Home / NEWS / intervista / Livigno, intervista a Giacomo Ponti, protagonista di un video che ha fatto il giro del mondo

Livigno, intervista a Giacomo Ponti, protagonista di un video che ha fatto il giro del mondo

Nel mese di settembre è uscito un video di bike freeride con protagonista un 12enne di Livigno che ha fatto il giro del mondo, postato sulla pagina ufficiale Facebook di GoPro, sul sito di Red Bull (http://www.redbull.com/it/it/bike/stories/1331748628663/giovani-freerider-crescono-al-mottolino-di-livigno), sulla pagina Facebook e sul sito della Gazzetta dello Sport (http://video.gazzetta.it/bimbo-spericolato-12-anni-gia-mago-bici/9bd5fa3e-5eab-11e5-9c8b-c009f7718ac8). Un successo che ha totalizzato oltre 265.000 visualizzazioni (85.000 solo la Gazzetta e il resto sulle pagine di GoPro).
Doveroso fare un’intervista al protagonista e gli autori del video, girato tutto al Mottolino bike park, ma prima riguardiamocelo:

Siamo con Giacomo Ponti (insieme a sua sorella Beatrice), ecco il loro racconto:
– Giacomo, raccontaci come è nata l’idea di fare questo video
L’idea è nata quasi per gioco a inizio stagione quando ho iniziato a girare al bikepark del Mottolino (ancora prima dell’apertura) e portavo a casa i video che facevo con la GoPro…da li un po’ per passione di mia sorella e un po’ per passatempo è nata l’idea di creare questo video.
livigno giacomo ponti video (1)

– Il video è tutto basato su riprese con la GoPro, chi ha curato riprese e montaggio e come?
La maggior parte delle riprese sono state fatte da me (Giacomo) che durante l’estate ho “indossato” la GoPro in svariati modi e l’ho montata praticamente ovunque sulla mia bici per avere immagini sempre diverse. Per altre immagini ci ha dato una mano Thomas mentre preziosissimo è stato l’aiuto di Tobia Silvestri per le riprese action e soprattutto per avermi insegnato ad affrontare le parti più tecniche e difficili del bikepark (come il mega drop di 4 metri o la pista nera DH Sic58). Il montaggio invece l’ha curato interamente mia sorella Bea.
– quanto è durato il periodo delle riprese e poi del montaggio?
Inizialmente pensavamo di fare tutto nel giro di un mesetto poi alla fine ci abbiamo impiegato praticamente tutta la stagione. Un po’ perchè avevamo sempre nuove immagini (e sempre più belle) e un po’ perchè durante l’estate ho imparato cose nuove che abbiamo continuamente sostituito nel video.
livigno giacomo ponti video (3)

– Giacomo raccontaci come è andata per la realizzazione del video, ti sei divertito? 
Si mi sono divertito, perchè ogni giorno passavo diverse ore al Bike Park a provare nuovi salti, nuove piste e nuove strutture, migliorando di giorno in giorno soprattutto grazie ai consigli di Tobia.
Il giorno che mi sono divertito di più è stato quando ho provato un nuovo drop alto 4 metri: all’ inizio non ero molto convito, guardandolo dal basso era sembrava veramente enorme e mi faceva anche paura, poi Tobia mi ha dato la giusta carica e mi ha detto di seguirlo, così sono riuscito a prendere coraggio: all’inizio sulla passerella cercavo di non pensare a niente e di seguire la sua traiettoria poi quando sono atterrato ero felicissimo e soddisfatto di essere riuscito a chiudere il salto.

– Beatrice ti sei occupata di riprese e montaggio, come è andata? 
Il montaggio video mi ha sempre incuriosito e appassionato, ed essendo un autodidatta, ero sempre alla ricerca di materiale per sperimentare e mettere in pratica quello che ho imparato guardando tutorial su Youtube.
Quando mio fratello Giacomo ogni giorno tornava a casa con i video di tutte le pazzie che faceva al BikePark, ho deciso di provare a “metterli insieme” per vedere cosa riuscivo a fare.
Come detto prima, l’idea è nata per gioco, infatti il mio obiettivo era quello di realizzare un video da tenere come ricordo… poi il materiale era parecchio e Giacomo, grazie all’aiuto di Tobia, migliorava di giorno in giorno, così abbiamo deciso di provare a fare qualcosa di più di un semplice video ricordo.
Devo dire che il lavoro che c’è dietro un video è davvero molto impegnativo e richiede ore e ore di pazienza ma è anche molto divertente soprattutto quando inizi a vedere che le ore passate al computer iniziano a fruttare e che il tutto comincia a prendere forma.
livigno giacomo ponti video (8)

– Come è andato il video?  
E’ andata davvero alla grande! Appena è uscito il video sulla pagina di GoPro, nella prima ora aveva fatto 10.000 visualizzazioni ed eravamo felicissimi….poi il giorno dopo le visualizzazioni erano triplicate e nei giorni successivi è stato davvero virale fino al punto di essere ricondiviso da un sacco di pagine di bike e freeride in tutto il mondo, da tantissimi atleti famosi, da Red Bull e addirittura dalla Gazzetta dello Sport. Difficile fare un calcolo preciso ma se sommiamo tutti questi canali abbiamo superato le 265.000 visualizzazioni…noi eravamo già contentissimi alle prime 10.000 Emoticon wink
– Un lungo lavoro che ha portato a grossi risultati, siete soddisfatti?
Direi che siamo più che soddisfatti e soprattutto non ci saremmo mai aspettati questi grandi risultati che solitamente raggiungono solo grandi case di produzione o atleti famosi!
livigno giacomo ponti video (2)

– Giacomo sei uno sportivo a tutto campo, raccontaci quali sport pratichi
Si pratico tanti sport, a livello agonistico pratico lo sci di fondo e calcio, mentre per divertimento pratico il freestyle (d’inverno) e bici freeride (d’estate).
– Avete già in mente qualcosa per il futuro, un altro video oppure…
In fase di realizzazione di questo video ci siamo detti più volte che sarebbe stato il primo e l’ultimo, un po’ per il tempo che alla fine ci ha richiesto e un po’ per l’impegno che non sapevamo se avesse portato a qualche risultato….adesso l’idea è un po’ cambiata però non abbiamo ancora pensato a nulla per il futuro.
livigno giacomo ponti video (5)

Complimenti a Giacomo e Beatrice per il grosso lavoro svolto, i risultati ottenuti e la qualità del video, i giovani di Livigno promettono bene, voi che ne dite?
livigno giacomo ponti video (4)
livigno giacomo ponti video (6)

Check Also

Scoprire Livigno tra passato e presente: un viaggio nella tradizione insieme al Mus!

Il Mus!, il museo di Livigno e Trepalle, non si ferma mai, e continua a …