Home / NEWS / cronaca / “Operazione Ghiaccio” porta in carcere due livignaschi

“Operazione Ghiaccio” porta in carcere due livignaschi

E’ da inizio inverno che i carabinieri di Livigno e quelli del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Sondrio stavano indagando riguardo a continui furti che avvenivano in attività commerciali del Piccolo Tibet.
Quasi una decina i casi successi negli ultimi mesi in negozi, bar, ricevitorie e abitazioni private.
I ladri colpivano la notte cercando di rubare soldi contanti, sigarette, alcol, biglietti del gratta e vinci.
Dopo un lungo periodo di investigazione l”Operazione Ghiaccio” è arrivata ieri alla svolta decisiva con l’emissione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere per due giovani residenti a Livigno: Scarcia Emanuele  del 1988  e Bou Zeidan Christian del 1995.
Per mesi i carabinieri hanno pedinato i due giovani, osservato le loro mosse e i loro spostamenti in provincia ed hanno visionato i filmati di videosorveglianza delle attività derubate.
Raccolto prove evidenti e sufficienti è scattato l’ordine di custodia cautelare dei due livignaschi nel carcere di Sondrio nella giornata di giovedì 19 giugno.
livigno

Check Also

Vallaccia di Livigno: sentenza della Corte di Cassazione impone stop ai progetti di ampliamento del dominio sciabile

Un altro capitolo della questione Vallaccia è stato concluso dopo che anche la Corte di …