Home / NEWS / intervista / Livigno, una foto di Michele Galli sul Kolor Panobook 2016

Livigno, una foto di Michele Galli sul Kolor Panobook 2016

Oggi vi proponiamo un’intervista fatta a Michele Galli, fotografo-grafico di Livigno, dopo che una sua foto ha avuto l’onore di essere inserita in un prestigioso libro fotografico mondiale.
Dopo l’iStockalypse meeting, la videointervista di TotalPhotoshop e il libro Lèina da Saör torniamo a conoscere il suo lavoro attraverso quest’ultima novità.
MicheleGalli

Parliamo questa volta di fotografie panoramiche. Kolor.com è l’azienda leader a livello mondiale che studia e realizza prodotti hardware e software di “stiching” (cucitura) per quanto riguarda la fotografia/video immersiva, panoramica e di virtual tour.
La “mission” aziendale è quella di promuovere il più possibile la foto panoramica, infatti ogni anno l’ azienda organizza un concorso fotografico aperto a tutti con l’unico “vincolo” di presentazione: le foto devo essere panoramiche e assemblate con la tecnica dello “stiching”. Le migliori 150 foto, scelte da una giuria di fotografi professionisti particolarmente specializzati nel formato panoramico, vengono utilizzate per la stampa del prestigioso e meraviglioso Kolor Panobook con l’intento di imbarcarsi in un viaggio indimenticabile in tutto il mondo.

Ma come funziona questa tecnica e che particolarità offre? l’abbiamo chiesto al livignasco Michele Galli che di recente ha avuto l’onore di essere selezionato da Kolor, con una delle sua foto, per l’uscita del Panobook edizione 2016.
“La foto panoramica, avviene semplicemente assemblando più fotografie insieme, per poi “fonderle” in una unica immagine. Tali immagini sono costituite da milioni di pixel e sono ideali per rivelare fino nei minimi dettagli oggetti o panorami di grandi dimensione, cosa che sarebbe impossibile con i sensori multishot più evoluti.”

Detta così sembra una “passeggiata” da realizzare… ci sai dire qualcosa di più?
“beh in effetti oggi, attraverso l’evoluzione tecnologica e con specifiche applicazioni smartphone o tablet, tutti, o quasi sono in grado di realizzarle… poi bisognerebbe verificarne il risultato… ma come dice il fotografo Edward Weston: chi lo sa e chi se ne importa? il mondo della fotografia è anche bello per questo…
La fase di “scatto” e acquisizione è fondamentale, quando realizzi questo tipo di fotografia gli automatismi non sono d’aiuto… anzi, diventano solo problemi nel momento di “cucire” le foto insieme, non è la prima volta che torno a casa e cestino il lavoro fatto… Esistono poi diverse tecniche specifiche a seconda di cosa vuoi scattare. Dopo questa prima fase ci vengono in contro vari software, che con le dovute impostazioni personali, elaborano la foto.. ma sempre tenendo bene a mente una cosa: un buon lavoro deve emozionare…”
La tecnica delle fotografie panoramiche non è da attribuire solo a “paesaggi mozzafiato” ma a tutto ciò che vogliamo … largo alla creatività e alla fantasia!

Con che foto hai partecipato al concorso e che caratteristiche hanno?
“L’ iscrizione prevede la presentazione di massimo 3 fotografie panoramiche, io ne ho presentate 2 : Tuscany Landscape e Livigno Night&Day.”
“La prima è composta da 8 fotografie realizzata durante un viaggio in Val d’Orcia – Toscana. Sono letteralmente innamorato di questi paesaggi “made in Italy” che ti lasciano senza fiato, sembra di essere in una fiaba da quanto l’ambiente che ti circonda sia inverosimile, e in silenzio cerchi di “conservare” lo spettacolo che ti offre la natura.”
Livigno Michele Galli Tuscany_LandscapeQuesta è la foto selezionata per il Panobook edizione 2016

“La seconda è più articolata ed è composta da un totale di 80 fotografie suddivise in foto diurne e notturne. Il progetto mi ha richiesto molto tempo, il focus principale era la realizzazione in un unico scatto della fusione temporale del giorno e della notte sul panorama della valle di Livigno. La fusione è graduale e lineare, mettendo sempre in evidenza sullo stesso piano dettagli e particolari con una sovrapposizione particolarmente precisa e accurata dell’ambiente”
Livigno Michele Galli Livigno_Night&Day

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un radicale cambiamento delle nuove tecnologie, come sta cambiando la fotografia? e come cambia il ruolo del fotografo?
“Personalmente penso che la professione del fotografo sia sparita, dovuta alla tecnologia digitale che ha reso la fotografia “di massa”, chiunque abbia una buona macchinetta digitale può scattare qualche buona foto. Oggi a dettar le regole della fotografia “mediatizzata” è la condivisione immediata su Facebook e su altri socia media. Produrre immagini di alta qualità non è più sufficiente, per farsi notare il fotografo, attraverso la propria professionalità, deve riuscire a raccontare una storia che possa affascinare il pubblico. Questo richiede un’apertura di movimento più ampia nel panorama tecnologico, dalla fotografia al video e nel mio caso grazie anche al graphic design.”

Ti ringraziamo per l’intervento e ci risentiamo al prossimo concorso?
“Grazie a te Lele e a tutto lo staff del blog, la tua passione e determinazione sono per me un esempio da seguire… dimenticavo di aggiungere che ogni tanto un po di fortuna non guasta mai!!”

Grazie a te Michele, alla prossima e buon lavoro.

Check Also

Livigno Family Friendly: una vacanza in famiglia indimenticabile sulle Alpi italiane

Un soggiorno nel Piccolo Tibet è la scelta migliore per passare momenti magici con i …