Home / IL COMUNE / Comune / Nuovi servizi online del Comune di Livigno

Nuovi servizi online del Comune di Livigno

Il Comune di Livigno ha ampliato la propria offerta su Internet. Alcuni giorni fa infatti abbiamo notato quasi per caso che, oltre al sito web e al canale Telegram, a Livigno è possibile pagare multe e tributi senza uscire di casa, oppure chiedere un certificato dell’anagrafe.

Per ottenere questi servizi basta collegarsi al sito ufficiale e seguire il percorso Home > Servizi al cittadino > Anagrafe oppure collegarsi direttamente alla pagina https://livigno.comune-online.it/. L’accesso richiede un nome utente e password forniti presso lo Sportello al Cittadino del Comune. In alternativa, si può usare la Carta Nazionale dei Servizi (alias la tessera sanitaria blu) abilitata o anche lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Abbiamo testato per voi il sistema e ci pare funzioni abbastanza bene. Nella sezione tributi, la voce “estratto conto”, dove ogni cittadino dovrebbe trovare l’elenco di quanto dovuto all’amministrazione comunale, sembra presentare al momento informazioni errate e contraddittorie (ma questo non è tra i “servizi attivi” indicati nella pagina iniziale). La parte riguardante l’anagrafe permette di ottenere direttamente tutta una serie di certificati, come residenza, stato di famiglia, cittadinanza, matrimonio e così via, per sé e per gli altri componenti della famiglia. Per molti documenti è necessario, però, inserire il numero di una marca da bollo e la sua data di emissione. È quindi indispensabile acquistarne una prima di chiedere il certificato (e presumibilmente apporla sul documento una volta stampato).

Abbiamo provato a ottenere un “Certificato di godimento dei diritti politici” (uno dei pochi esenti da bollo) e subito il documento è apparso sullo schermo del computer, pronto a essere stampato. L’opzione di recapito via email, invece, sembra non funzionare con tutti gli indirizzi: la prima richiesta che abbiamo fatto non ha portato a nulla, nonostante il messaggio di conferma dell’invio. Cambiando account di posta elettronica, però, il messaggio è arrivato subito. Il portale permette anche di presentare delle istanze, in altre parole delle richieste di documenti (come il rilascio della tessera elettorale) per i quali non è possibile l’invio in formato elettronico. Per ogni tipo di istanza sono indicate caratteristiche, costi e tempi di rilascio. Una sezione apposita permette di seguire l’iter delle richieste presentate.

Il giudizio complessivo su questo nuovo servizio del Comune di Livigno è sicuramente positivo. Tra i vantaggi ci sono velocità, semplicità e la possibilità di chiedere documenti per tutti i componenti del nucleo familiare (anche per coloro che si tengono ben lontani da Internet). Tra i nei, oltre al già citato problema di invio via email, c’è la mancanza di indicazioni sul valore della marca da bollo da apporre (per ottenere questa informazione abbiamo dovuto telefonare agli uffici del Comune). È un peccato, inoltre, che la popolazione non sia stata informata in modo capillare di questo servizio (per esempio a oggi sul canale Telegram del Comune non ce n’è traccia). Forse però gli amministratori vogliono aspettare di avere un portale a regime, sul quale “a breve saranno a disposizione dei cittadini nuovi servizi on-line”, a vantaggio dei tempi d’attesa (e della comodità) di tutti.

Check Also

Lavorare in museo a Livigno? Si può!

Ecco un’offerta di lavoro diversa dal solito, almeno per il Piccolo Tibet. Il MUS, Museo …