giovedì , 27 Febbraio 2020
Home / NEWS / attualità / Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia a Livigno

Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia a Livigno

Giovedì 20 novembre abbiamo partecipato al 25° anniversario del “cammino dei diritti”, giornata internazionale dedicata ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza organizzata dalla Cooperativa Sociale Impronta di Livigno.
Un gruppetto molto affiatato di bambini con in mano i loro palloncini di infiniti colori arcobalenici ci accoglie alle scuole medie di Livigno, luogo di partenza della “marcia”. Proseguiamo per tutta la via pedonale del centro paese mostrando con orgoglio i nostri palloncini, simbolo di libertà e di pace fino ad arrivare al Comune dove le maestre, gli organizzatori, tutti gli amminstratori e politici di Livigno si sono radunati per parlare dei diritti dei bambini nel mondo.
marcia dei bambini livigno

Thomas Sosio, educatore presso la Cooperativa Sociale l’Impronta, racconta ai bimbi il motivo per il quale ci trovassimo tutti in casa comunale e trattare argomenti così impegnativi facendo una sintesi degli avvenimenti storici più importanti ed estrapolando le tappe più salienti della nostra Storia. “In tutto il mondo tutti i bambini non hanno gli stessi diritti, realtà dove bambini come voi mangiano poco perchè sono poveri, come ad esempio situazioni di guerra e di miseria.. 25 anni fa tanti Stati nel mondo hanno firmato insieme una convenzione di alcuni diritti fondamentali. Oggi abbiamo un libro intitolato “il cammino dei diritti” che contiene tante schede e per ognuna di esse c’è una tappa di un percorso che è durato una buona parte della storia fino ad arrivare ai giorni nostri, nella quale c’è una poesia che leggeranno uno ad uno i nostri amministratori. Il primo punto riguarda la Rivoluzione Francese, tappa fondamentale della nostra storia. In Francia nel 1789 il Parlamento francese approvava la solenne dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, grande traguardo per i primi riconoscimenti della libertà e della dignità umana; l’articolo 1 dice infatti “gli uomini nascono e rimangomno liberi e uguali nei diritti”.
marcia bimbi livigno

“Libertè, legalitè, fraternitè…” Interviene il vice sindaco e assessore ai servizi sociali Narciso, leggendo la prima poesia ovvero la prima tappa del cammino dei diritti. Ora siamo nel 1862 succede che negli Stati Uniti d’America il presidente di allora,  Abraham Lincoln proclama l’emancipazione degli schiavi, c’era la schiavitù. Lincoln firma questa carta che rappresenta un passo importante che di seguito aprirà la strada per l’approvazione di un emendamento alla costituzione degli Stati del Sud America per l’abolizione della Schivitù. Ora siamo in India nel 1930, parliamo di Gandhi che ha organizzato una protesta non violenta contro le tasse imposte dall’impero coloniale britannico. L’Inghilterra aveva conquistato l’India, più di mille persone per la prima volta continuavano a marciare senza reagire alla violenza..dare voce ai nostri diritti attraverso Gandhi! Continuiamo il nostro viaggio nel 1945, appena finita la 2° Guerra Mondiale dove Hitler ha fatto costruire interi campi di concentramento. Il 27 gennaio del 1945 ad Auschwitz vennero liberate tutte le persone prigioniere. Arriviamo al 10 dicembre del 1948 dove l’Assemblea generale degli Stati Uniti cioè tutti i capi di governo di tutto il mondo che si unisce due volte all’anno si trovano per proclamare la dichiarazione universale dei diritti umani unendo tutta la storia dell’umanità che riguarda tutte le persone senza distinzioni. Un’altro passo avanti, evento mai successo fino a quel momento. Nel 1975 in italia esce una riforma molto importante il diritto di famiglia. Prima di questo la donna era meno importante dell’uomo ma da quella data ambo i sessi ottengono pari diritti. Nel 1984 l’assemblea generale degli Stati Uniti si ritrova per firmare un’altra convenzione per debellare la pena di morte. La pena di morte è stata eliminata il 20 novembre 1989 e 25 anni fa esatti! si firmava questa convenzione internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Hanno stilato questa lista di diritti dove tutte le nazioni del mondo hanno partecipato. L’importanza ad avere una casa, l’importanza di divertrsi e giocare, una famiglia, un’educazione, e quindi un’istruzione a scuola. Ci avviciniamo ai giorni nostri quando nel 1944 Nelson Mandela viene eletto Presidente della Repubblica Sudafricana. La sua proclamazione coincide col termine dell’apartheid, cioè la forma di schiavitù dei neri. Ultimo avvenimento della nostra storia avviene in Pakistan dove una ragazza manifesta insieme ai suoi compagni di scuola per avere un’istruzione dopo i 14 anni di età, per richiamare l’importanza del diritto dei bambini all’istruzione.
marcia bimbi livigno 2
livigno marcia bambini 1

E’ dunque arrivato il momento delle presentazioni ufficiali e gli amministratori che hanno partecipato attivamente al racconto della nostra storia si presentano. Sono il vicesindaco Narciso Zini, Rudy Galli assessore ai lavori pubblici e Damiano Bormolini il sindaco di Livigno.
Proseguiamo tutti insieme verso l’ultima tappa del nostro cammino fino alla Bottega Equo Solidale dove facciamo tutti merenda e diamo il nostro ultimo saluto ai coloratissimi palloncini come a significare l’inizio di un viaggio, per diventare grandi!
marcia bimbi livigno 3

Guarda la gallery fotografica con gli scatti della camminata.

Check Also

I Love Livigno non verrà più aggiornato

I Love Livigno non verrà più aggiornato, il sottoscritto Della Fonte Gabriele non ha più …