Home / NEWS / Artisti,Cantanti, Bands, Dj / Intervista a Benny De Santis

Intervista a Benny De Santis

Continuiamo il giro delle interviste ai dj che lavorano a Livigno, dopo Dj Scisci, Dj Giancarlo Panseri, Dj Abel Lopez  e Dj Daniel Sound è il turno di Benny De Santis:

– Inanzitutto presentati
Ciao a tutti amici e grazie per quest’intervista che mi lusinga molto.
Sono un dj di Formia (ebbene si un altro formiano), sbarcato 3 anni e mezzo fa a Livigno con la sola voglia di far musica, divertirmi e far divertire.
BennyDeSantis05

– Tu arrivi da Formia, come è sentita lì la musica rispetto a un Livigno?
Beh Formia è una città di mare situata al centro di due realtà importantissime per la club culture come Napoli e Roma, per cui c’è tantissima cultura musicale. La gente della notte è abituata a scegliere con cura il locale giusto per la sua serata, con la musica e con il dj che più le piace. Di conseguenza ci sono tanti dj molto bravi e questo ti spinge a migliorarti ogni giorno per continuare a fare della tua passione il tuo mestiere

– Raccontaci la tua passione per la musica
Io fin da piccolo sono stato approcciato alla musica. Mio padre, invece di cantarmi le favole, mi cantava le canzoni dei Pooh o della Pfm. Qualche anno più tardi mi portava in campagna dei miei nonni e mi costruiva una batteria con i barattoli dei pelati vuoti con tanto di bacchette sempre da lui costruite con due legnetti ritagliati.
Ad 8 anni mi iscrisse da un maestro di batteria, imparando a suonarla ed arrivando all’età di 14 anni a suonare dinanzi alle telecamere di Rai 3 e Rai Educational. Passione poi miseramente abbandonata a causa di un vicinato poco affine con le mie ambizioni.
BennyDeSantis02

– I tuoi primi passi da dj
Nel 2006 si fece un gran festone nella palestra della mia scuola e ne rimasi completamente affascinato. Quell’atmosfera, quei ragazzi che si divertivano dietro quei ritmi comandati dalle mani di una sola persona!Wow.
Non persi tempo, andai dal dj, mi presentai e gli chiesi se poteva insegnarmi ed inaspettatamente acconsentì.
Dopo quel giorno mi aspettò un anno di studio teorico sulla storia della house music e di pratica sui giradischi e sui Cdj 100s Pioneer.
Devo dire veramente grazie a Pietro Auletta, Francesco Auletta e Vincenzo Benigno per aver creato in me un gran bagaglio culturale. Bagaglio che custodisco tutt’ora oggi con gran cura. Sono convinto che senza cultura non puoi guardare avanti con decisione ed intelletto, per cui li ringrazio ancora!
Di fatto pochi mesi dopo quello studio iniziai a fare, con successo, delle prime seratine per poi vincere un Contest Regionale per dj.
BennyDeSantis08

– Quando sei venuto a livigno e come sono andati i tuoi primi anni qui?
A livigno ho messo piede per la prima volta al Kuhstall come ospite, nel 2010. Fu la prima estate in cui iniziai a girare qualche posto dell’Italia per serate.
Li mi ascoltò il resident del Kokodi, Giancarlo Panseri e mi chiese di far la stagione invernale con lui.
all’età di 19 anni non era facile dirlo ai miei e lasciare l’università con degli esami già fatti. Lo feci lo stesso ed ora sono qui…che Dio benedica quel giorno perché davvero cambiarono nel bene tantissime cose.
I primi due anni qui a Livigno sono andati molto bene, ho imparato tantissimo, ma soprattutto continuo ad imparare.
BennyDeSantis06

-Quale musica ti piace suonare?
Il genere che mi piace e che solitamente propongo nelle serate è House Funky/Tribal, Tech-house o in altri contesti Soul/Deep.

– Le 10 canzoni che ti fanno impazzire di sempre?
Everything but The girl- missing
Junior jack – e samba
Manu Chao – me gustas tu
Masters at work – backfired
Jamiroquai – rock dust light star
Jovanotti – Penso Positivo
Lucio Dalla – Caruso
Anane – Bem ma mi
Mario Biondi – never die
Pink Floyd – The great Gigi in The sky (disco che voglio al mio funerale)
E molte altre molto meno conosciute…
BennyDeSantis04

– Che musica ascolti in auto?
In auto ascolto tantissime cose, Jovanotti, Pink Floyd, Queen, Deep Purple, Red Hot Chili Peppers, Asaf Avidan, Manu Chao, Jamiroquai, Tiromancino, Ennio Morrone, Mario Biondi, Lucio Dalla e qualche vecchia registrazione del buon vecchio Ralf, Claudio Coccoluto, Little Louie Vega, junior Jack, Chus ecc…
Ogni volta che si entra in auto si inizia un viaggio (che sia breve o lungo non importa) ogni viaggio deve avere la sua colonna sonora.

– Un commento sulla vita notturna di Livigno
La vita notturna a Livigno dal mio punto di vista è un po’ troppo statica, si guarda troppo spesso al passato. Alla musica del passato, ai locali del passato, a ciò che Livigno ha rappresentato nel passato, ecc… Credo che nel 2013 bisogna guardare un po’ più verso ciò che ci potrebbe riservare il futuro cercando di essere i precursori.
È un po’ come continuare a piangere dopo 30 anni su un caro defunto non preoccupandosi di un nascituro e del futuro che potrebbe costruire.
Il passato dev’essere un bagaglio per insegnare al nascituro a far ancora meglio. Inutile continuare a piangere il defunto.indietro ahimè non torna.

– Cosa manca a Livigno, cosa faresti se fossi il gestore di un locale?
Beh caratterialmente ed ambiziosamente non potrei mai fare l’imprenditore…Ho le mani bucate e spenderei sempre molto più di quello che guadagnerei. Il ruolo che mi riesce alla grande è quello di scassaballe dei gestori :)))
Detto questo, mi piacerebbe un giorno vedere tanti locali differenti l’uno dall’altro per cura musicale, obbligando la gente della notte a scegliere il proprio locale proprio in base al proprio gusto e non ad altro…BennyDeSantis01

– La serata che hai fatto che ricordi con più piacere?
Eh ricordo con piacere tutte le serate che ho fatto!
Ogni serata ha avuto il suo perché, la sua strada, la sua faccia anche se magari apparentemente non l’aveva.
Ogni volta si torna a casa e si pensa alle emozioni che hai provato. E di emozioni ne provo tante. Le mie magliette a fine serata parlano al posto mio.

– Attualmente lavori al Bivio Club, raccontaci l’atmosfera e il locale
Il Bivio Club è davvero un bel locale, oltre che per la sua rinomata eleganza proprio per il divertimento, per l’energia e per l’atmosfera che si instaura fin dal primo disco.
Parte la sigla:
La gente non capisce bene dove si trova si sente solo allacciare le cinture di sicurezza.
Finisce la sigla parte il primo disco:
Si parte verso nessuna destinazione o forse per tante destinazioni che sono il divertimento, le emozioni, la sessualità, la disinibizione, l’avventura, la continua comunicazione degli occhi, dei sorrisi e del corpo. il tutto con una musica che fa da colonna sonora per ogni dimensione e con le luci che fanno in modo che tu stia sempre attento a cogliere anche le piccole cose.
BennyDeSantis03

– Produci anche musica o la suoni solo?
Diciamo che per ora la suono solo.
Ma le conoscenze che ho fatto nello studio di produzione dei Black Sun (campioni d’Italia DMC ’96), teatro di importanti creazioni nella scena musicale dance come Carillon dei Magic Box, mi permettono di fare dei miei remix di alcune canzoni, fare dei groove, in modo da personalizzare i miei set.
E poi sto facendo un mio disco ma per ora solo per imparare tutti i segreti dei software di produzione.

– Cosa stai ascoltando ora e che musica proporrai questa estate?
Ultimamente uso per connettermi con la mia terra e trovo stimoli creativi soprattutto dai Manu Chao che non posso fare a meno di ascoltare.
Quest’estate non farò altro che proporre la mia musica che è molto affine alle sonorità delle località di mare e che quindi danno quel tocco di freschezza che ricorda di essere in estate.

– I consigli che dai a qualcuno che vuole iniziare a fare il dj
Beh non posso dare molti consigli visto che non sono un dj arrivato, ma un dj che sta imparando. Quindi l’unico consiglio che posso dare è di non smettere di porsi nella condizione di imparare senza presunzione e di andare oltre alle macchine tecnologiche per suonare. Di seguire un unico obiettivo: esprimere ciò che hai dentro e di dire ciò che vuoi e che sia detto attraverso il linguaggio della musica che è un linguaggio universale.
BennyDeSantis07

– Sogno nel cassetto?
Dar da mangiare alla mia futura moglie ed ai miei futuri figli con la musica e non smettere di aver cose da dire con questo linguaggio.

– Come vedi Benny De Santis fra 10 anni?
Spero realizzato nel mio sogno nel cassetto.

– Saluti finale
Ringrazio lo staff di I Love Livigno e tutti voi che avete letto quest’intervista. Mi ha fatto molto piacere condividere i miei pensieri con voi!
E vi aspetto nelle mie serate per condividere con me un viaggio musicale.

Cerca Benny su Facebook: https://www.facebook.com/bennydesantisdj
ed iscriviti alla sua nuova pagina ufficiale: https://www.facebook.com/bennydesantisdjpage

Check Also

Livigno, il ricco weekend del Monkey Pub

Da questo inverno ha aperto a Livigno il Monkey Pub, si trova in via freita …