Home / NEWS / attualità / Decoro Urbano, riconfermata l’ordinanza di febbraio sull’alcol

Decoro Urbano, riconfermata l’ordinanza di febbraio sull’alcol

Riproposta l’ordinanza di febbraio 2016 per prevenire il disordine ed il decoro all’esterno dei locali del divertimento e dei bar, ristoranti di Livigno, individuati in modo particolare nella zona pedonale e nella strada di San Rocco.
OGGETTO:
ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE IN MATERIA DI IGIENE, DECORO E SICUREZZA URBANA ART. 54, COMMA 4 DL.LGS 267/200
– DIVIETO DI VENDITA PER ASPORTO E SOMMINISTRAZIONE IN CONTENITORI, BOTTIGLIE E/O BICCHIERI IN VETRO E/O CONTENITORI DI LATTA, DI BEVANDE ED ALCOLICI DI OGNI GRADAZIONE.
– DIVIETO DI ABBANDONO SUL SUOLO PUBBLICO DI BICCHIERI, BOTTIGLIE IN VETRO E/O CONTENITORI DI LATTA.
I L S I N D A C O
Premesso che:
– nell’ambito delle politiche di animazione nel territorio prevalentemente turistico del Comune di Livigno (SO), si collocano iniziative promosse dall’imprenditoria privata consistenti nella somministrazione di alimenti e bevande e svolgimento di attività di intrattenimento occasionale;
– tali dinamiche associative hanno notevolmente incrementato le occasioni di incontro negli stessi spazi pubblici e privati tra persone diverse per fasce di età, genere ed interessi, che nel tempo hanno fatto di quei luoghi di aggregazione il punto nevralgico della movida serale e notturna, frequentati da una moltitudine di persone che stazionano e si muovono procurando, come accertato, disagio ai cittadini del luogo ed ai passanti, attraverso l’assunzione di bevande di ogni tipo contenute in bottiglie e bicchieri di vetro o plastica, poi dispersi o abbandonati sulla pubblica via, in aree di uso pubblico, in zone private aperte al pubblico ed in parchi e aiuole;
– è doveroso ed urgente intervenire, a tutela dell’igiene, del decoro e sicurezza urbana e alla incolumità pubblica insidiata dall’abbandono di contenitori di vetro specie nelle ore serali e notturne, nel periodo invernale.
– Si ritiene pertanto debba essere effettuata una efficace regolamentazione;
– i fenomeni sopra descritti interessano l’intero territorio Comunale, anche se in maniera più marcati sono stati segnalati nella Zona a Traffico Limitato, in Via Saroch all’esterno di Ristoranti-Bar-Pub ed Apres-Ski;
– l’abbandono su suolo di bottiglie, bicchieri in vetro, plastica e/o lattine, è collegato alla vendita e/o somministrazione da parte dei pubblici esercizi di bevande in contenitori di vetro che sovente vengono consumate all’esterno dei suddetti esercizi. Inoltre, senza alcun riguardo per la sicurezza dei pedoni, il decoro e la pulizia dei luoghi, le bottiglie ed i bicchieri dopo l’uso, sono sempre più spesso volontariamente rotti e frantumati a terra sparsi sull’area pubblica;
– queste ingiustificabili e pregiudizievoli situazioni oltre a rappresentare un abbandono di rifiuti urbano, costituiscono un pericolo per l’incolumità dei cittadini di ogni età ed arrecano oltretutto un danno anche al decoro cittadino e alla sicurezza del suolo, dell’ambiente e dell’abitato in generale, determinando oltretutto l’esigenza di disporre giornalmente le difficoltose operazioni di pulizia, con aggravio di costi a carico della collettività;

Accertato che:
– l’aggregazione delle persone ha un valore fortemente positivo e che tale aspetto, sulla base dei riscontri acquisiti dalla Polizia Locale nel corso dei servizi all’uopo svolti e delle numerose segnalazioni formulate dai residenti, risulta spesso compromessa dal fenomeno dell’abuso di alcolici e dall’utilizzo di bevande in genere contenute in contenitori, bottiglie e/o bicchieri di vetro;
– la presenza in sito di rifiuti urbani quali bottiglie di vetro, plastica e in lattina, comporta un evidente impatto ambientale per la presenza di rifiuti decadenti dall’ utilizzo degli avventori, nonché la necessaria e successiva attività di raccolta e pulizia del suolo;
– i comportamenti suindicati, che spesso sfociano in atteggiamenti e condotte violente e prevaricanti, rendono evidente la necessità di coordinare interventi quotidiani di sensibilizzazione all’utilizzo appropriato degli spazi pubblici, reprimendo comportamenti illeciti e prevaricanti legati, nella maggior parte dei casi, all’abuso di sostanze alcoliche in un arco temporale tendenzialmente circoscritto;
– per tale situazione le Forze dell’Ordine hanno sinora organizzato con continuità interventi di controllo, soprattutto in orario serale e notturno, nell’intento di prevenire ed eventualmente contrastare e reprimere fenomeni di disturbo alla convivenza ed alla sicurezza urbana;
Ritenuto necessario, provvedere:
– per contrastare le problematiche relative all’abbandono di contenitori-bottiglie di vetro o di latta e /o bicchieri di vetro o plastica, vietando la vendita (per asporto o consumo sul posto) e la somministrazione di bevande e di alcolici in contenitori di vetro (bottiglie, bicchieri, calici, ecc.) durante tutta la giornata (00.00-24.00);
– poiché sussiste, per le ragioni già esposte in premessa, la reale necessità di contrastare i comportamenti prevaricanti, aggressivi e di sostanziale inciviltà, determinati solitamente dall’abuso nell’assunzione di bevande e di alcolici, che sono fonte di segnalazioni da parte dei cittadini;
– in quanto le su descritte situazioni alimentano la percezione di disagio ed il senso di insicurezza di numerosi altri cittadini che lamentano la lesione dei loro diritti al riposo e alla salute, alla convivenza civile ed alla sicurezza ed incolumità pubblica con la conseguenza di non poter liberamente fruire degli spazi urbani;
– in quanto si ritengono sussistenti le condizioni di contingibilità strettamente correlate alle peculiarità di tempo e di luogo che caratterizzano il verificarsi degli eventi che il presente provvedimento intende contrastare, e di urgenza strettamente correlate alla forte attualità delle esigenze di contenimento del disagio e del senso di insicurezza dei cittadini di cui si è detto;
– alla salvaguardia di tutte le aree comunali o private aperte al pubblico, nonché al contenimento degli inconvenienti sopra descritti con interventi mirati da parte degli organi di Polizia preposti;
Considerato inoltre che l’adozione di misure specifiche sono state sollecitate da cittadini residenti che hanno altresì espresso la loro volontà a contribuire al mantenimento del decoro urbano ed hanno richiesto maggiori controlli delle occupazioni esterne dei locali di pubblico esercizio quali Pub e Apres Ski;
Visti:
– l’art. 87 del T.U.L.P.S. che vieta la vendita ambulante di bevande alcooliche di qualsiasi gradazione, e quindi senz’altro vieta la forma itinerante;
– l’art. 30, comma 5 del D.Lgs. 114/98 che vieta la somministrazione di alcoolici, e consente unicamente la vendita in determinati recipienti chiusi;
– gli artt. 689 e 690 e 691 del Codice penale che vietano, rispettivamente agli esercenti la somministrazione di bevande alcooliche a minori ed infermi di mente, ed a chiunque la determinazione in altri dello stato di ubriachezza e la somministrazione di bevande alcooliche a persona in stato di manifesta ubriachezza;
– l’art. 23 della L. 7 luglio 2009, n. 88, “in conformità alle linee di indirizzo contenute nella strategia comunitaria in materia di riduzione dei danni derivanti dal consumo di alcol”, ha inserito nella legge 30 marzo 2001, n. 125, il nuovo art. 14 bis (Vendita e somministrazione di bevande alcoliche in aree pubbliche), per stabilire che  la somministrazione di alcolici e il loro consumo sul posto (dalle ore 00.00 alle ore 24.00), possono essere effettuati esclusivamente negli esercizi muniti della licenza prevista dall’art. 86, primo comma, del T.U.L.P.S.;
 chiunque vende o somministra alcolici su spazi o aree pubblici diversi dalle pertinenze degli esercizi di cui al comma 1, dalle ore 24 alle ore 7, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 a euro 12.000. Se il fatto è commesso attraverso distributori automatici, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 30.000. Per queste violazioni è disposta anche la confisca della merce e delle attrezzature utilizzate;
– l’art. 14 ter della L. 30 marzo 2001, n. 125 che prevede che chiunque vende bevande alcoliche ai minori di anni diciotto. è punito con sanzione amministrativa pecuniaria. In quest’ottica, chiunque vende bevande alcoliche ha l’obbligo di chiedere all’acquirente, all’atto dell’acquisto, l’esibizione di un documento di identità, tranne nei casi in cui la maggiore età dell’acquirente sia manifesta;
– l’art. 6 del D.L. n. 117 del 2007 (convertito in legge n. 160, del 2 ottobre 2007), prevedendo che la mancata osservanza delle citate disposizioni “comporta la sanzione di chiusura del locale da sette fino a trenta giorni, secondo la valutazione dell’autorità competente”, stabilisce che “Tutti i titolari e i gestori di locali ove si svolgono, con qualsiasi modalità e in qualsiasi orario, spettacoli o altre forme di intrattenimento, congiuntamente all’attività di vendita e di somministrazione di bevande alcoliche, devono interrompere la somministrazione di bevande alcoliche dopo le ore 2 della notte e assicurarsi che all’uscita del locale sia possibile effettuare, in maniera volontaria da parte dei clienti, una rilevazione del tasso alcolemico; inoltre devono esporre all’entrata, all’interno e all’uscita dei locali apposite tabelle che riproducano:
a) la descrizione dei sintomi correlati ai diversi livelli di concentrazione alcolemica nell’aria alveolare espirata;
b) le quantità, espresse in centimetri cubici, delle bevande alcoliche più comuni che determinano il superamento del tasso alcolemico per la guida in stato di ebbrezza, pari a 0,5 grammi per litro, da determinare anche sulla base del peso corporeo”;
– il D.Lgs. 267/2000 art. 7 bis;
– l’art. 2 lett. b) del D.M. 05 agosto 2008;
– l’art. 19 del D.P.R. 616/1977;
– la legge regionale 02 febbraio 2010 nr. 6 e la D.G.R. nr. VIII/6495/2008;
– la legge regionale 30 aprile 2009 nr. 8.
– il D.L. nr. 92/2008, convertito, con L. nr. 125/2008;
– il D.Lgs. 114/98;
– il D.L. nr. 117 del 2007 (convertito in legge nr. 160, del 2 ottobre 2007);
– il D.lgs 152/06 e s.m.i. art. 255
Visto in particolare l’art. 54, comma 4, del T.U.E.L., così come emendato dalla Corte Costituzionale con sentenza nr. 115/2011, dove il Sindaco, quale Ufficiale di Governo, adotta con atto motivato provvedimenti contingibili ed urgenti nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana;
Visto l’art. 54 comma 9 del T.U.E.L., si dà atto che la medesima è stata esaminata in data 05 febbraio 2016 dal Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica;
O R D I N A
1. Ai titolari o gestori di:
– attività di somministrazione di alimenti e bevande (Ristoranti-Bar-Pub ed Apres-Ski)
– attività commerciali in sede fissa e di attività commerciali alimentari su aree pubbliche
– attività artigianali con vendita di beni alimentari di produzione propria e non
che operano nel territorio del Comune di Livigno (SO):
– il divieto di vendere, somministrare o cedere a terzi, a qualsiasi titolo bevande ed alcolici in bottiglie e/o bicchieri di vetro, plastica e/o contenitori di latta, fuori dai locali pubblici, su aree pubbliche e su aree private ad uso pubblico;
– l’obbligo di posizionare idonei contenitori per il deposito di bicchieri di plastica ed altro, che non dovranno essere abbandonati sul suolo pubblico o aperto al pubblico;
– l’obbligo, prima della chiusura serale dell’attività, di effettuare un’accurata pulizia degli spazi antistanti (inclusa strada e marciapiede) delle aree utilizzate per gli allestimenti esterni con tavoli e sedie, rispettando le regole per i rifiuti della raccolta la differenziata;
– di avvalersi delle procedure più veloci per contattare le Forze di Polizia al fine di allontanare ed isolare clienti molesti, ubriachi e minorenni che chiedono da bere nonostante i divieti;
– di evitare che gli avventori escano all’esterno del pubblico esercizio con bicchieri e bevande e gettino rifiuti di ogni genere al suolo;
– di evitare assembramenti all’esterno e nelle immediate vicinanze;
Agli stessi è consentita, nel rispetto delle norme sopra richiamate e nella fascia oraria di apertura al pubblico dell’esercizio, la somministrazione di bevande e alcolici in contenitori e bicchieri di vetro esclusivamente all’interno dei propri locali, ovvero potranno vendere le bevande previa spillatura (alla spina) o mescita in bicchieri di carta o plastica.
A tal fine i titolari o gestori di attività di somministrazione di alimenti e bevande sono responsabili della corretta applicazione di quanto sopra disposto e dovranno adottare, nei confronti dei propri avventori, le necessarie misure di informazione di controllo.
2. a chiunque operi nel Comune di Livigno (SO):
– il divieto di depositare anche temporaneamente, abbandonare e disperdere sul suolo pubblico, contenitori di vetro, bottiglie in vetro, bicchieri di vetro o plastica e lattine che pregiudicano il decoro, l’igiene e la sicurezza pubblica ed urbana dalle ore 00,00 alle ore 24,00;
– l’obbligo di effettuare la selezione dei rifiuti urbani e di utilizzare in qualsiasi momento i bidoni all’uopo predisposti per la raccolta del vetro o plastica, posti sul territorio del Comune di Livigno (SO);
– il divieto del consumo su aree pubbliche o su aree private ad uso pubblico, nel territorio comunale di Livigno (SO), con bibite o alcolici in contenitori, bottiglie e bicchieri di vetro o plastica, acquistati o a qualsiasi titolo acquisiti altrove, dalle ore 00,00 alle ore 24,00;

D I S P O N E C H E:
– il presente atto ha vigore dalle ore 00:00 del primo giorno successivo alla data della sua emanazione e resterà vigente sino alle ore 24:00 del 01 maggio 2017 o sino alla sua espressa revoca/modifica qualora cessino o si modifichino i presupposti di fatto e di diritto accertati anche a seguito del costante monitoraggio della situazione;
– che il presente provvedimento venga reso noto a tutta la cittadinanza tramite pubblici avvisi e con l’affissione all’Albo Pretorio dell’Ente sul sito Istituzionale del Comune di Livigno (SO) e che sia subito trasmessa:
 Al Prefetto della Provincia di Sondrio (SO);
 Al Comando Polizia Locale di Livigno (SO);
 Servizio A.S.L. e Associazione Commercianti di Livigno (SO).
– che copia del presente atto può essere richiesto presso il Comando Polizia Locale di Livigno (SO).

S A N Z I O N I
Determina in € 150,00 (Centocinquanta/00) l’importo del pagamento in misura ridotta della sanzione pecuniaria prevista dall’art.7 bis del D.lgs. 267/2000, ai sensi dell’art. 16, comma 2, della L. 689/1981, come sostituito dall’art. 6 bis del D.L. n. 92/2008, convertito con modificazioni in L. 24.07.2008, n. 125, per le violazioni alla presente ordinanza limitativa della vendita e somministrazione di bevande in contenitori di vetro e di latta, salvo che non siano sanzionate dal T.U.L.P.S. o costituiscano reato con particolare riferimento a quanto previsto dagli artt. 650 e 659 del Codice Penale.

Se la violazione degli obblighi e dei divieti previsti dalla presente ordinanza è reiterata (recidiva) o determina grave pericolo per la sicurezza urbana o per la quiete pubblica, può essere disposta l’immediata sospensione dell’attività per un periodo da tre (3) giorni a venti (20) giorni.
La recidiva si verifica qualora sia stata commessa la stessa violazione per due volte nell’arco del periodo di validità della presente ordinanza sindacale, anche se si è proceduto al pagamento della sanzione mediante pagamento in misura ridotta.

A V V E R T E
Contro il presente provvedimento può essere proposto:
 Ricorso amministrativo al Prefetto di Sondrio (SO) entro 60 giorni dalla notifica o comunque dalla piena conoscenza dello stesso, ai sensi del D.P.R. 24 novembre 1971, nr. 1199;
 Ricorso al Tribunale Amministrativo della Regione Lombardia entro 60 giorni dalla notifica o comunque dalla piena conoscenza dello stesso, ai sensi della L. 6 dicembre 1971, nr. 1034, oppure in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro il termine di 120 giorni dalla notifica o comunque dalla piena conoscenza del provvedimento medesimo, ai sensi del D.P.R. 24 novembre 1971, nr. 1199.
Il pagamento di € 150,00 (centocinquanta) potrà essere effettuato direttamente nelle mani degli Agenti accertatori o mediante versamento dell’importo dovuto presso il Comando Polizia Locale di Livigno (SO) in Via Borch nr. 108, oppure tramite versamento C.C.P. nr. 11415239 intestato al suddetto Ufficio citando gli estremi del verbale, oppure tramite bonifico sulla – BANCA POPOLARE DI SONDRIO – Agenzia di Livigno (SO) conto corrente 000003000X40 – ABI 05696 CAB 52200 CIN U – IBAN IT08U0569652200000003000X40 – BIC/SWIFT – POSOIT22 intestato al Comune di Livigno (Sondrio).
In caso di mancato pagamento della somma dovuta entro il termine previsto, si ricorrerà alla riscossione coattiva di cui all’art. 27 della Legge 24.11.1981 nr. 689.
L’onere di dimostrare l’avvenuto pagamento è totalmente a carico del trasgressore.
E’ avvalsa la facoltà al trasgressore, a norma della Legge 24 novembre 1981, n° 689 e successive modifiche, di presentare scritti difensivi e chiedere di essere sentito dal Sindaco, entro 30 giorni dalla notifica del verbale di accertamento dell’infrazione.
Il Responsabile del Servizio ricevuti gli atti e tenuto conto delle direttive, mediante Ordinanza motivata, ingiungerà il pagamento della somma da doversi pagare, fino a un massimo di € 500,00, oppure adotterà provvedimento di archiviazione che dovrà essere trasmesso al Comando accertatore.
L’interessato può prendere visione ed estrarre copia degli atti a fascicolo in orario d’ufficio.
Ai sensi degli artt. 3 comma quarto e 5 comma terzo della Legge 241/90 il responsabile del procedimento è il Comandante della Polizia Locale di Livigno (SO), Cristoforo Domiziano FRANZINI.

D I S P O N E
che è fatto obbligo a chiunque spetti osservare e far rispettare la presente ordinanza, che sarà trasmessa alla Prefettura ed al Comando Polizia Locale per gli adempimenti che saranno ritenuti necessari.
Dalla Casa Comunale, lì 29 dicembre 2016
Il Sindaco
Damiano Bormolini

Check Also

Tivas scrive una lettera aperta alla Regione Bernina e al Consiglio comunale di Poschiavo sulla Forcola di Livigno

Stimato Presidente della Regione Bernina, Signor Orlando Lardi Stimato Podestà, Signor Giovanni Jochum Egregi membri …