in ballo l’amministrazione le accuse le respingeva al mittente, “siamo neutri rispetto a quello che accade, le sue scelte l’amministrazione le ha già fatte in passato quando ha scelto di dare l’ok all’impianto e l’iter è partito nel 2009, noi riteniamo che gli impianti di risalita siano di fondamentale importanza, non si possono aspettare 7, 10 anni per realizzare un impianto con il sistema italiano, l’amministrazione non va ad insinuare chi è o chi non è dietro a questo ricorso, è pacifico che legambiente non si è mossa da sola, qualcuno ha sollecitato legambiente a muoversi per fare il possibile a bloccare i lavori”.
Baby cita allora la frase uscita sul giornale la provincia di Sondrio dove si affermava che il comune sta con Mottolino sostenendo che si doveva rimanere più neutrali.
Il sindaco ribatte” le posizioni non erano chiare sulla questione tanto è vero che la Mottolino ha vinto un ricorso contro la conferenza dei servizi perchè qualcuno degli enti che dovevano costruire i propri pareri sono andati oltre le loro competenze, questa è la realtà di fatto, quindi non era chiara, se questi enti si attenevano alle loro posizioni probabilmente non sarebbe stato necessario andare al consigli dei ministri”.
Baby “sappiamo che al primo giro lo stesso consiglio dei ministri aveva detto di no, si era aperta tutta la procedura in seguito ai ricorsi della società, il sistema italia permette di ribaltare un no in si e un si in no, questo all’esterno non sarebbe successo. Rimanere neutrali mi sembra doveroso, non sappiamo quale sarà l’esito, aspettiamo e stiamo zitti, altrimenti sono palesi i giochi che si stanno facendo”.
E’ quindi intervenuto Remo Galli, “siccome mi hai tirato in ballo vorrei chiarire il mio pensiero, l’amminsitrazione deve restare neutra, e penso che con le mie dichiarazioni che hai citato io me la sono presa con il sistema dove un imprenditore, qualsiasi esso sia, Mottolino, Carosello 3000, un piccolo impianto e/o chiunque, debba passare nella tagliola di 7 enti e siccome ho visto la procedura del 2009  Regione lombardia dice di si, il comune di Livigno dice di si, la Provincia dice di no, la Sovraintendenza dice di no, la Comunità Montana dice di si, quindi si va in Consiglio dei Ministri perchè perchè la maggioranza dei pareri dice di si però qualcuno dice di no, siamo andati in Consiglio dei Ministri che ha ritenuto che i pareri della Provincia e della Sovraintendenza non fossero idonei e noi non dobbiamo entrare in merito all’impianto, io sono entrato nel merito nel fatto che un imprenditore si trova per 10 anni in mezzo a questa tagliola di enti, quando all’estero c’è un ente che decide, io ho preso atto che neanche una sentenza del Consiglio dei Ministri permette ad un imprenditore di partire, indipendentemente dalla scelta.
A me dispiace solo una cosa, mi dispiace che in questa faccenda l’ambiente conta poco, legambiente fa il suo ruolo, mi piacerebbe che facesse il suo ruolo per esempio quando manca l’acqua alla Forcola con il deflusso minimo, li l’ambiente non conta, e ne prendiamo atto e poi saranno i cittadini a giudicare. Baby , io non accetto dicendo che tu scendi in campo negli interessi di tutti come fossimo noi qui a fare gli interessi di qualcuno, questo non lo acetto Baby, mi spiace ma siamo qui negli interessi di tutti, giudicheranno gli elettori”.
Anche Baby ha detto “giusto Remo, decideranno gli elettori”.

Stiamo a vedere gli sviluppi sulla questione, intanto ecco le news dove abbiamo trattato l’argomento in ordine cronologico, cioè dalla più vecchia alla più recente:
Il Consiglio dei Ministri approva la possibilità di costruire un nuovo impianto a Trepalle in Vallaccia
Il Consiglio Comunale di Livigno approva il progetto di Vallaccia
Il nuovo impianto Vallaccia a Livigno diventa realtà ( comunicato stampa Mottolino)
Legambiente presenta un nuovo ricorso contro il progetto della seggiovia “Vallaccia – Monte della Neve” a Livigno (comunicato stampa Legambiente)
Vallaccia di Livigno: il giudice blocca le ruspe (comunicato stampa Legambiente).
Chiunque voglia replicare e/o aggiungere tasselli alla questione I Love Livigno è sempre felice di dare spazio a tutte le posizioni chiamate in causa.

]]>
Consiglio Comunale mercoledi 30 settembre a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/09/consiglio-comunale-mercoledi-30-settembre-a-livigno/ Mon, 28 Sep 2015 07:48:14 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=23732 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato in seduta straordinaria mercoledi 30 settembre 2015 alle ore ore 15 in sala consigliare.
All’ordine del giorno segnaliamo:
– l’esame  ed approvazione programma interventi in campo agricolo 2015-2016
– istituzione raccolta museale Livigno Trepalle
– integrazione variazioni assegnazione riparto di tabacchi
– concessione per l’impianto ‘Nuova Palipert’
– Costituzione di diritto di superfice a favore della società Mottolino
Nella foto l’ordine del giorno, che potete anche  scaricare qui.
consiglio comunale livigno ordine del giorno

]]>
Ritirato il punto in Consiglio Comunale sul nuovo impianto Carosello 3000 https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/07/ritirato-il-punto-in-consiglio-comunale-sul-nuovo-impianto-carosello-3000/ Fri, 31 Jul 2015 08:49:13 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=22921 Si è tenuto ieri, giovedì 30 luglio, il consiglio comunale di Livigno dove, al punto 14 si presentava la richiesta della società Carosello 3000 di sostituzione dell’impianto Carosello 3000.
Sicuramente questo era un punto molto atteso del consiglio, da anni i livignaschi aspettano che questo impianto venga sostituito perchè si è consapevoli che ormai sia vecchio, obsoleto, crea code lunghissime e quindi un disservizio per i turisti e un impianto nuovo a sostituzione di quello vecchio aiuterebbe a dare una migliore immagine turistica al paese.
Al punto in questione la minoranza è uscita dall’aula ( Valentino Galli perchè impiantista, Christian Molinari perchè lavora negli uffici della Sitas quindi per un impiantista, e Barbara Silvestri e Matteo Galli risultavano invece assenti giustificati) ed ha preso la parola il sindaco illustrando appunto il punto.
livigno consiglio comunale 30 luglio

Ecco le parole del sindaco Damiano Bormolini riportate esattamente come sono state pronunciate:
” Passiamo al punto successivo 14, realizzazione di una nuova cabonovia decaposto denominata  San Rocco Baite Pel Lago Salin e relative strutture complementari, stazioni e piste, in sostituzione dell’impianto esistente, esame richiesta della società Carosello 3000 srl, provvedimenti.
Su questo punto, mio malgrado, perchè lo faccio abbastanza malvolentieri, perchè ritengo che l’impianto debba essere, l’impianto Carosello necessita la sostituzione, propongo il ritiro del punto in quanto successivamente alla convocazione del consiglio comunale quindi la volontà dell’amministrazione di inserire l’approvazione per il rilascio, appunto, della concessione della sostituzione del Carosello 3000, è arrivata l’ordinanza del tar a seguito dei ricorsi sul capitolato della concessione degli impianti, la quale da la possibilità alle parti entro 30 giorni di trovare, diciamo così, degli accordi.
Nell’eventualità viene rifissata, vengono riuniti i vari ricorsi proposti dalla società Sitas e la società Carosello, e viene fissato la discussione al 16, posticipata la discussione al 16 dicembre.
Ma il tar però fa delle precisazioni molto importanti che sono quelle legate ai successivi ricorsi fatti a seguito del rilascio della concessione del Valandrea-Vetta e del Blesaccia 2 che, a seguito appunto dell’approvazione della nuova concessione per questi impianti, è stato proposto ricorso, e su questi sostanzialmente sono state mosse delle riserve, delle motivazioni da parte della società su alcuni articoli del capitolato. In merito a quello invece il tar si pronuncia esprimendo molto chiaramente che nel caso avesse a pronunciarsi su queste autorizzazioni dovrebbe procedere all’annullamento, alla nullità dell’atto di concessione, quindi vorrebbe dire il ritiro della concessione.
A seguito di questo cosa succede, considerato che per procedere al rilascio della concessione per portare in consiglio comunale il punto, la società anzi l’amministratore della società doveva firmare il nuovo capitolato di concessione degli impianti, il nuovo capitolato è stato firmato ma in realtà è stato firmato con riserva di giudizio dei ricorsi in essere appunto al tar del capitolato. Questo, a seguito delle ordinanze del tar, su indicazione anche del legale, si ritiene che non si debba procedere al rilascio di autorizzazioni in attesa appunto della definizione di questi ricorsi. Quindi propongo il ritiro del punto e poi a data da destinarsi, anche per vedere come andrà a finire il pronunciamento sostanzialmente del tar.
Quindi propongo la votazione per il ritiro del punto”.
A quel punto la maggioranza a votato tutta favorevole al ritiro del punto.

]]>
Giovedì 30 luglio torna a riunirsi il Consiglio Comunale di Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/07/giovedi-30-luglio-torna-a-riunirsi-il-consiglio-comunale-di-livigno/ Fri, 24 Jul 2015 05:05:41 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=22805 Come il sindaco Damiano Bormolini aveva annunciato al termine dell’ultima seduta, il Consiglio Comunale del Piccolo Tibet torna a riunirsi a fine mese, giovedì 30 luglio, con molti punti interressanti all’ordine del giorno.
La convocazione è per le ore 14.30 presso la sala consigliare.
Fra i 23 punti all’ordine del giorno segnaliamo:
– esame e approvazione delle tasse e delle aliquote Tari, Tasi, Imu per il 2015.
– approvazione del bilancio annuale 2015.
– modifica dello statuto di Apt per convenzione Plaza Placheda e approvazione convenzione Aquagranda.
– esame e approvazione piano industriale Apt, piano interventi in campo socio-assistenziale, piano delle attività della Biblioteca Civica, piano per l’attuazione del diritto allo studio.
– realizzazione di una nuova cabinovia decaposto denominata “San Rocco-Baite Pel- Lago Salin” e relative strutture complementari (stazioni e piste) in sostituzione dell’impianto esistente ( Carosello I e Carosello II), provvedimenti.
livigno consiglio comunale 2015

Scarica la convocazione qui.

]]>
Il Consiglio Comunale di Livigno approva il progetto di Vallaccia https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/06/il-consiglio-comunale-di-livigno-approva-il-progetto-di-vallaccia/ Tue, 30 Jun 2015 04:00:55 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=22471 Un’ora è 20 minuti è durato il Consiglio Comunale di lunedì 29 giugno 2015, assente giustifcata Baby Silvestri, tutti gli altri presenti.
Al punto 2 del Consiglio si è parlato di asili, i contributi della Regione e dal ministero sono diminuiti e chi gestisce gli asili (la parrocchia) chiede 35.000 euro in più al comune, fra l’asilo di Santa Maria, quello di San Rocco e di Trepalle il comune da un contributo di 630 mila euro, questo per non chiedere aumenti sulle rette che già pagano i genitori dei bambini.
Tutti Favorevoli
Al punto 3 si è parlato invece della convenzione per gli asili nido che rimangono invece invariate, 39.600 euro per l’asilo nido della Coperativa Impronta e 105.000 euro per quello parrocchiale, questo ultimo è più oneroso perchè fanno orario continuato e servono pure i pranzi.
Valentino Galli ha chiesto se non si potessero unire i due asili nido, Narciso Zini ha risposto che servono tutti e due e fanno un lavoro che si completa fornendo due servizi, come orari, differenti. Addirittura in certi periodi dell’anno servirebbero più posti disponibili.
Su questo punto Valentino Galli si è astenuto.
livigno consiglio comunale2Al punto 4 si è parlato dell’approvazione del progetto della realizzazione di una nuova seggiovia a sei posti ad ammorsamento automatico in Vallaccia.
Prima è stato ricordato tutto l’iter burocratico partito in aprile 2009 quando Luciano Rocca ha presentato la domanda per la realizzazione della seggiovia ed il comune di Livigno approvò il progetto, poi successivamente arrivò il parere negativo della Regione Lombardia e della provincia di Sondrio e chiusura della conferenza dei servizi, quindi il ricorso al Tar della Mottolino, la Comunità montana ha chiesto poi di rivalutare la questione chiedendo di sollevare Regione e Provincia da competenze che non gli competevano nelle quali avevano erroneamente voluto mettere il becco, nuova conferenza dei servizi ed il passaggio finale che la questione è finita al Consiglio dei Ministri del 19 settembre 2014 che ha preso tutta la questione, l’ha analizzata e ha deciso che l’impianto si poteva fare per la forte valenza economica e sociale per la popolazione di Livigno.
La maggioranza ha poi annunciato che c’è il parere negativo dell’ufficio tecnico ed edilizia privata del comune di Livigno, l’ufficio non ritiene che la questione rientri in certi articoli di legge che sono stati utilizzati per risolvere la problematica dell’impianto.
L’amministrazione comunale ha preso atto del parere negativo espresso dal suo ufficio tecnico, comunque il provvedimento finale salta il passaggio dell’ufficio tecnico perchè il Consiglio dei Ministri è sopra ogni potere ed ufficio.
Nel frattempo era cambiato anche il PGT che era stato adeguato al piano provinciale ed aveva cambiato la destinazione d’uso della zona dell’impianto Vallaccia levando la possibilità di avere lì un’area sciabile. Il consiglio dei Ministri però anche qui supera tutti e se da un parere positivo è riuscito anche a superare l’ostacolo ed il comune ha dovuto rinserire la zona nel territorio sciabile ed adeguare l’aspetto urbanistico.
livigno consiglio comunale1la minoranza
.

Matteo Galli ha chiesto al segretario comunale se il fatto che l’impianto del Monte Della Neve non ci fosse più potesse creare qualche problema.
Il sindaco è intervenuto dicendo che la Mottolino ha adempiuto ad una prescrizione del Consiglio dei Ministri che chiedeva la dismissione dell’impianto, forse ha intrapreso troppo tempestivamente la demolizione dell’impianto però, avendo la società già avuto precedenti contenziosi, ha preferito eseguire subito la demolizione.
Matteo ha quindi detto di non volere entrare in merito alla storia del Monte della Neve e che altri impianti erano già stati costruiti in sostituzione dello stesso, ha chiesto quanto effettivamente l’impianto sia utile e necessario, consono al territorio di Livigno e alla nostra area sciabile.
Dopo l’esperienza dell’esperto canadese che creò un piano sciabile del Piccolo Tibet poi si decise di non utilizzarlo, avete rinunciato alla pianificazione del piano perchè diceste “chi meglio dei nostri imprenditori può capire cosa realmente serve”. Dopo di questo sono nati la cabinovia Cassana e la seggiovia del Valandrea. Continua Matteo “Anche questo impianto in Vallaccia è figlio di questo modo di amministrare il paese, sicuramente abbiamo bisogno di migliorare e primo fra tutti il collegamento dei due versanti che portate avanti da 15 anni ma sul quale non avete ancora quagliato niente.
A Roma non conoscono Livigno ed il modo con cui avete dipinto l’importanza dell’impianto per Livigno è stato eccessivo, sembrava che voleste sostenere che senza questo nuovo impianto il turismo a Livigno sarebbe morto.
Vorrei chiedere ai consiglieri di Trepalle cosa ne pensano in proposito, non si può pensare ad una pubblica utilità senza pensare ai benefici che può avere un impianto di questo tipo sulla comunità. Realizzando l’impianto in Vallaccia non si porta nessun vantaggio a Trepalle”.
livigno consiglio comunale

E’ intervenuto quindi Davide Rodigari ” sono favorevole, attualmente non si può costruire niente a Trepalle, alternative non c’è n’è sono, l’impianto svincola anche la Vallaccia e permette al resto del territorio di non rimanere vincolato”.
Tocca al sindaco dire ” gli imprenditori privati hanno avuto più fiuto delle idee degli amministratori, voi minoranza avevate tanto criticato l’impianto del Cassana dicendo che non era giusto e sostenibile ma i fatti hanno dimostrato il contrario”.
Matteo Galli ha ricordato come sarebbe stato meglio avere un impianto che partiva dalla zona del Colombina, avrebbe coinvolto gli abitanti e le attività di Trepalle, avrebbe avuto anche delle piste migliori e avrebbe permesso di sistemare la problematica dell’area valanghe nella zona e avremmo creato un servizio che avrebbe migliorato il servizio turistico per i trepallini.
Giampiero Rodigari come abitante di Trepalle in maggioranza ha ribattuto a Matteo ” mi stupisco, quasi tutti viviamo di commercio, gli impiantisti qui non creano speculazione edilizia come succede fuori, fare Vallaccia e come raddoppiare la risposta turistica di Livigno con 4 nuove piste e le persone che  hanno la baita lì hanno la possibilità di creare dei chioschi.
Qui l’impiantista rischia e non chiede niente in cambio, Livigno ha un territorio fantastico”
Matteo ha ribattuto che “la soluzione che è stata scelta porta dei vantaggi ridicoli rispetto invece ad un impianto con partenza in paese”.
E’ quindi intervenuto Remo Galli sostenendo che la lettera mandata a Roma al Consiglio dei Ministri non aveva pompato niente e non c’era niente di anomalo,”chi saliva questo inverno al Mottolino ha notato che 40 pali dell’impianto vecchio non ci sono più e la zona è notevolmente migliorata per quanto riguarda l’impatto ambientale.
La comunità montana sta portando avanti il collegamento Santa Caterina Livigno insieme alla Regione. Solo con questo sistema riusciremmo ad avere un paio di nuovi impianti in futuro”.
Lionello Silvestri ha poi sostenuto come i numeri hanno dato ragione al Cassana e al Valandrea, specialmente nei giorni di brutto tempo e la gente che scia rimane negli impianti in basso.
Il sindaco ha conlcuso dicendo” sono 7 anni che portiamo avanti la questione, diciamo la verità qui qualcuno ha espresso dei pareri senza averne le competenze, la realtà e che quando si fa un intervento nuovo c’è sempre qualcuno che deve remare contro. Livigno ha bisogno di dare delle novità e migliorare i servizi”.
Matteo ha ribadito che non deve passare il messaggio che qualsiasi impianto si voglia fare lo facciamo e via.
Il sindaco ha ricordato come per poter fare un impianto nuovo bisogna lottare per anni contro i piani comunali, piani che vengono fatti da persone che non conoscono la località…
Il punto è stato quindi messo al voto, Matteo Galli contrario, la maggiornaza favorevole.
Valentino Galli e Christian Molinari si erano allontanati dall’aula perchè proprietari o dipendenti di società che gestiscono impianti di risalita.
vallaccia livigno trepalleuna foto della Vallaccia 3 giorni fa
.
Interessante anche il punto 6 illustrato da Remo Galli, vice presidente della comunità montana.
“Questa è una delibera di sostegno, in questi mesi abbiamo rimesso sul tavolo il traforo dello Stelvio e lo abbiamo aggiunto alla possibilità di fare diventare la strada dello Stelvio patrimonio dell’Unesco. Livigno in primis spinge per creare un alternativa al tunnel del Gallo, costoso e anacronistico.
Dobbiamo avere un’alternativa, la regione ha fatto protocollo di intesa con la provincia di Bolzano,  ora ci vorrà un anno di lavoro per realizzare il progetto e se tutto va bene ci sarà una sua divisione della parte esecutiva fra le due parti. Entro fine luglio si firmerà il protocollo di intesa in cima allo Stelvio, poi un anno per lo studio della fattibilità già finanziato con due milioni di euro, poi un altro anno per il progetto esecutivo, poi si dovranno trovare le risorse per finalmente partire con la realizzazione del Traforo”.
IL Consiglio Comunale ha dato il suo sostegno all’iniziativa.
.
Il sindaco alla fine ha rimandato tutti quanti al nuovo consiglio che si terrà presumibilmente a fine mese dove verrà presentato il bilancio e si potrebbe parlare ancora di altri impianti di risalita….
]]>
Livigno, in Consiglio Comunale si approva il progetto Vallaccia – Monte della Neve https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/06/livigno-in-consiglio-comunale-si-approva-il-progetto-vallaccia-monte-della-neve/ Mon, 22 Jun 2015 05:00:11 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=22391 Il consiglio comunale di Livigno è chiamato a riunirsi lunedì 29 giugno 2015 ( inizialmente la comunicazione era uscita con la data di venerdì 26, poi è stata posticipata) alle ore 20.30 con 9 punti all’ordine del giorno.
Il punto più interessante sarà sicuramente il n°4 con l’Approvazione del progetto della costruzione della seggiovia Vallaccia – Monte della Neve con relativo ampliamento dell’area sciabile e nuovo parcheggio in località gembrè a Trepalle.
consiglio comunale livigno 01

Fra le varie discussioni della serata segnaliamo i rapporti con le scuole d’infanzia, l’imposta unica comunale (iuc), sostegno alle iniziative del Traforo dello Stelvio e candidatura all’Unesco della strada dello Stelvio, comunicazione dei nuovi rappresentanti del comune nei vari enti.
Ecco l’ordine del giorno che potete anche scaricare integralmente qui.
consiglio comunale livigno

]]>
Consiglio comunale a Livigno per venerdì 15 maggio https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/05/consiglio-comunale-a-livigno-per-venerdi-15-maggio/ Wed, 06 May 2015 09:20:56 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=21852 Nella giornata di venerdì 15 maggio 2015 alle ore 15 è convocato il Consiglio Comunale di Livigno.
All’ordine del giorno l’esame e l’approvazione rendiconto della gestione esercizio finanziario 2014, il regolamento per la disciplina e l’esercizio del commercio al dettaglio in sede fissa, le modifiche al regolamento comunale per i noleggi sci.
livigno consiglio comunale 4

Ecco la convocazione ufficiale con tutti i punti all’ordine del giorno:
livigno consiglio comunale

]]>
Nuova pista ciclabile a Trepalle https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/04/nuova-pista-ciclabile-a-trepalle/ Tue, 14 Apr 2015 08:41:38 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=21508 In questi giorni la cmav ha messo a gara la realizzazione della pista ciclabile di Trepalle e la bella notizia è che i lavori inizieranno quest’anno prima dell’estate. Remo Galli, assessore del Consiglio Comunale, nel Gruppo maggioranza “Punto Livigno” annuncia così la notizia : “Un grazie a tutti, ai proprietari dei terreni che hanno ceduto bonariamente il terreno, a Davide e Giampiero che mi hanno aiutato. Con questa ciclabile, ci sarà sicuramente una nuova struttura turistica per gli operatori di Trepalle e un luogo per giocare e passeggiare in sicurezza per i bambini e per tutte le famiglie di Trepalle.. ecco l’anteprima del percorso”.
cartina ciclabile trepalle livigno
Remo Galli prosegue: “Ci credo tanto e questa struttura cambierà in meglio la vita di tanta gente a Trepalle, è stata dura arrivare a questo obiettivo ma sono contento. Finalmente i bambini potranno giocare e andare in bici in piena sicurezza, e non stare sulla statale che se anche ci fosse il marciapiede (ma qui è strada anas e non comune) sarebbe pericolosissimo”.
nuova pista ciclabile trepalle livigno

Visita il sito cmav per saperne di più: http://www.cmav.so.it
Leggi il bando di gara sul completamento rete piste ciclo pedonali dell’Alta Valtellina. Pista Trepalle I lotto tratto strada del Foscagno-Via Plan in Comune di Livigno qui

]]>
Convocato un nuovo Consiglio Comunale per il 31 marzo https://www.ilovelivigno.com/liv/2015/03/convocato-un-nuovo-consiglio-comunale-per-il-31-marzo/ Fri, 27 Mar 2015 08:37:21 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=21222 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato martedì 31 marzo alle 20,30 presso la sala consigliare. Tra i punti all’ordine del giorno possiamo evidenziare:
– lettura ed approvazione verbali della seduta consiliare del 16.12.2014;
– rideterminazione del contributo di costruzione e delle modalità di pagamento, in applicazione delle nuove disposizioni introdotte dal dpr 6.6.2001, n.380, e dalla l.r.11.3.2005, n.12;
– processo di razionalizzazione delle partecipazioni comunali: indirizzi per l’approvazione del piano operativo di razionalizzazione e relativa relazione 2015. Indirizzi per indennità variabili anno 2014 apt Livigno S.R.L.
– comunicazione prelevamenti del fondo di riserva art.166 comma 2 del d.lgs. 267/2000;
– comunicazione nomina dei rappresentatnti del Comune presso enti, aziende ed istituzioni.
consiglio comunale livigno 1

Guarda l’ordine del giorno qui sotto:
consiglio comunale livigno

]]>
L’accordo transattivo di Aquagranda passa in consiglio comunale a Livigno, la struttura riaprirà a brevissimo. https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/12/laccordo-transattivo-di-aquagranda-passa-in-consiglio-comunale-a-livigno-la-struttura-riaprira-a-brevissimo/ Wed, 17 Dec 2014 05:02:44 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=19299
Nel Consiglio Comunale di martedì 16 dicembre, che si è tenuto alle 9 del mattino in sala consigliare a Livigno, si è parlato di Aquagranda, concessione per il completamento/ampliamento e gestione del complesso Aqua Granda, accordo transattivo relativo alla determinazione dell’indennizzo dovuto dal Comune di Livigno, a mente dell’art. 18.1 della convenzione 22 giungno 2007, rep.1958, in conseguenza della intervenuta decadenza della società concessionaria.
In sintesi Comune e Aquagranda hanno trovato un accordo bonario per la transazione della struttura nelle mani del Comune, a fronte di un impegno economico di 12.700.000 euro, che sommato ai soldi già spesi vanno a raggiungere quota 15.100.000 euro.
Il comune di Livigno aveva l’obbligo di provare a procedere per la via conciliativa, anche se, dice il sindaco Damiano Bormolini, la tentazione di andare per vie legali c’è stata, se queste cose in tribunale durassero solo un anno si poteva anche ottenere qualcosa di più, ma conoscendo i tempi biblici della magistratura non conviene iniziare un contenzioso che bloccherebbe la struttura per un po’ di anni rendendola poi intulizzabile per mancata manutenzione.
Sono stati mesi difficili questi per stimare i danni per la condotta della concessionaria, individuare tempi e modalità di risoluzione, chiarire il rapporto fra Aquagranda ed i creditori per il aggiungimento di una soluzione con il recupero in tempi brevi della struttura per poi procedere alla riapertura al pubblico.
Ci sono due termini di consegna dove Aquagranda è impegnata a rispettare gli accordi:

Per il primo termine di consegna Aquagranda si impegna entro il 24 dicembre a consegnare le aree interessate ai lavori di primo stralcio, cioè la parte sportiva, il beauty e un pezzo di garage;
il secondo termine di consegna prevede che Aquagranda consegni tutta l’altra parte entro il 15 di giugno 2015.
Aquagranda dovrà pagare una Penale di mille euro ogni giorno di ritardo della consegna dell’opera.
Tutti i lavori di manutenzione straordinaria in questi mesi rimangono a carico di Aquagranda.
L’accordo sui pagamenti è stato stilato a 3, fra comune, banche e Aquagranda per la durata di 10 anni con un bel mutuo al tasso  di circa il 2.7 variabile e gli interessi totali che si aggireranno a 1.200.000 euro.
Il comune versa circa 8 milioni di euro per pagare il debito con le banche finanziatrici, ci sono poi delle scadenze per i pagamenti ad Aquagranda di 700.000 euro alla sottoscrizione dell’accordo, 278.000 euro entro il 31 gennaio 2015, 900.000 euro entro il 31 luglio 2015, 900.000 euro entro il 31 luglio 2016, un milione di euro entro il 31 luglio 2017.
livigno consiglio comunale 4
L’assessore Rudi Galli ha letto una lettera sull’operato del comune e suo negli ultimi mesi, ringraziando l’intenso lavoro degli uffici comunali e del personale, il segretario comunale, tutta la giunta.
Lettera sentita e forte che è andata a toccare sentimenti e situazioni degli ultimi anni e le vicissitudini della struttura che si sono trovati in mano nel 2001 quando hanno iniziato ad amministrare il paese. Galli ha difeso l’operato di tutti quanti dicendo che l’iter era giusto e che rifarebbe tutti i passi di allora, “sbagliando si impara, nessuno si ritiene maestro, sicuramente tutti sono in buona fede e si è fatto il massimo”. Galli ha terminato l’intervento chiedendo una posizione netta alla minoranza, “dovete dirci se per voi la transazione è si o è no, date il vostro parere “è quindi intervenuta Barbara Silvestri definendo la lettera un testamento spirituale, non abbiamo accusato la maggioranza di avere voluto fare azione cattive ma casomai di superficialità”, Baby ha rimandato al mittente le accuse di responsabilità sua delle fase iniziale di Aquagranda prima del 2001, quando Baby si trovava nel gruppo che amministrava allora il paese, “E’ vero che vi siete trovati un problema grosso che avete però ingrandito invece di risolverlo, siete stati abbagliati senza chiaramente vostre cattive intenzioni”.
Baby ha ricordato la campagna abbagliante delle terme di Livigno ed osservato che se si fosse dato più peso al famoso studio di fattibilità della Bocconi sarebbe andato tutto meglio.
Invece abbiamo sposato un progetto che è diventato di 21 milioni di euro e di 23.000 metri quadri che non ha preso minimamente in considerazione lo studio di fattibilità eseguito.
“Tutti gli studi non li avete seguiti, siete andanti dietro alle richieste proposte ad una società che conosceva bene l’articolo 18 della convenzione, così ora sono arrivati alla fine e hanno portato il conto.
Secondo noi c’è stata superficialità, ringrazio anche io gli uffici per il lavoro svolto, ma quando avete fatto la convenzione non è stata prevista una penale”.
Baby ha ricordato che non sono state rispettate da parte di Aquagranda alcune clausole riguardanti la stipula di polize assicurative, eccezione fatta per l’assicurazione contro terzi, se c’erano quelle assicurazioni avrebbero potuto aiutare a pagare la struttura.
Baby ha ribadito che clausole e penali per la società che ha costruito la struttura non c’erano nel contratto e che quindi ci siamo trovati a pagare tutto quanto senza potere fare niente.
Ha poi osservato come nei giorni precedenti sulla stampa locale e in televisione c’erano stati dei monologhi tutti in una direzione dimenticando di avere l’onestà di dire le cose chiare e di ammettere gli sbagli.

Ha quindi preso la parola Matteo Galli della minoranza, “sembra di capire che non vi siate ancora resi conto degli errori fatti”.

Se non ve ne rendete conto è su questi errori che si riprogramma il futuro, Aquagranda è stato un errore dopo l’altro, quando si sbaglia si analizzano gli errori per non ripeterli più, voi siete sempre andati incontro alla società Aquagranda, loro non rischiavano un euro grazie all’articolo 18 della convenzione, avevano tutto l’interesse di fare una struttura grande questi, voi dovreste avere capito meglio la cosa e capire che non si andava nella direzione giusta”.
Matteo ha accusato la maggioranza di non pianificare e di fare iniziative dove si naviga a vista, sostenendo che poco o nulla è stato fatto per il futuro della struttura e su come gestirla, criticando Apt come gestore per il fatto di non avere maturato grande competenze per gestire centri termali. Il sindaco ha ribadito che il primo obiettivo era quello di riprendere la struttura che fino ad una settimana fa non avevamo ancora la certezza di chiudere la transazione.
Anche Barbara Silvestri ha criticato la gestione della struttura da parte di Apt,” la mission di Apt ed il suo core business è la promozione, Apt non è strutturata per fare queste cose, Apt si deve occupare di turismo e promozione, questo porterà poi ad implicazione finanziarie amministrative, portiamo il bilancio Apt a quali cifre ora?
Non ci risulta che gli operatori siano stati coinvolti per ora in questi mesi, questa decisione determina lo sviluppo del paese nei prossimi anni”.
Baby ha parlato poi di aumento dei dazi sul gasolio e quello dell’IMU per 2.000.000 di euro nell’ultimo anno chiedendosi se era da imputare ad Aquagranda.
Il sindaco ha ribattuto che l’aumento evidente dell’IMU non è legato ad Aquagranda ma alla mancanza di conoscenza sui dati dei trasferimenti da dare allo Stato, l’Italia ha richiesto indietro i soldi sulla prima casa che avevamo tenuto nel 2013. Valentino Galli ha espresso le sue perplessità su come questo debito di 13 milioni di euro per i cittadini di Livigno graverà sul patto di stabilità ed ha voluto garanzie che i creditori di Aquagranda ricevessero i loro soldi, ha poi ricordato che il mutuo si poteva fare anche di 30 anni invece che di 10 visto l’ingente somma di denaro.
Il sindaco ha risposto che nell’accordo i creditori di Aquagranda verranno riborsati, creditori che aspettano la cifra di 4.700.000 euro in totale. Il sindaco ha quindi chiuso la discussione procedendo alla votazione, maggioranza favorevole all’accordo transativo, Valentino Galli contro, l’altra parte della minoranza con Baby, Matteo e Christian si è astenuta.
In definitiva per Natale Aquagranda dovrebbe riaprire la piscina sportiva e la zona beauty, appena dopo le feste la parte della palestra.
]]>
Martedi’ 16 dicembre Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/12/martedi-16-dicembre-consiglio-comunale-a-livigno/ Mon, 15 Dec 2014 05:00:26 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=19252 Si terrà martedì 16 dicembre 2014 un nuovo consiglio comunale a Livigno  alle ore 09,00 presso la Sala Consigliare del Municipio con all’ordine del giorno “la concessione per il completamento/ampliamento e gestione del complesso Aqua Granda” accordo transattivo relativamente alla determinazione dell’indennizzo dovuto dal Comune di Livigno, a mente dell’art. 18.1 della convenzione 22 giungno 2007, rep.1958, in conseguenza della intervenuta decadenza della società concessionaria e comunicazioni ex art. 16 del vigente contratto di servizio dell’APT Livigno.
Ecco l’ordine del giorno:
consiglio comunale livigno

]]>
Venerdì 28 novembre Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/11/venerdi-28-novembre-consiglio-comunale-a-livigno/ Thu, 27 Nov 2014 16:52:25 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=18726 Si terrà domani, venerdì 28 novembre 2014, un nuovo consiglio comunale a Livigno  alle ore 14.30 presso la Sala Consigliare del Municipio con all’ordine del giorno la variazione di assestamento generale al bilancio di previsione esercizio finanziario 2014 e al bilancio pluriennale 2014-2016.
Ecco l’ordine del giorno:
LIVIGNO CONSIGLIO COMUNALE

]]>
Il Consiglio Comunale di Livigno approva le Nuove Concessioni per gli impianti https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/11/il-consiglio-comunale-di-livigno-approva-le-nuove-concessioni-per-gli-impianti/ Fri, 14 Nov 2014 14:40:57 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=18272 Un Consiglio Comunale di Livigno abbastanza breve si è tenuto oggi, venerdì 14 novembre 2014, a Livigno con 7 punti all’ordine del giorno.

Al punto 2 è stata introdotta una modifica al capitolo 29 del nuovo Capitolato degli Impianti, il punto diceva che alle possibili controversie sarebbe stato il Comune a scegliere quale soluzione- esecuzione andare incontro, ora la dicitura è stata levata introducendo la regola che, per tutelare gli impiantisti, saranno i concessionari stessi a decidere che soluzioni e strade seguire.
In aula sono rimasti Giampiero Rodigari, Rudi Galli, Attilio Lionello Silvestri e Marco Cola che hanno votato all’unanimità.
livigno consiglio comunale 3Al punto 3 si è discusso del rinnovo della concessione dell’impianto Valandrea-Vetta.
Si è proceduto al rilascio di una nuova concessione di 35 anni, lo scorso anno l’impianto aveva ricevuto un’autorizzazione provvisoria di 12 mesi, intanto la società degli impianti ha fatto ricorso al Tar e si aspetterà il prossimo anno quando il Tar appunto si pronuncerà. L’amministrazione non può più concedere una proroga e quindi, d’accordo col l’impiantista, ha proceduto a rilasciare una concessione nuova con il nuovo capitolato. Parere favorevole all’unanimità.
Al punto 4 il rinnovo delle concessioni per l’impianto Blesaccia 2. Qui la concessione è scaduta il 30 settembre scorso e l’amministrazione procede al rilascio di una nuova concessione per 35 anni deliberando con il nuovo capitolato degli impianti. Parere favorevole all’unanimità.
livigno consiglio comunale 1

Al punto 5 ha preso la parola Lionello Silvestri procedendo a riformulare una nuova delibera per la ristrutturazione degli alberghi, aggiornata con l’entrata del PGT, sostanzialmente rimane uguale e si permette a chi vuole investire e rimodernare la sua attività alla possibilità di ristrutturare discutendone all’interno del consiglio comunale.

Le regole rimangono invariate, i punti più evidenti sono:
-Ampliamento di massimo 30 per cento della superficie lorda esistente
-Ulteriore ampiamento del 5 per cento per camere del personale
-Gli ampliamenti non possono andare a discapito dei parcheggi che devono rimanere invariati.
E’ intervenuta Barbara Silvestri che ha sottoposto il problema di come considerare le reiterazioni di vecchia data e se venivano inserite all’interno di questo nuovo registro.
Lionello ha ricordato che comunque per le strutture già ristrutturate ci sono degli atti di vincolo, e quando vogliono fare dei lavori e si apre una pratica il comune comunque va a ripescare gli atti di vecchia data, il controllo quindi viene effettuato; anche qui il punto è stato votato all’unanimità.
Al punto 6 una mozione da parte del vice sindaco Narciso Zini a sostegno del referendum consultivo per la Regione Lombardia a statuto speciale.
livigno consiglio comunale 2Zini ha spiegato le ragioni che hanno portato alla richiesta di referendum in modo da permettere alla Lombardia di spendere sul territorio le risorse proprie e gestire meglio i servizi e ha rivendicato la richiesta dell’autonomia.
Baby ha detto di condividere le linee di principio, ricordando però come la Lega in 15 anni di governo, 20 di Regione e 10 in Provincia non sia riuscita a concedersi l’autonomia, e si diceva quindi dubbiosa che un referendum potrà risolvere la questione.
Valentino Galli ha ricordato come sia difficile cosa l’autonomia, facendo come esempio il caso della Catalogna in Spagna.
La mozione è stata approvata all’unanimità ad eccezione dell’astensione di Barbara Silvestri.
Il sindaco ha chiuso i lavori ricordando che a breve il Consiglio tornerà a riunirsi per procedere all’assestamento di bilancio.
livigno consiglio comunale 4

]]>
Convocato un nuovo Consiglio Comunale per il 14 novembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/11/convocato-un-nuovo-consiglio-comunale-per-il-14-novembre/ Fri, 07 Nov 2014 08:46:21 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=17936 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato venerdì 14 novembre alle 14,00 presso la sala consigliare. Tra i punti all’ordine del giorno possiamo evidenziare:
– Capitolato disciplinante le procedure preordinate al rilascio della concessione per la costruzione e per l’esercizio degli impianti a fune in servizio pubblico nel territorio comunale. mod. art. 29;
– Concessione per l’esercizio dell’impianto a fune in servizio pubblico nel territorio comunale denominato: ” Valandrea-Vetta”. Provvedimenti;
– Concessione per l’esercizio dell’impianto a fune in servizio pubblico nel territorio comunale denominato: ” Blesaccia 2 – Cima 28″. Provvedimenti;
consiglio comunale livigno 1

Guarda l’ordine del giorno qui sotto:
livigno consiglio comunale

]]>
Piano agricolo, ripartizione tabacchi e zona artigianale in Consiglio Comunale https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/10/piano-agricolo-ripartizione-tabacchi-e-zona-artigianal-in-consiglio-comunale/ Thu, 09 Oct 2014 04:00:52 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=16468 Al punto 8 del Consiglio Comunale di Livigno c’era l’esame e l’approvazione del programma interventi nel piano agricolo 2014-2015
A preso la parola Christian Pedrana, ” le risorse finanziarie per il 2015 si aggirano ad un milione 95mila euro, le modifiche fatte in questo piano riguardano la Manutenzione e salvaguardia, è stato aggiunto un articolo dove si dice che il bestiame dichiarato deve essere di proprietà dell’azienda e avere domicilio nella stalla dichiarata”; per quanto riguarda gli alpeggi e lo sfruttamento dei pascoli perenni deve durare almeno 70 giorni per i bovini e 90-120 per gli ovini nel gregge comune, pena l’esclusione dai contributi .
L’amministrazione è molto contenta della piega positiva che ha subito preso l’Alpen Fest.
Il consigliere di minoranza Barbara Silvestri intervenuta sul discorso latteria, ha detto che “bisogna fare un’analisi seria della situazione per non arrivare fra 4,5 anni ad avere problemi, la latteria non lo lo merita, se abbiamo bisogno più latte forse dobbiamo ridimensionare la struttura”, ha parlato poi del latte di montagna, iniziativa portata avanti dalla Comunità Montana che però si è fermata perchè i contadini hanno abbandonato il tavolo di discussione.
Christian ha risposto che le cose da fare sono tante e bisogna valutare insieme alle aziende che fare.
Quest’ anno non abbiamo il prodotto per fare partire un progetto dove c’era la possibilità di ricevere contributi, la fienagione non è andata bene e ci vorrebbero troppi fattori esterni per ottenere la stessa qualità dello scorso anno, per questo abbiamo rinunciato.
Per il latte di montagna invece  la tavolata c’era ma le aziende non ci hanno creduto e il tutto si è fermato, sia Bormio, Valdidentro e Livigno hanno abbandonato il tavolo e la Comunità Montana non può portare avanti il progetto senza le aziende.
Baby ha poi chiesto come va con l’idea di creare un nuovo foraggio, un nuovo manto erboso più redditizio ma non autoctono ed i contributi su questa macinatura per fare un nuovo foraggio che “non è un nostro prodotto, è un discorso di biodiversità, cambiare il foraggio e contro l’idea di avere un prodotto locale. Cambiare la vegetazione a certe altezze senza criterio non va bene, abbiamo delle zone che sono dei veri giardini botanici.  Io chiedo che produciate da parte degli enti proposti quella che è la procedura per fare questo cambio del foraggio, altrimenti siamo fuori norma”.
Il sindaco Damiano Bormolini ha ribattuto che “non siamo fuori norma”.
Babi sostiene che abbiamo un ambiente, un patrimonio da preservare e che questo cambio del foraggio è lasciato troppo alla sperimentazione e al caso e ci vorrebbero delle linee guida da seguire più serie e dettagliate.
Rinterviene il sindaco: “rischiamo di mandare in crisi il comparto agrario, e questo anno ne è la dimostrazione, diverse stalle stanno parlando di chiusura, qui arriviamo al 40 per cento con il nostro fieno, ed il 60% va preso fuori paese, un disciplinare non sta in piedi in questo caso del foraggio”.
L’ultima domanda di Baby ha riguardato il comportamento dell’amministrazione riguardo la stagione difficile degli agricoltori.
L’amministrazione ha risposto che subito hanno interessato Regione e Provincia chiedendo un intervento mirato per tutta l’alta montagna, e senza aspettare che arrivassero loro, il comune di Livigno ha fatto subito il suo intervento tempestivo e l’Assessore ha dato la garanzia per fare muovere dei fondi Europei per risarcire e andare incontro alle stalle, anche se ad oggi non ci hanno ancora dato risponde concrete.
Il consigliere di minoranza Valentino Galli si è dimostrato preoccupato per il bilancio della latteria, 60.000 euro di contributo del comune sono forse pochi, il capitale sociale è dell’amministrazione comunale, se le controllate devono entrare in un sistema come vuole il governo, non so dove si andrà a parare, potrebbero esserci delle difficoltà,” 600 mila euro per lo sfalcio e una cifra generica, non abbiamo dei paletti sui tempi utili per fare il lavoro, ci vorrebbero più regole e tempistiche, 250.000 euro per altri progetti finalizzati senza sapere esattamente dove vanno, vorrei avere qualche chiarimento in più per capire meglio come li spendete, non si potrebbe limare qualcosa e dare più soldi alla latteria per aiutarla in questo momento di difficoltà?”
E’ intervenuto infine il sindaco dicendo che la gestione del piano agricolo è tutta documentabile e che le informazioni ci sono, basta chiederle e andare negli uffici preposti per averle e che 60.000 euro di contributo per la latteria vanno bene così’.
consiglio comunale livigno

Si è poi passati a discutere del nuovo criterio che riguarda i riporti dei tabacchi che da ora passano in Consiglio Comunale, prima se ne occupava direttamente il sindaco.
Ecco i cambiamenti che vengono introdotti rispetto allo scorso anno: sono stati applicati dei correttivi di zona, correttivi sulle plurilicenze, corretivi anche sul modo di assegnare le licenze e a questo proposito si è deciso di non permettere a chi vende benzina di vendere anche tabacchi, e dal’analisi fatta con questi cambiamenti rimangono fuori 5 attività.
Altra novità è il minimo del quantitativo possibile che divanta , 450 chili e l’obbligo del ritiro di almeno l’80%0 per cento di quello richiesto:
E’ intervenuto Galli Valentino che ha chiesto “Il controllo del contingente svizzera funziona?”
Il sindaco ha risposto: “Sì funziona con controllo incrociato che abbiamo fatto, abbiamo il dato coerente con l’importazione su Livigno dalla svizzera, ora corrisponde alle bollette che hanno in dogana svizzera. La vertenza che si era aperta sugli oneri dei tabacchi provenienti dalla Svizzera si è chiusa con una sanzione di 24 euro e spese di diritti, rimane aperta la questione in merito alle importazioni di tabacchi dalla svizzera senza dichiarazione, ci sono ancora indagini sul versante svizzero, da parte del comune bisogna partire con gli accertamenti per andare a richiedere i dazi non pagati. Per fare l’esempio in un caso da parte svizzera è stato accertato che il commerciante non ha ricevuto quello che la finanza gli attribuisce, l’idea e partire con gli accertamenti, ma non andare contro i commercianti di Livigno, ma contro i distributori, gli importatori e magari i produttori.”
Il regolamento del settore passa ora di competenza al Consiglio Comunale, e maggioranza e minoranza sono risultati favorevoli a questa novità.
consiglio comunale livigno 1

Altro punto interessante all’ordine del giorno riguardava il rinnovo del piano di lotizzazione della zona artigianale con la proroga dei terini di efficacia.
La maggioranza ha espresso il suo parere: “La volontà del comune e di portare avanti la zona artigianale, quindi oggi si va ad aggiungere altri 10 anni dalla data di oggi per portare avanti il discorso. Vista la sollecitazione della cooperativa degli artigiani, si è optato di portare avanti di altri 10 anni questo progetto dell’ area artigianale nella speranza di portare a compimento il tutto”.
E’ quindi intervenuta Baby Silvestri della minoranza: “In 10 anni sono cambiate tante cose, si è partiti con un progetto dove 40 artigiani hanno investito e creduto, ora sono 4, 5 ditte che credono ancora e che fanno parte della cooperativa”.
Sono cambiate le esigenze degli artigiani e abbiamo anche un cambiamento sulla mole di lavoro, saturazione dello sviluppo e quindi le esigenze e motivazioni per giustificare un progetto di questa portata riteniamo che siano cambiate.
Siamo al corrente che alcune ditte vi hanno chiesto di spostare i loro depositi ma che si trovano un progetto che non corrisponde alle loro esigenze, quindi questo progetto, piano di lottizzazione non aiuta.
A questo punto sarebbe da mettersi intorno ad un tavolo e rivalutare cosa fare con tutte le parti coinvolte, insistere sul procedere su un piano di questo tipo ci sembra fuori luogo, ci sono stati grossi investimenti da parte di privati, però se non c’è chi compra siamo di nuovo da capo.
Sarebbe il momento giusto per rivalutare il progetto ed aggiornarlo alle esigenze attuali.
Così non c’è la facciamo, il tipo di deposito, struttura e gli interrati non corrispondono a quello che serve, stiamo programmando un agonia del progetto. Sarebbe meglio tirare i remi in barca, riconoscere gli sforzi fatti di chi ha investito ma le esigenze sono cambiate e rivalutare il tutto”.
E’ quindi intervenuto il sindaco Damiano Bormolini: “la proroga va fatta per non perdere tutto l’iter e comunque poi si può cambiare. La Regione ha approvato il progetto quindi andrebbe coinvolta, senza fare scadere iter e opportunità, meglio andare avanti con la proroga e poi affronteremo la problematica. La proroga va fatta e va comunque considerato di fare valutazioni e considerazioni sull’intervento da fare. Ci sono degli artigiani che vogliono investire, non è così vero che si sono ridotti, ce ne sono diversi pronti ad entrare ma vogliono capire meglio cosa succede”.
Il punto è passato con il voto favorevole di maggioranza e quello negativo di Baby e Christian per la minoranza.

]]>
Questione Aquagranda e rapporti con Tele Monteneve in Consiglio Comunale a Livigno https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/10/questione-aquagranda-e-rapporti-con-tele-monteneve-in-consiglio-comunale-a-livigno/ Thu, 02 Oct 2014 06:44:54 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=16319 Lunedì 29 settembre si è tenuto un nuovo Consiglio Comunale a Livigno, si è partiti con la minoranza che ha presentato due interpellanze, la prima riguardante i rapporti fra comune e Tele Monteneve, la seconda chiedeva invece informazioni riguardo ad Aquagranda.
consiglio comunale livigno

Interpellanza 1: Barbara Silvestri ha chiesto chiarimenti riguardo alla vicenda Red Bull, quando in un particolare tg andato in onda sull’emittente Tele Monteneve sono state riportatI commenti unilaterali di un solo punto di vista.
Baby dice” è una criminilizzazione, per quel tg nessuno della minoranza è stato coinvolto, questo è un uso strumentale dell’emittente a scopi politici, la minoranza chiede quali contributi diretti e indiretti Tele Monteneve riceve, i criteri e le condizioni del comitato di garanzia che non c’è, bisogna dare informazioni e dati veritieri e dare voce a tutto il paese, il comitato di garanzia deve entrare nella gestione del palinsesto.
Abbiamo presentato questa interpellanza in un tempo molto distante dagli accadimenti, ci siamo presi un tempo utile per affrontare con più serenità la questione, la minoranza sente un atteggiamento discriminatorio, indicativo di un comportamento mirato contro la minoranza”
Baby infine ha chiesto che venissero levati i contributi all’emittente locale.
E’ intervenuto quindi l’assessore MarcoCola, andando a ritroso nella storia dei contributi a Tele Monteneve sono riusciti a risalire fino al 1998, i contributi vengono elargiti dall’Apt e dalla Latteria, in totale in 15 anni di attività sono stati elargiti un milione e mezzo di euro, l’ultimo accordo prevede un contributo annuo di 125 mila euro da parte di Apt e 27 mila euro da parte di Latteria (nel 2012 e/o 2013).
Tele Monteneve con l’avvento del digitale terrestre ed il passaggio da uno a 3 canali dedica uno di questi al turismo gestito da Apt.
Esiste un contratto di servizio che l’amministrazione comunale  ritiene di dover portare avanti, dove si dice che Tele Monteneve debba riprendere e mandare in onda il Consiglio Comunale, delle trasmissioni di approfondimento, tematiche sociali tipo il programma della Biblioteca oltre che dare il servizio del canale turistico.
Cola dice poi che ” la commissione esiste, non è stata ufficializzata ma esiste con 3 membri, uno nominato dall’emittente, uno da Apt e uno dal Comune. Quindi Abbiamo Gloria Massera, Luca Moretti che sia avvale dello staff di Apt e poi il sottoscritto, Cola Marco”.
Cola ricorda come il direttore di Tele Monteneve abbia detto che la minoranza, interpellata per intervenire in quel fatidico telegiornale, abbia deciso di non farlo anche per il fatto che avrebbe esposto in consiglio comunale il suo punto di vista attraverso una interpellanza urgente.
Cola ha ricordato a Baby che “il Consiglio Comunale va in onda per un mese in tv quindi anche la minoranza ha avuto il suo spazio comunque”.
Baby ha risostenuto come in quel tg ci fossero 6 interviste e la conclusione tutte mirate in una direzione, Matteo che era stato nominato e tirato in ballo non era stato contattato, “anche in precedenza la minoranza ha avuto degli sgambetti, non si può dire fa niente, va bene tutto. I soldi dei contributi sono di tutti i cittadini, vediamo quindi di fare rispettare l’opinione di tutti”.
Baby ha quindi chiesto di avere una copia del contratto fra Apt e la televisione locale, “ci vuole pluralismo politico, anche un membro dell’opposizione serve nel comitato di controllo, per garantire la pluralità delle idee del paese”.
Vi riproponiamo qui sotto il telegiornale dell’emittente locale a cui fanno riferimento Baby e la minoranza:

Si è poi passati alla 2° interpellanza dedicata all’Aquagranda:
la Minoranza ha chiesto dopo la dichiarata decadenza e successiva richiesta indietro della struttura come stavano procedendo le cose e di avere un aggiornamento su cosa si stia facendo per ottenere la consegna indietro della struttura, quando si riaprirà e  come.
A quindi preso la parola l’assessore Rudy Galli illustrando come al momento venga fornita una minima fornitura di energia elettrica all’edificio per cercare di conservare quella manutenzione minima che un custode preposto cerca di effettuare, la fornitura di energia elettrica serve anche per fare girare le pompe e mantenere gli impianti in vita senza che si deteriorizzino.
Dice Galli “Le trattative stanno andando avanti, siamo arrivati ad una quadratura del cerchio, si stanno definendo i particolari, puntualizzando i termini della transazione. L’Amministrazione vigila che ci siano le garanzie che vengono pagati tutti i creditori e che vengano realizzate le opere di riparazione e sistemazione della struttura, ci siamo dati un termine ultimo a dicembre per Aquagranda. Per la gestione si sta parlando con Apt e cercando il modo migliore per gestire con Apt la struttura già per questo inverno. Si pensa, se ci saranno garanzie, che buona parte della struttura sarà aperta, altrimenti la strada sarà quella del contenzioso”.
Aquagranda deve però garantire le opere di ristrutturazione che si necessitano e gli impianti che vanno sostituiti.
Galli è fiducioso che sia una questione di pochi giorni, però fino a quando non ci sono garanzie e certezze finali non ci si può sbilanciare, quando poi sarà tutto pronto la transazione verrà trattata in Consiglio Comunale.
Baby ha chiesto “Che lavori si ipotizzano, di che tipo di lavori stiamo parlando?”
Galli ” di sistemazioni, lavorazioni non eseguite a regola d’arte, sostituzione di impianti non più funzionanti”.
Babi ha chiesto se si era già pensato a come, eventualmente destinare gli spazi e servizi, “voi state ragionando a proseguire esattamente come era prima. La struttura ha dimostrato una serie di problematiche, voi dite andiamo avanti così, per poi arrivare fra un anno, quando faremo scelte diverse di destinazione, chiedo che analisi sia stata fatta sul futuro di questa struttura”.
Galli ha ribadito come sia impensabile allo stato attuale convertire la struttura, comunque la priorità sarà data alla parte sportiva, ci sarà da fare qualche accorgimento nell’ impiantistica, la parte elettrica da rivedere, le opere civili tipo infiltrazioni da sistemare vanno fatte, le macchine del trattamento aria sono da sistemare, si ipotizza una probabile esclusione della parte esterna della piscina perchè comporta troppi problemi, per la  parte della black pool ci sarà una riconversione graduale in base ad un programma ben definito. C’è stato un pignoramento degli attrezzi della palestra che ora risulta spoglia, Aquagranda dovrà ripristinare gli attrezzi, con attrezzi più moderni e idonei vista l’evoluzione nel campo delle attrezzature sportive e le nuove esigenze.
E’ intervenuta Baby parlando della distanza della popolazione dalla struttura che nessuno sente come una cosa di Livigno, un buon inizio sarebbe quello di coinvolgere le parti e fare sentire a tutti il fatto che la struttura diventi utile e sentita, “mi sembra che fate le cose fra di voi e il resto non venga coinvolto”.
La maggioranza ha ribattuto dicendo che oggi è inopportuno e prematuro discutere con la popolazione, “al momento bisogna portare a termine la transazione. Quando e se sarà completato questo passaggio allora si potrà iniziare a discutere ed a questo proposito Apt è l’intermediario ideale, avendo i rapporti con tutti gli operatori; ci sarà una startup con Apt e poi subito un tavolo con tutti gli operatori per decidere in che direzione andare avanti. Naturalmente per amministrare Aquagranda andrà fatta una modifica allo statuto di Apt”.

Di solito la minoranza pubblica a questo link le interpellanze, ma per ora non le abbiamo trovate: http://www.progettolivigno.it/pages/azioni.php

]]>
Convocato un nuovo Consiglio Comunale per lunedi’ 29 Settembre https://www.ilovelivigno.com/liv/2014/09/convocato-un-nuovo-consiglio-comunale-per-lunedi-29-settembre/ Wed, 24 Sep 2014 08:29:58 +0000 http://www.ilovelivigno.com/liv/?p=15956 Il Consiglio Comunale di Livigno è convocato in sessione ordinaria ed in seduta pubblica per il giorno lunedi’ 29 settembre alle ore 15 presso la sala consigliare. Tra i punti dell’ordine del giorno possiamo evidenziare:
-L’ interpellanza presentata dal gruppo di minoranza progetto di Livigno avente ad oggetto “rapporti con Telemonteneve”;
-L’ interpellanza presentata dal gruppo di minoranza progetto di Livigno avente ad oggetto ” Aggiornamento Acquagranda”;
-Concessione per l’esercizio degli impianti a fune “Cassana”, “Botarel- Tea del Plan”, ” Valandrea”;
-Intervento di ampliamento e rimodellamento ambientale della pista di discesa “dei Puffi”, con taglio piante e trasformazione del bosco.
consiglio comunale livigno 2

Clicca sulla foto per ingrandirla:
livigno

]]>